Intervista Vacanze di Natale a Cortina - Conferenza stampa

Incontro con il cast del Cinepanettone 2011, targato come di consueto fratelli Vanzina e Neri Parenti: con noi, tra gli altri, Christian De Sica, Ricky Memphis e Dario Bandiera.

Articolo a cura di

Anno nuovo, Cinepanettone Filmauro nuovo.
Stavolta, però, dopo averci portati, tra l'altro, sul Nilo, in India, in America e in Sud Africa, i produttori Luigi e Aurelio De Laurentiis decidono di prendere l'immancabile protagonista Christian De Sica per ricondurlo dove tutto è cominciato nel lontano 1983, anno di produzione di Vacanze di Natale di Carlo Vanzina: Cortina. Località, tra l'altro, che fece anche da sfondo a Vacanze di Natale 2000, sempre diretto da Vanzina, il quale, invece, firma qui soltanto lo script insieme al fratello Enrico e al regista Neri Parenti.
E proprio loro tre hanno incontrato a Roma la stampa, nella splendida cornice dell'Hotel St. Regis, affiancati dal cast della pellicola, costituito, oltre che dal già citato De Sica, da Ricky Memphis, dal Dario Bandiera non nuovo in casa De Laurentiis (nel curriculum, i primi due Manuale d'amore e Italians), da Ivano Marescotti, reduce dai due lungometraggi con Checco Zalone, dalla bella Olga Kent, dalle Katia Follesa e Valeria Graci della trasmissione televisiva Zelig, come pure Giuseppe Giacobazzi. Senza contare Sabrina Ferilli, qui al suo quarto Cinepanettone, dopo Christmas in love, Natale a New York e Natale a Beverly Hills.

Ci raccontate un po' questo ritorno dei fratelli Vanzina alle origini?

Enrico Vanzina: E' misteriosa la cosa perché i nostri rapporti con Neri Parenti e Aurelio De Laurentiis sono sempre stati ottimi, anche quando abbiamo deciso di non lavorare più insieme. Gli ultimi film di Natale si erano un po' staccati dalla realtà e, visto che io e Carlo avevamo creato la serie, ho chiamato Aurelio e gli ho detto che, se voleva, noi avremmo preso parte al prossimo film di Natale. Aurelio è un grandissimo produttore e Neri un grandissimo regista comico, nella sceneggiatura il rapporto con lui era fondamentale perché è anche un grande sceneggiatore. Abbiamo preso un grosso rischio e speriamo di non aver sbagliato.

Carlo Vanzina: Io approvo quanto detto da Enrico. Il film di Natale in qualche modo ci appartiene, nel bene e nel male, perché siamo stati esaltati ma anche criticati, sia noi che Neri. Apprezzo il fatto che la gente lo torni a considerare film di Natale, perché la definizione di Cinepanettone non ci è mai piaciuta.

Fino a che punto questo film è un'operazione nostalgica?

Enrico Vanzina: Deve essere chiaro che non abbiamo mai pensato di fare un'operazione nostalgica, perché quando girammo Vacanze di Natale era il 1983, quindi c'era una sorta di boom e gli italiani erano speranzosi, mentre qui abbiamo l'amministratore delegato di un'importante azienda di gas che è alla frutta e deve fare un impiccio con un russo, una coppia di borghesi con i loro problemi coniugali e due "poveracci" il cui sogno è incontrare Lory Del Santo. E' un'Italia allo sfascio.

Però nella colonna sonora c'è Maracaibo, che viene direttamente dal primo film...

Neri Parenti: In realtà, quella di riprendere sia Maracaibo che Dolce vita dalla colonna sonora di Vacanze di Natale è stata un'idea di Aurelio che, facendole riarrangiare da Bob Sinclair, ha pensato di creare un legame con il film del 1983.

Christian De Sica e Sabrina Ferilli tornano a fare marito e moglie...

Christian De Sica: Sì, però negli altri film facevo sempre il fedifrago e mascalzone, mentre qui interpreto il cornuto... so' soddisfazioni (ride). Poi fare le corna a Sabrina non è facile, perché è una donna forte ed è difficile che una bella sia capace anche di far ridere. Aurelio dovrebbe capire che ci dovrebbe sfruttare maggiormente in film e serie televisive, altro che Boldi. Lei è pure meglio fisicamente (ride).

Cosa è cambiato nei ruoli femminili per questo genere di film?

Neri Parenti: Bisogna dire che in questi film i ruoli femminili sono molto importanti.

Valeria Graci:
Io sono onorata di aver fatto parte di questo ricco cast. Purtroppo nel film sono la moglie di Ricky Memphis, ma emergo più di lui (ride).

Sabrina Ferilli: Io è il quarto film di Natale che faccio con Christian, ma, mentre negli altri film era lui a mettermi le corna, qui il nostro rapporto è completamente differente, perché, a causa di un equivoco, sono io a fargli credere che sia una traditrice. Poi che devo dire, Neri è un regista straordinario.

Katia Follesa:
La comicità è sempre stata più maschile, mentre negli ultimi anni è approdata anche alla femminilità. Io credo che ora ci sia una buona percentuale di donne adatte a fare la commedia.

Olga Kent: Io sono moldava e la mia lingua di origine è il russo, quindi ho potuto tranquillamente interpretare una russa. Mi è piaciuto prendere parte a questo film, poi Vacanze di Natale è il mio film italiano preferito e fu il primo che vidi.

Per Dario Bandiera, Ricky Memphis e Giuseppe Giacobazzi questo è il primo film di Natale...

Ricky Memphis: Ci siamo divertiti, è stata un'esperienza bellissima, perché con loro, sul set, ho trovato molta umanità. Poi, io sono cresciuto con i film di Natale e sono felice di essere tornato a lavorare con i Vanzina.

Dario Bandiera:
Io è la prima volta che lavoro con Neri Parenti. Che devo dire, ci siamo divertiti, poi, se fai il comico in Italia devi passare per forza per il film di Natale.

Giuseppe Giacobazzi: Io sono stato felicissimo di accettare questo film, ci siamo divertiti anche quando non si girava. La vera canaglia era Dario Bandiera (ride).

Ivano Marescotti interpreta questo particolare amministratore delegato...


Ivano Marescotti:
Con il mio personaggio sarebbe stato facile infierire sui politici, ma non era il nostro caso. Poi, nel frattempo è successa una cosa straordinaria, ovvero che è caduto il Governo. Io non faccio l'attore comico, ma faccio anche il comico e si tratta sempre di personaggi carogne (ride). In questo caso, sono una simpatica canaglia. Comunque, se l'anno prossimo c'è da fare un altro film di Natale io sono disponibile.

Dopo tanti film comici, De Sica desidera forse interpretare un ruolo drammatico?

Christian De Sica: Questo è il sogno di tutti gli attori comici. Ora sto girando una fiction di Pupi Avati con Micaela Ramazzotti, poi, io sogno sempre di fare la storia d'amore tra mio padre e mia madre e, forse, ho trovato il modo. Poi, mi auguro che un giorno Neri mi possa chiamare per farmi interpretare Indiana Jones (ride).

Neri Parenti: Tra l'altro, sei pure più giovane di Harrison Ford (ride).

Che voto dai a: Vacanze di Natale a Cortina

Media Voto Utenti
Voti: 34
3.7
nd