Alice in Wonderland Recensione: Il Sottomondo in Alta Definizione

Alice nel Paese delle Meraviglie torna sul grande schermo con Alice in Wonderland.

recensione Alice in Wonderland Recensione: Il Sottomondo in Alta Definizione
Articolo a cura di

Un autorevole commentatore di Lewis Carroll (mi pare si chiamasse J. R. R. Tolkien, forse l'avete già sentito nominare) una volta ha scritto che le vicende di Alice nel Paese delle Meraviglie sono un'avventura talmente metafisica e onirica che ogni epoca è destinata a rileggerle secondi i suoi specifici canoni estetici. Negli anni '50 abbiamo avuto la versione fiabesca di Walt Disney, con uno dei suoi cartoon più belli e meno compresi, più recentemente, American mcGee, con il suo Alice del 1999 ha cercato di sublimare l'ansia di fine secolo in uno dei videogames più atipici di quegli anni, dove il gameplay diventava un sottotesto della ricerca estetica; lo scorso Marzo è stata la volta di un altro grandissimo artista, a suo agio fra le atmosfere gotiche e crepuscolari del Sottomondo, Tim Burton, dopo anni di lavorazione e non poche traversie produttive ha potuto, grazie alla fiducia di Disney (tornata a finanziarlo dopo i suoi esordi, giovanissimo, da animatore), regalarci la sua personalissima visione di Alice, del Bianconiglio e dell'eterno scontro fra le due regine. Everyeye vi ha proposto due ottime recensioni (che trovate qui e qui, a cura di Andrea Bedeschi e Marco Lucio Papaleo), analizzando pregi e difetti dell'ultimo lavoro del cineasta di Burbank. Chi scrive, pur amando alla follia il primo ventennio di produzione Burtoniana, non ha apprezzato tantissimo questo Alice in Wonderland, forse un po' troppo statico, dove un'estetica di maniera diventava la scusa per coprire una sostanziale mancanza di idee. Johnny Depp interpreta se stesso, sempre vincolato al ruolo dell'eterno pazzo borderline, la Boham Carter idem, con la sua Regina Rossa fin troppo sopra le righe. L'unica interpretazione che davvero svetta è quella di una bravissima Anne Hataway che, con il ruolo della Regina Bianca, mostra inaspettate doti di caratterizzazione, donando al suo personaggio un'aria tanto accondiscendente quanto inquietante. Al di la delle singole performance tuttavia, è la grammatica cinematografica a mancare totalmente, ossessionato dalla sua ricerca punk - gotica, Burton sembra aver perso di vista il piacere di raccontare storie, vicende di Freak, emarginati, ma che alla fine trovano sempre la via (di solito oltremodo dolorosa e commovente) per farsi accettare. Burton, con i suoi primi film, ci aveva insegnato a non temere il diverso e metteva lo spettatore faccia a faccia con la sua parte più mostruosa, quella intollerante e refrattaria, svelando tutte le sottili ipocrisie della nostra società. In Alice manca tutto questo, non siamo davanti a un freak che cerca il suo posto nel mondo, ma ad una ragazzina viziata, eroina più per caso che per desiderio, in balia degli eventi e senza una volontà propria. Quando manca questo tutte le moine del Cappellaio Matto, o la surreale arroganza delle due Regine non bastano a tenere in piedi un film labile come un sogno che, come accade nel Sottomondo, confonde troppo spesso ambizioni e realtà, senza toccare né le une né le altre.

Come da tradizione Disney, questo Blu Ray si mostra di altissima qualità. Il video a 1080p, codificato in MPEG - 4 AVC (con aspect ratio 1:78:1) restituisce alla perfezione i colori brillati del Sottomondo immaginato da Burton, quasi meglio che al Cinema dove l'uso delle tre dimensioni, per forza di cose, costringe a una definizione maggiore. Se a questo aggiungiamo che tutto il film è stato girato in digitale ed ha subito un lavoro di post - produzione durato quasi più a lungo delle riprese, si capisce come questo disco vada a piazzarsi di diritto ai vertici della categoria. Parlare di imperfezioni o artefatti di compressione non ha senso, dato che il video in formato non compresso è stato riversato direttamente su Blu - Ray senza alterazioni di sorta, dato che, naturalmente, non c'era alcun bisogno del passaggio da analogico (pellicola) a digitale.
Allo stesso modo l'audio, qui presentato in quattro lingue (Inglese, Fiammingo, Olandese e, naturalmente, Italiano) garantisce una riproduzione di tutto rispetto, sia nei doppiaggi, codificati tutti in Dolby Digital 5.1, sia nel master originale anglosassone, dove la purezza del DTS HD garantisce un sonoro cristallino con musiche rotonde ed efficaci. Il volume delle voci, degli effetti e della colonna musicale è già mixato perfettamente ed è molto difficile avere la necessità di agire sui nostri telecomandi perché alcune scene sono troppo "rumorose" o, al contrario, non si sentono i dialoghi. Disney, dunque, continua in quella che oramai è diventata una vera e propria cavalcata trionfale (iniziata con l'uscita in Blu Ray di Biancaneve e i Sette Nani), sfruttando l'alta definizione nel migliore dei modi possibili. Segnaliamo anche in questa edizione, come era già avvenuto per la Principessa e il Ranocchio, la presenza del tagliando per scaricare la propria E - Copy del film, da vedere su dispositivi mobili o computer portatili dotati di Windows Media Player.
Solo riguardo gli extra abbiamo qualche critica da fare, mancano i classicissimi trailers e le featurette di produzione, sostituiti da un documentario, interessante, sugli effetti speciali e da due video dedicati ad Alice e al Cappellaio Matto. Niente di trascendentale, quando, dato tutto il lavoro preparatorio fatto per questo film, di certo negli archivi ci sono tonnellate di storyboard, disegni e filmati che aspettano solo di essere tirati giù dagli scaffali e digitalizzati.

Alice in Wonderland Alice in Wonderland è, come sempre da Disney, un ottimo Blu Ray, tecnicamente eccelso in cui è molto difficile trovare difetti visivi o uditivi. L’unico dubbio che ci rimane è quello sul film in sé, tuttavia è innegabile che la visione dell’Alice di Tim Burton sia comunque imprescindibile per ogni cinefilo che si rispetti.

8.5

Che voto dai a: Alice in Wonderland

Media Voto Utenti
Voti: 248
7.2
nd