Africa Unite Recensione: la vita e il genio di Bob Marley

La celebrazione degli ideali di Bob Marley attraverso un film documentario: Africa Unite, ora disponibile in formato DVD.

Africa Unite Recensione: la vita e il genio di Bob Marley
Articolo a cura di

La sciavitù dei neri d'Africa ha portato via ad un popolo sia l'identità che la forza, fisica e psicologica, utile a contrastare la lotta al colonialismo.
In un epoca in cui si inneggia al pensiero libero e all'espressione della propria arte, della propria filosofia di vita, i rastafariani possono finalmente dire la loro senza temere rappresaglie violente, anche grazie all'influenza della figura di Bob Marley sulle culture occidentali, asiatiche ed europee.
Come espressamente dichiarato dallo stesso Marley: "Il mio compito è di tenere vivo e diffondere nel mondo il messaggio di Marcus Garvey, il padre spirituale di Giamaica... Voglio muovere il cuore di ogni uomo nero perché tutti gli uomini neri sparsi nel mondo si rendano conto che il tempo è arrivato, ora, adesso, oggi, per liberare l'Africa e gli africani. Uomini neri di tutto il mondo, unitevi come in un corpo solo e ribellatevi: l'Africa è nostra, è la vostra terra, la nostra patria... Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra."

Africa Unite è un documentario che celebra il 60° anniversario dalla morte del cantante con un concerto simbolico in Etiopia, oltrepassando però la figura dell'artista per raggiungere il pensiero che vuole, nei cuori e nella volontà della popolazione, l'unità africana (spirituale, geografica, psicologica).

Senza confini"Africa Unite" è il titolo di una delle migliori canzoni scritte da Bob Marley, nonché il nome di un importante gruppo italiano raggae che ha sfruttato gli insegnamenti di Marley per inseguire il successo musicale e diffondere così la cultura rasta. Fondato nel 1981 da Vitale Bonino e Francesco Caudullo (in arte Bunna e Madaski), due musicisti di Pinerolo, inizialmente si facevano chiamare "Africa United" ma modificarono il nome in "Africa Unite" subito dopo aver suonato nel '91 a Negril, in Giamaica, in occasione della presentazione dell'album "People Pie".

Schiavi del priprio ideale

L'intento di Stephanie Black non è legittimare il rastafarianesimo, quanto semmai spogliarlo dei criteri comuni secondo i quali si debba considerare diverso qualcosa evidentemente distante dalla nostra cultura. Ecco che brevi estratti di interviste, concerti e messaggi di pace si allineano sullo stesso piano senza risultare forzati, ma portatori informali di un pensiero di vita nato negli anni '30 e quanto mai vivo ancora oggi. Temi ricorrenti si sovrappongono sfilacciando l'autonomia stessa del documentario; il concerto voluto in Etiopia -il Nuovo Israele secondo i rastafariani-, resta la priorità del cineasta e insieme ai messaggi di unificazione, forniscono allo spettatore diversi spunti di riflessione. Sebbene rimanga una sensazione di incompiutezza per quanto riguarda la varietà e l'approfondimento al tema centrale, la musica di Bob Marley riesce da sola a definire i contorni di questo documento video, prodotto tra l'altro da Danny Glover.
Africa Unite, più che un documentario realizzato sulla spirale delle informazioni aprioristiche è un concerto/tributo a Bob Marley; realizzato dai suoi figli che ne hanno raccolto la missione -secondo molti fortemente utopica- di unire l'Africa e migliorare la qualità della vita dei popoli in difficoltà attraverso l'uso di un linguaggio universale. Il raggae si pone dunque come trait d'union alla comprensione e allo sviluppo del rastafarianesimo. Marley ha reso celebre un genere musicale di nicchia, a cui pero' fa seguito una filosofia e un credo religioso autonomo. La musica, la Ganja (letteralmente "giardino di Dio" in ebraico), la Bibbia non sono che strumenti essenziali per avvicinare l'uomo a Dio. E se Bob Marley non è stato un messia, poco ci manca. Induscutibilmente, dopo il leader Marcus Garvey e l'imperatore di Etiopia Haile Selassie I, è certamente stato un'importante figura devota alla diffusione della cultura rasta in Africa e nel resto del mondo.

"Get up, stand up. Stand up for your rights" ("Alzatevi, ribellatevi. Ribellatevi per i vostri diritti")
[Bob Marley - Get up, stand up (1973)]

Il dvd

L'edizione digitale curata da RaroVideo è di valore, specie nella cura posta all'equazione qualità/quantità dell'offerta. La resa video soffre delle imperfezioni comuni dei filmati di repertorio e delle interviste su strada realizzate con telecamere analogiche; il riversamento in digitale non ne ha migliorato il croma nè tanto meno la definizione, ma data la natura divulgativa dell'opera (in lingua originale con sottotitoli in italiano), non ne inficia la visione. A soffrire leggermente è l'audio in Dolby Digital 2.0 (stereo), laddove musica e voci si mischiano in un concerto di rumori lontano dal risultare cristallino.

Diversamente dagli aspetti tecnici, i contenuti speciali arricchiscono e completano, con spinta decisiva verso l'alto, un prodotto che avrebbe altrimenti interessato solo ed esclusivamente gli adepti della cultura rasta.
"Rastafarians of Jamaica" è difatti un documentario del 1995 che approfondisce la cultura del rastafarianesimo spiegandone l'origine e il suo sviluppo; la corrente ascensionale e la filosofia dietro al pensiero che, oltre ogni cosa, vede il popolo pregare per un'Africa unita. L'intervista al critico musicale Gino Castaldo non fa che confermare la forza dell'ideale, ulteriormente emancipata dalle parole di Rita Marley (coniuge di Bob Marley) e dei figli, oltre che dai loro 50 minuti di performance live: omaggio grato e spirituale alla leggenda della musica reggae.

Africa Unite Africa Unite più che un documentario distaccato e pletorico è un manifesto di informazione partecipe (con i pro e i contro che ne conseguono), che si fa portavoce di una filosofia - quella dei rastafariani - attraverso la musica e gli insegnamenti di Bob Marley. L'edizione dvd curata da RaroVideo poi, oltre a proporre il documentario per intero, racchiude nel paccheto extra contenuti interessanti che ne approfondiscono i temi e ne ampliano le vedute. CONTENUTI EXTRA Rastafarians of Jamaica (1995, durata 25’); Intervista a Gino Castaldo; 50 Minuti di performance live; Intervista con Rita Marley; Intervista con i fratelli Marley; Africa Unite 2006: Ghana; Campagna Unicef Speak Africa.

7

Quanto attendi: Africa Unite

Hype
Hype totali: 0
ND.
nd