City hunter - Il film, la recensione del live-action con Jackie Chan

In City Hunter - Il film il detective Ryo Saeba e la sua partner Kaori devono sventare un attentato terroristico a bordo di una crociera di lusso.

recensione City hunter - Il film, la recensione del live-action con Jackie Chan
Articolo a cura di

Il detective privato Ryo Saeba e la sua partner Kaori Makimura vengono ingaggiati da un magnate dell'editoria giapponese per rintracciare la figlia, scappata di casa all'annuncio delle seconde nozze del genitore. La ragazza riesce a dileguarsi ed entra in possesso di un invito esclusivo ad una crociera per ricchi, alla quale prende parte anche Kaori (da sempre innamorata di Ryo ma irritata dalle sue attenzioni per le altre donne) insieme ad un morboso cugino che ha intenzione di sposarla. Tra i passeggeri vi sono anche un abilissimo baro e due belle poliziotte, ma nessuno sa che a bordo ha messo piede un numeroso gruppo di terroristi intenzionati a chiedere un cospicuo riscatto per la liberazione degli ostaggi. Il detective si troverà così ad affrontare una missione ben più pericolosa del previsto.

Azione e risate

Chi è cresciuto negli anni '90 ricorderà piacevolmente l'anime di City Hunter, a sua volta tratto da un popolare manga di successo incentrato sulle disavventure di un investigatore privato col debole per le belle donne sempre accompagnato dalla sua partner Kaori, cui era legato platonicamente. Meno conosciuto è invece il live-action realizzato ad Hong Kong nel 1993, nonostante la presenza nei panni dell'iconico protagonista di una star quale Jackie Chan. In questo adattamento ambientato nell'ex colonia britannica le atmosfere dell'opera originaria si perdono inevitabilmente (e lo stesso Jackie poco assomiglia alla controparte cartacea/animata) ma il risultato finale è comunque un discreto film di intrattenimento costruito su gag slapstick ed un'ironia cartoonesca capace di regalare un gran numero di risate nei cento minuti di visione. City Hunter - Il film riprende alcune idee base dalla fonte di partenza, a cominciare dall'aria da latin lover del Nostro fino alla gelosia perenne di Kaori (con tanto di scenette immaginative in cui impugna il leggendario e gigantesco martello), ma per il resto si concentra su un'azione esasperata ad alto tasso parodico, in cui il Nostro e gli altri personaggi principali le danno di santa ragione all'infinita armata dei cattivi, regalando citazioni a scena aperta in più occasioni: da L'ultimo combattimento di Chen (1978) trasmesso nel cinema della nave e da cui Ryo copia le movenze di Bruce Lee per sbarazzarsi di due colossi afroamericani, all'esilarante omaggio a Street Figher in cui Jackie si improvvisa quale inedita Chun Li, l'operazione si pone come un innocuo ma gradevole divertissement in cui la componente marziale, limitata in precedenza, esplode letteralmente nella mezz'ora finale con una serie di evoluzioni sempre più scatenate che coniugano al solito abilità coreografiche e contagiosa simpatia.

City hunter - Il film Non è il Ryo Saeba del manga/anime quello interpretato da Jackie Chan in questo live-action frutto di una co-produzione tra Hong Kong e Giappone, nonostante le citazioni all'opera originaria non manchino di certo, gelosia della bella Kaori inclusa. In City Hunter - Il film però si opta per una comicità ancora più esasperata in un calderone di gag e battute in cui il popolare funambolo la fa come sempre da padrone, innescando nella mezz'ora finale un'apoteosi action degna di nota e fortemente parodica (con tanto di irresistibile omaggio a Street Fighter) che, pur all'interno di una narrazione raffazzonata, sa regalare gustose risate in serie.

6.5

Che voto dai a: City hunter - Il film

Media Voto Utenti
Voti: 4
7.5
nd