I Croods 2 - Una nuova era, la recensione del film d'animazione Dreamworks

Arriva in sala il sequel diretto da Joel Crawford, un prosieguo tematicamente centrato e visivamente colorato che però non sorprende fino in fondo.

I Croods 2 - Una nuova era, la recensione del film d'animazione Dreamworks
Articolo a cura di

La storia produttiva de I Croods 2 è tra le più travagliate e lunghe dell'intera storia cinematografica della Dreamworks Animation. Annunciato infatti nel 2013, a pochi mesi dall'uscita del primo capitolo, questo sequel sarebbe dovuto entrare in produzione in tempi nettamente più brevi, per altro nuovamente diretto dai registi originali, Chris Sanders e Kirk DeMicco. La release iniziale venne fissata per l'autunno del 2017 e - stando alla DeMicco - avrebbe raccontato la maternità di Ugga come "primo capitolo della società", dove il primo film era considerato invece "l'ultimo capitolo degli uomini delle caverne". Poi l'arrivo di Comcast nell'acquisizione dello studio spinse 20th Century Fox a rimuovere direttamente il film dal calendario, lasciandolo passare a Universal Pictures che lo avrebbe distribuito "nel corso del 2018".

Nel novembre 2016, però, la produzione del film venne interrotta misteriosamente fino all'autunno del 2017, quando venne invece annunciato il ritorno in scheduling del progetto senza però i registi originali, con un passaggio di testimone a Joel Crawford e un'uscita fissata per il 2020, anno dello scoppio della Pandemia di Coronavirus che tuttora tiene in scacco il mondo intero a causa delle sue varianti nonostante una diffusa campagna vaccinale globale. Cambiarono anche le coordinate della storia, sì incentrata sull'avvio di una società più "civile" ma distante dal discorso di maternità di Ugga (anche se in parte presente) e ragionata invece sul confronto tra vecchio (I Croods) e nuovo (I Betterman, il cui cognome è di per se esaustivo).

Banane

La prima cosa che salta all'occhio di questo interessante I Croods 2 - Una nuova era è la continuità stilistica e tematica con il primo film, di cui si rivela sostanzialmente essere un more of the same con però i suoi momenti unici e originali.

Visivamente e artisticamente recupera ogni aspetto formale e tecnico dal precedente capitolo, dunque è propenso a un'estetica ricca di colori e dettagli, fauna e flora particolari, paesaggi sconfinati, biomi differenti in successione continua. È un lavoro d'animazione opulento che spesso fagocita intenzionalmente storia, dialoghi e personaggi, lasciando spazio a un senso del sublime che mette l'Uomo del passato davanti alla maestosità e alla pericolosità della natura, più di quanto non si facesse nel racconto che lo ha preceduto. In questo senso, I Croods 2 è un netto e funzionale prosieguo concettuale del film di Sanders e DeMicco, dove anzi l'evoluzione tecnologica aiuta non poco a valorizzare ancora di più le particolarità dei tratti dei vari protagonisti e i contrasti caleidoscopici tra piante, animali e varie zone esplorate dalla famiglia.
Tutto si accentua ancora di più quando si raggiunge Domani, che sarebbe quel "pezzetto di società agli albori" voluta nella storia iniziale, solo qui ripensata per generare il conflitto tra vecchio e nuovo e mettere dunque in risalto e agli antipodi modi di pensare e agire apparentemente inconciliabili.

In sostanza si parla di gap generazionali e sociali ma spiegati con grande intuito a un target principalmente infantile, che davanti a uno spettacolo simile non può che divertirsi, assuefatto dall'arcobaleno di colori sparato a tutta potenza sul grande schermo e catturato dalle divertenti personalità dei vari Grug, Eap, Guy o delle new entry Dawn, Phil e Hope Betterman, che vivono proprio a Domani nascondendo però qualche segreto di troppo.

Il discorso, anche e soprattutto familiare, vuole arrivare alla conclusione che le differenze che possono esistere tra schemi di pensiero o d'affetto diversi non dovrebbero mai far dimenticare che alla base di tutto deve esserci fiducia, condivisione e sì, anche un pizzico di sacrificio, inteso come compromesso, un passo verso l'altro. Pensare "alle banane", alle sciocchezze, devia dal giusto percorso, che però può semrpe essere ripreso facendo la prima mossa e accettandosi e scoprendosi fallaci, testardi, imperfetti, praticamente e semplicemente umani, più grandi, piccoli, intelligenti o cavernicoli che siano.

Tutto questo è ben amalgamato con lo spettacolo tecnico di cui parlavamo poco sopra, ma in fin dei conti I Croods 2 - Una nuova era sa sempre e comunque di già visto, come se non si fosse voluto spostare poi troppo la mela dall'albero per non rischiare qualcosa di più. In parte è un peccato, perché soprattutto in termini registici, con in mano un titolo tanto ricco dal punto di vista visivo, si sarebbe potuto tentare un approccio diverso dal passato, qualcosa di più intrigante e memorabile almeno in alcune situazioni. Invece i mille problemi produttivi e i continui posticipi hanno permesso di confezionare un titolo che intrattiene e veicola un bel messaggio di crescita, speranza e condivisione - specie di questi tempi - ma che pare essere talmente consapevole dei suoi limiti auto-imposti da non voler tentare quel salto in più per arrivare davvero a qualcosa di migliore.

I Croods 2 - Una nuova era I Croods 2 - Una nuova era si rivela un perfetto more of the same del primo capitolo uscito nel 2013, tecnicamente ancora più strabordante dal punto di vista visivo ed estetico, anche merito della profonda esigenza di riscrivere da zero la grammatica dei biomi del franchise. Bello da vedere, interessante e appagante da vivere, il problema principale del film è la sua volontà di non voler superare il precedente lavoro, imitandone più o meno tutto il percorso con tematiche più sviluppate e aggiunte importanti (gap generazionale, tema della maternità contro quello della paternità) ma senza mai davvero tentare di migliorarsi in nulla dal punto di vista narrativo o registico. Un film, insomma, che non punta davvero al Domani ma a vivere bene il presente, cosa in cui effettivamente riesce.

7

Che voto dai a: I Croods 2 - Una nuova era

Media Voto Utenti
Voti: 4
7.2
nd