Recensione Disaster Movie

Un disastro filmico nel vero senso della parola

Articolo a cura di

Dieci anni di false risate

Qualcuno si chiede ancora come mai la serie Scary Movie abbia avuto così tanto successo nonostante proponesse un'ironia slapstick, tendenzialmente demenziale. Tutto ebbe inizio con l'idea di ripresentare, in toni meno scuri, l'acclamata serie Scream del maestro dell'horror Wes Craven; a seguire, vennero poi citati altri film di successo quali I soliti sospetti, Il sesto senso e The Blair Witch Project. La parodia funzionò (in parte) poiché proponeva una rappresentazione improbabile e dissacrante dei big di Hollywood e delle assurde leggi che muovono il dietro le quinte dello Star System, esorcizzando la paura attraverso lo sberleffo, fino a toccare talvolta un umorismo di pessimo gusto. Allora Jason Friedberg e Aaron Seltzer collaboravano alla stesura dello script e delle gag con altri sceneggiatori fino a quando, capita l'antifona, hanno deciso di andare per la loro strada estendendo il raggio d'azione a tutto il cinema mainstream. Dopo aver sminuito gli horror, i film epici, il sesso e il la pellicola simbolo di Zack Snyder, 300, è arrivato il momento dei film catastrofici. Disaster Movie è la risposta definitiva alla domanda che probabilmente molti spettatori si staranno facendo: proporrà una comicità arguta e per una volta divertente?

L'improbabile storia di un gruppo di improbabili adolescenti

Un gruppo di amici ventenni si imbatte in ogni genere di evento catastrofico dopo che al più affascinante del gruppo, l'atletico Will (Matt Lanter - voce di Anakin Skywalker nel lungometraggio animato Star Wars: The Clone Wars), appare in sogno Amy Winehouse con un paio di sciabole tra i denti preannunciandogli la fine del mondo nel 2008. Risvegliatosi nel panico più totale, coinvolgerà un gruppo di amici e conoscenti racimolati durante l'avventura per mettere al suo posto il teschio di cristallo; causa di tutti i disastri. Asteroidi, tornado, terremoti, ogni tipo di calamità immaginabile si abbatte sulla città e incrocia le strade della combriccola, mentre questa tenta di risolvere una serie di misteri che potrebbero porre fine alla distruzione dilagante. Guest star, nelle intenzioni dissacrante ironia e tante belle donne sono gli ingredienti di questo sciatto e prevedibile disastro cinematografico.

La catastrofe commerciale

Se, in origine, la parodia demente aveva un suo perché, oggi quella del duo Friedberg-Seltzer - ormai da anni in crisi creativa (abboniamo il fatto che a modo loro siano stati dei creativi...) - ha dato il definitivo colpo di grazia alla pazienza dello spettatore. Realizzato utilizzando tecniche scadenti, palesi controfigure diverse dall'attore di riferimento (tutte nelle intenzione, eh!) e masticando un linguaggio oltraggioso e volgare, la pellicola non fa altro che dimostrare un interesse meramente economico volto ad incassare facendo leva sul nome delle pellicole parodiate: High School Musical, Indiana Jones, 10.000 AC, The Day After Tomorrow tra i catastrofici; ma anche pellicole che non c'entrano niente come Hancock, Suxbad, Come d'incanto, Speed Racer e Juno... senza dimenticare le ridicole e riciclate versioni di Hulk, Batman, Iron Man e personaggi pubblici americani (Michael Jackson deve essere il loro idolo!). Un tale miscuglio di character e situazioni slegate tra di loro che porta irrimediabilmente ad un imbarazzante risultato di non-sense.
I registi non lasciano neppure il solito contentino a sfondo sessuale: in 3Ciento.. Chi l'ha duro la vince Carmen Electra mostrava le sue forme perfette in più di un'occasione, mentre qui la vediamo di sfuggita in un incontro di Wrestling fintissimo e palpeggiante (come a voler ammiccare alla sua foundation Naked Women's Wrestling League, federazione di wrestling spettacolo in cui le atlete si oppongono tra loro nude).
Ciò che si critica di Disaster movie è la cocciutaggine nel proporre una comicità stantia che già nelle sue prime apparizioni mostrava già diverse falle. L'ironia spicciola non paga a lungo termine, soprattutto quando non si rispettano gli spettatori paganti, i quali se scontenti non perdonano, liberi di decidere le sorti di un trend. Che poi sia balzato in testa alla classica Imdb dei film più brutti della storia votati dagli utenti è l'ulteriore conferma che attesti quanto, non solo non sia stato apprezzato dalla critica specializzata ma, ben più grave, è stato stroncato da chiunque abbia avuto la sfortuna di vederlo. L'ironia della sorte ha voluto che titolo e riscontro di pubblico coincidessero perfettamente...

Disaster Movie Il film è un disastro nel vero senso della parola: tedioso, insulso e incapace di comunicare nulla che non sia un linguaggio scurrile, tanta immondizia e il vuoto più assoluto. Parabola discendente (ammesso e concesso che sia partita dall'alto), la serie-parodia ideata dalla coppia Friedberg-Seltzer ha davvero stancato. L'unico aspetto da salvare in questa epopea kitch e terribilmente noiosa è la campagna marketing, nello specifico i poster che ripropongono in versione “Disaster movie” molte locandine di altrettanti classici del genere. E ciò dovrebbe già dirla lunga...

1

Quanto attendi: Disaster Movie

Hype
Hype totali: 1
50%
nd