ROMA09

Recensione A Serious Man

Un matematico, estremamente sicuro di se, vede la sua vita stravolta da delle variabili umane

recensione A Serious Man
Articolo a cura di

Occorrono ben poche presentazioni ai fratelli più famosi del cinema contemporaneo: Joel ed Ethan Coen, esponenti e fondatori di uno stile cinico e grottesco che ha inevitabilmente influenzato chiunque sia venuto dopo di loro. Fucina inesauribile di film di successo e di indimenticabili capolavori, la Coen factory sembra macinare film eccezionali uno dopo l’altro e, a distanza di neppure un anno da Burn after reading, il loro ultimo sbanca botteghini, i due fratelli ci ripropongono un nuovo grande lavoro alla loro maniera: un racconto spietato, malinconico ma allo stesso tempo carico di ironia, fatto di mille sfaccettature e da personaggi complessi e, proprio per questo, umani.
Signore e signori: A serious man.

Larry Gopnik è un professore di fisica ebreo, freddo e operazionale, incapace di comprendere le variabili umane come imprevedibili e convinto che tutto si possa dominare attraverso processi matematici. Quando sua moglie Judith, costante ed indiscutibile presenza nella monotona vita dell’uomo, chiede il divorzio perché innamorata di tale Sy Ableman, un ridicolo personaggio del quartiere squallidamente buonista estremamente credente, Larry vede crollarsi il mondo addosso: incomprensibilmente per lui la donna è stanca del loro rapporto. Come se non bastasse, visto che le disgrazie non vengono mai da sole, il professore riceve una busta piena di soldi da uno studente koreano che chiede di poter ripetere l’esame, il tutto proprio mentre la commissione universitaria è chiamata a decidere sulla sua assegnazione di cattedra. Oltre alla crisi coniugale e professionale Larry viene cacciato di casa e costretto a portare con se il fratello ritardato Arthur, una sorta di genio matematico incapace di socializzare con il resto del mondo. Le cose iniziano a prendere una strana direzione: Larry è per la prima volta di fronte ad uno spettro infinito di possibilità ma allo stesso tempo deve combattere contro i problemi che lo travolgono.

Un nuovo film dei fratelli Coen è sempre un evento imprescindibile per qualunque appassionato di cinema. La loro esplosiva miscela di cinismo e profondità intellettuale coinvolge ed ispira sempre migliaia di spettatori, attratti da quelle atmosfere che cineasti da tutto il mondo hanno tentato di imitare, a volte con successo, altre in modo fallimentare. A serious man è la storia di un uomo razionale, un dormiente convinto di poter controllare qualunque variabile attraverso una profonda conoscenza della matematica; purtroppo per lui, però, la variabile umana presenta aspetti imprevedibili e sorprendenti, capaci di stravolgere, cambiando, la vita delle persone che hanno attorno e la propria. Larry, vista fallire miseramente la propria razionalità cerca rifugio in una spiritualità che comunque non sente appartenergli e che, perlomeno all’inizio, trova piena di contraddizioni punti deboli.
Il tempo però passa e la religione, così come i rapporti umani, si fanno sempre più chiari per lui che finalmente impara ad accettare il mondo per quello che è: un regno privo di risposte, fatto di domande inconcluse e di personaggi affascinanti, il motto è godersi quello che si ha attorno. E’ inutile cercare una verità che non esiste, si può solo vivere con serenità quello che abbiamo prima che ci venga tolto e continuare a campare con altrettanta tranquillità. L’unico messaggio che i Coen ci mandano è una semplice regola di vita e dice semplicemente che nella vita non ci sono regole: credi in ciò che vuoi, vivi come vuoi e fallo prima che sia troppo tardi. L’insieme di aspetti ideologici che A serious man affronta, in primis il tentativo di Larry di divenire, appunto, un uomo serio (secondo i canoni della sua comunità), sono uno specchio della realtà umana, appassionante e che invita ad una profonda riflessione.

A Serious Man L'ultimo film dei Coen è sicuramente un evento da non perdere. Profondo e riflessivo, invita il pubblico ad una profonda introspezione, proprio con lo stile coinvolgente che li ha sempre contraddistinti.

8

Che voto dai a: A Serious Man

Media Voto Utenti
Voti: 69
7.3
nd