40 carati Recensione: una rapina da un milione di dollari

Sam Worthington, protagonista di Avatar e Scontro Tra Titani, torna al cinema con 40 Carati, action movie di grande impatto.

Articolo a cura di

Quanto sareste disposti a rischiare se la vostra reputazione venisse messa in discussione?
Risponde Asger Leth - proveniente dall'universo dei documentari - con il suo primo lungometraggio di finzione, che apre mostrando il Sam Worthington di Avatar (2009) e Scontro tra titani (2010) nei panni dell'ex poliziotto newyorkese Nick Cassidy, il quale, evaso di prigione, entra nel famoso Roosevelt Hotel della Grande Mela e, raggiunto uno dei piani più alti del grattacielo, si piazza sul cornicione, attirando l'attenzione dell'intera città.
Infatti, il suo gesto scatena una vera e propria tempesta mediatica e la situazione è destinata a diventare piuttosto delicata per la determinata negoziatrice del Dipartimento di Polizia di New York Lydia Mercer, cui concede anima e corpo Elizabeth"The next three days"Banks, che tenta di dissuaderlo mentre si trova a dover fare i conti con il rivale Jack Dougherty alias Edward"27 volte in bianco"Burns, convinto che per lei esista un conflitto d'interesse.
Ma, dietro tutto ciò, Cassidy nasconde un altro obiettivo, in quanto, se da un lato tenta di provare la propria innocenza, dall'altro distrae cittadini e autorità dal grosso furto che il fratello Joey e la sua ragazza Angie, rispettivamente interpretati da Jamie Bell e Genesis Rodriguez, stanno portando a termine.

Parola del produttore Lorenzo Di Bonaventura"C'è qualcosa di avvincente in un uomo su un cornicione. Ci si chiede, si butterà? Non si butterà? Abbiamo parlato a molti poliziotti veterani e persone che si sono trovate nella stessa situazione e tutti asseriscono che circa il 50 percento delle persone che guardano da sotto sperano che la persona non si butti, ma l'altro 50 percento spera l'inverso. L'idea è davvero raccapricciante, ma immagino che questa sia la natura umana e questo l'elemento della sceneggiatura che ci ha attratti, l'interazione che, in una catastrofe di questo genere, intercorre tra quello che accade sul cornicione e ciò che avviene nell'ambiente circostante".

Stasera mi butto

Non a caso, mentre troviamo il pluricandidato all'Oscar Ed Harris nel ruolo di un potente uomo d'affari dedito a loschi traffici e, in una piccola parte, il veterano Bill Sadler de I trasgressori (1992), è proprio sul continuo alternarsi delle due diverse situazioni che si costruisce lo script a firma del venezuelano Pablo F. Fenjves.
Script dal forte retrogusto anticapitalista che, un po' come accaduto in altre operazioni su celluloide quali In linea con l'assassino (2002) di Joel Schumacher o Buried-Sepolto (2010) di Rodrigo Cortés, tenta di generare continuamente tensione nello sfruttare, in fin dei conti, un'unica circostanza da dilatare ai totali 102 minuti di visione.
Tensione che, però, Leth non sembra riuscire a mantenere sempre alta, in quanto, sebbene lo spettatore sofferente di vertigini si trovi a essere messo più volte a dura prova, piuttosto frequenti appaiono le cadute del racconto nella morsa della fiacchezza.
Tanto che, nonostante il tutto riesca in parte a riprendersi nella fase finale, il risultato rimane appena passabile; forse perché tirato un po' troppo per le lunghe, forse, o, anzi, probabilmente, perché la confezione generale lo avrebbe reso più avvincente se destinato al piccolo schermo. Dal quale proviene il citato Fenjves, del resto.

40 carati Da un lato un ex poliziotto fuggito dal carcere e piazzatosi sul cornicione di un grattacielo di New York, dall’altro il fratello che, affiancato dalla propria fidanzata, tenta contemporaneamente di portare a compimento un grosso furto. Metafora anticapitalista in salsa thriller, il primo film di finzione di Asger Leth punta soprattutto sulla prova del nutritissimo cast, mentre gioca tra vertiginose inquadrature ad altezza elevata e costruzione della tensione. Ma il coinvolgimento appare discontinuo e il look generale non si discosta poi molto da quello che caratterizza tante pellicole destinate alla televisione.

6

Che voto dai a: 40 carati

Media Voto Utenti
Voti: 14
5.8
nd