Recensione Donald Trump's The Art of the Deal: The Movie

Un incontenibile Johnny Depp è Donald Trump in Donald Trump's The Art of the Deal: The Movie, mediometraggio realizzato dal sito web Funny or Die.

recensione Donald Trump's The Art of the Deal: The Movie
Articolo a cura di

Il regista Ron Howard si rivolge al pubblico dicendo di aver ritrovato una vhs contenente un film diretto, sceneggiato, prodotto ed interpretato da Donald Trump e liberamente ispirato al libro di memorie scritto anni prima dal magnate americano. La pellicola ha inizio nel 1986 e vede un ragazzino rubare una copia della suddetta autobiografia per poi rifugiarsi inconsapevolmente nell'ufficio dello stesso Trump, dove incontra proprio l'allora soltanto uomo d'affari. Questi comincia così a raccontare per filo e per segno alcuni passaggi chiave della sua vita, cominciando dal suo sogno di bambino riguardante l'acquisto del mausoleo indiano Taj Mahal, per poi insegnare al suo piccolo ascoltatore le regole guida per ottenere successo e potere.

Like a God

Il popolare sito web Funny or Die, fondato da Will Ferrell e Adam McKay, ha sempre messo alla berlina personalità e luoghi comuni dell'american way of life, ma forse non si era mai spinto così oltre come nella realizzazione di Donald Trump's The Art of the Deal: The Movie, mediometraggio di cinquanta minuti liberamente ispirato, in chiave parodica, al libro realmente scritto dal discusso uomo d'affari americani. Non è un caso che il film sia stato rimosso dalla piattaforma, senza per altro alcuna spiegazione ufficiale, e probabilmente i giochi politici attualmente in atto hanno inciso sulla decisione; la visione infatti è dichiaratamente satirica e graffiante in maniera palesemente denigratoria nei confronti del controverso candidato repubblicano alla presidenza USA. Un'operazione che diverte e spaventa al contempo nel tratteggio di questa personalità così ambigua, interpretata magnificamente da un Johnny Depp irriconoscibile sotto chili di trucco; l'attore sfodera una delle migliori performance degli ultimi anni, tra divertiti manierismi sopra le righe e una verve macchiettistica che cattura appieno i tic e i modi di fare del personaggio ivi rappresentato. In un vero e proprio viaggio nel passato, volutamente realizzato con uno stile visivo da vhs ottantiana, popolato da camei d'eccezione includenti tra gli altri attori e registi quali Ron Howard (che introduce ed epiloga il narrato), Henry "Fonzie" Winkler, Alfed Molina, Robert Morse, Christopher Lloyd (in un finale esilarante citante Ritorno al futuro) e addirittura l'alieno televisivo Alf (definito da Trump come l'unico extraterrestre immigrato illegalmente ben accetto), le occasioni per ridere a crepapelle non mancano di certo, in un percorso finanziario nel quale compaiono avvocati, politici e business man, tutti costretti a cedere alle capacità manipolative d "The Donald". Ai titoli di coda, tutti da gustare nell'esposizione degli spassosissimi credits, si giunge sì gaudenti ma con un senso di malsana inquietudine sul futuro più prossimo.

Donald Trump's The Art of the Deal: The Movie Uno scatenato Johnny Depp è Donald Trump in Donald Trump's The Art of the Deal: The Movie, mediometraggio prodotto dalla piattaforma di sketch comedy Funny or Die e liberamente ispirata in chiave parodica e irriverente all'omonima autobiografia pubblicata nel 1987 dall'attuale e controverso candidato repubblicano alla presidenza USA. Cinquanta minuti divisi per capitoli e popolati di situazioni e personaggi gustosi e costantemente sopra le righe che regalano una sana dose di divertimento non priva però di una forte chiave critica che mette in guardia sul prossimo e possibile risultato elettorale d'Oltreoceano.

7.5

Quanto attendi: Donald Trump's The Art of the Deal: The Movie

Hype
Hype totali: 0
ND.
nd