Le Avventure di un Matematico Recensione: su SKY un biopic poco ispirato

Il film ripercorre alcuni anni di vita dello scienziato polacco Stanislaw Ulam, tra coloro che contribuirono alla creazione della bomba atomica.

Le Avventure di un Matematico Recensione: su SKY un biopic poco ispirato
Articolo a cura di

Nato a Leopoli sul finire del primo decennio del ventesimo secolo, Stanislaw Ulam è stato uno degli scienziati migliori del suo tempo, tra i più grandi matematici polacchi. Ma il suo nome è legato anche ad una delle pagine più cupe della storia: lo sgancio delle atomiche sul Giappone, che posero definitivamente fine alla Seconda Guerra Mondiale. Tra le menti dietro la creazione della bomba ad idrogeno, Ulam viene ricordato assai meno per il fondamentale apporto che diede allo sviluppo del calcolo combinatorio e della topologia, materie nelle quali eccelleva tra i suoi colleghi. Da Le Avventure di un Matematico, il biopic in onda il 7 dicembre su Sky Cinema 2, ci si aspettava forse qualcosa di più sul contorno ma, come vedremo, questa prima visione tra i film Sky e NOW di dicembre 2021 preferisce concentrarsi sul succitato climax conosciuto da tutti.

Le avventure di un matematico: il tempo della bomba

Allo scoppio della guerra, quando i nazisti cominciano l'invasione della Polonia nel 1939, Stanislaw Ulam si trasferisce Oltreoceano e viene assunto nella prestigiosa università di Harvard. Le sue abilità vengono subito notate dalle forze governative, che lo mettono al lavoro sul progetto Manhattan; siamo nel 1942, Ulam è insieme al fratello e ha lasciato il resto della famiglia in patria.

Mentre prende parte alla creazione della bomba atomica, l'uomo fa la conoscenza dell'affascinante Francoise, di origini francesi, con la quale convolerà a nozze. Ulam comincia però ad essere consumato dai dubbi, e quando l'ordigno scatena la sua furia distruttiva sulle città di Hiroshima e Nagasaki, niente per lui sarà più lo stesso.

Poco di avventuroso

I cento minuti di visione soffrono di due evidenti limiti: il primo è un eccessivo didascalismo che castra sul nascere qualsiasi slancio emotivo, mentre il secondo è l'incapacità di offrire un ritratto a tutto tondo dell'uomo dietro lo scienziato.

Le Avventure di un Matematico è il classico biopic incolore, che difficilmente appassionerà chi non è affine a certe tematiche e ambientazioni storiche. Nulla a che vedere con opere intense e più riuscite sull'argomento come L'ombra di mille soli (1978), dove Paul Newman vestiva i panni del generale a capo del progetto, e sicuramente il prossimo progetto di Christopher Nolan sullo scienziato J. Robert Oppenheimer, che avrà ben altra caratura (avete letto del folle contratto di Nolan con Universal dopo la rottura con Warner?). Il regista e sceneggiatore Thor Klein, al suo secondo lavoro dietro la macchina da presa dopo l'inedito horror Lost Place (2013), dirige senza uno stile preciso, limitandosi ad una messa in scena anonima che va di pari passo con la monotematica narrazione: pur riferendosi ad eventi realmente accaduti, un approccio che stempera in tal modo il vissuto dei personaggi risulta a tratti fastidioso. Il cast internazionale non aiuta, con nomi poco conosciuti dal grande pubblico e privi del necessario carisma per rendere effettivamente interessanti i relativi alter-ego su schermo.

Le avventure di un matematico Un titolo a tratti troppo tecnico, altrove troppo anonimo e, soprattutto, mai efficace nell'offrire uno sguardo a tutto tondo sulla figura di Stanislaw Ulam, matematico di origini polacche che contribuì alla realizzazione della bomba ad idrogeno, con tutti i dubbi e rimorsi del caso. Le Avventure di un Matematico è un biopic senza arte né parte, che non riesce a costruire personaggi interessanti e li annacqua in una narrazione priva di guizzi stilistici e emozionali, con una messa in scena compromessa non solo dalla regia poco ispirata ma anche da un cast mai effettivamente convinto e convincente. Il film andrà in onda martedì 7 dicembre alle 21.15 su Sky Cinema 2.

5

Quanto attendi: Le avventure di un matematico

Hype
Hype totali: 4
38%
nd