Anteprima Dragon Ball Evolution

Le avventure del giovane Goku finalmente su grande schermo

Anteprima Dragon Ball Evolution
Articolo a cura di

Try again

Ok, qualcuno ci aveva già provato 20 anni fa, con scarsi risultati. Il fatto è che girare una trasposizione cinematografica di Dragonball, l'anime che ha fatto sognare l'intero pianeta, non deve certo essere un'impresa facile vista l'ingentissima mole di fan dell'opera dell'autore Akira Toriyama e viste le scene d'azione della versione animata.
La prima versione cinematografica, del 1989, ad opera dei misconosciuti registi Leung Chung e Joe Chan è oggi un'icona dei b-movie, a tratti spassosa, a tratti patetica, girata con pochissimi fondi e recitata da novellini alle prime armi. Ovviamente e fortunatamente rimasto segregato all'interno del circuito distributivo cinese, quel primo tentativo è rimasto ignoto ai più, e così, in assenza di una versione in carne ed ossa vendibile, “quelli di Hollywood” non si sono certo fatti scappare l'occasione, ingaggiando in fretta e furia regista, cast e sceneggiatori. Signori e signore: Dragonball Evolution

L'evoluzione?

Tutti oramai conoscono la storia di Dragonball e, ovviamente, qualunque appassionato storcerebbe un minimo il naso di fronte ad una trasposizione che stravolgesse la storia originale.
Eppure, la sceneggiatura di Dragonball Evolution sembrerebbe essere una storia a se, con poco a che vedere con l'originale, se non per i personaggi e la loro natura. Il soggetto di fondo è sempre lo stesso però e racconta, a grandi linee, la storia del giovane Goku (Justin Chatwin), diciottenne che, in seguito alla morte del nonno per mano del terribile Grande mago Piccolo, fa la conoscenza della splendida Bulma (Emmy Rossum), ritrovandosi a difendere le mitiche sfere del drago proprio dal suo acerrimo nemico .
Sussitono, però, fondamentali differenze con l'originale ancora non del tutto chiarite : in questo film Goku è un giovane come molti altri, che frequenta le scuole superiori con gli ovvi problemi della sua età; il maestro Muten (Chow Yun-Fat) non sarà un maniaco pervertito ma uomo d'onore molto più serioso e addirittura sbarbato. Inoltre saranno presenti diverse novità ancora non chiarite dalla casa di produzione a causa della scarsissima quantità di informazioni lasciate trapelare.
Una piccola curiosità: dai nomi delle action figures ufficiali che verranno rilasciate dalla società Toywiz, si può intuire la presenza nel film della trasformazione in Oozaru (lo scimmione gigantesco) da parte del giovane Goku. Supposizione dettata dal desiderio dei fan o possibile colpo di scena?

Gli attori e il cast tecnico

Il regista del film James Wong ha diviso fin da subito il pubblico,a causa dei suoi film precedenti (the one, Final destination), da molti considerati privi di una forte personalità e, peraltro, a detta dei più decisamente cafoni.
Fatto sta che Wong sia stata la prima scelta della megaproduzione, probabilmente attratta dall'attitudine del regista a sfornare action vendibilissimi e devertissement allo stato puro.
Altrettanto immediata è stata la scelta dell'attore protagonista, con la scelta di Justin Chatwin, già interprete ne La guerra dei mondi di Steven Spielberg e nel remake Invisible, diretto da Goyer.. Chatwin si è allenato per sei mesi con la 87Eleven, la società di stunt divenuta famosa grazie al lavoro svolto con Matrix, e si è detto onorato e soddisfatto di lavorare con un cast di professionisti di altissimo livello nonchè di poter interpretare un personaggio carismatico come Goku che, paradossalmente, prima delle riprese, non conosceva molto bene.
Emmy Rossum, fan della serie invece, è impegnata nel ruolo di Bulma e promette di mantenersi fedele al personaggio originale, dotatato di un carattere forte ma anche di una incredibile attitudine a fare figuraccie, con qualche fondamentale differenza estetica però, tra cui la quasi totale assenza dei famosi capelli blu (la produzione ha ritenuto opportuno dare a Bulma un'immagine più realistica) e un seno decisamente meno prosperoso.
Pezzo forte del cast, a giudicare dalle notizie trapelate nel corso delle varie interviste, sembra essere proprio essere il personaggio del colossale Piccolo, interpretato da James Marsters (famoso per essere stato lo Spike del serial “Buffy-L'ammazzavampiri”) che, come la Rossum ha dichiarato in una recente intervista, “E' enorme, alto quasi due metri e mezzo”. Il trucco di Piccolo è curato dalla società del truccatore Ed French (Terminator 2, Hellraiser, Black Dahlia) , vera icona del settore, che ha dichiarato riguardo il trucco del villain, che sono necessarie ben quattro ore di seduta per ottenere l'effetto definitivo. Interessante invece la presenza di una giovanissima attrice coreana: Jamie Chung. Questa, in passato, ha lavorato più che altro in singoli episodi di serial di successo, tra cui Veronica mars e CSI, e interpreterà Chi-chi, popolare ragazza della scuola, nonchè abile guerriera, che affiancherà Goku e Bulma nella loro lotta contro Piccolo.
Sono presenti, nel film, anche due nuovi personaggi creati per l'occasione: Emi, la migliore amica di Chi-Chi, interpretata da Shavon Kirksey, e Mai (Eriko Tamura ), temibile braccio destro del malvagio antagonista.
Non mancherà, all'interno del cast, la presenza di Yamcha e Popo.
E' stata assicurata dalle società responsabili degli effetti speciali, le Amalgamated Dynamics e Ollin Studios, la presenza di alcune tecniche fondamentali dell'anime: L'onda energetica, il bastone magico, il Kahioken e le auree di energia.

L'angolo del fan

Ovvio che le aspettative per questo film, almeno in termini di incassi, siano altissime: pare che Fox abbia investito ben 100.000.000$ per produrlo, e difficilmente potrebbe accettare un insuccesso ai botteghini. Purtroppo però, sia il teaser trailer rilasciato per il mercato Giapponese, sia quello americano, non sembrano promettere un prodotto di alta qualità.
Con un particolare riferimento alla scarsissima qualità dei costumi, che ha dato modo di discutere le riviste specializzate di tutto il mondo: Mayes C. Rubeo, la costumista, è una vera professionsta del settore, non ci si spiega quindi come possa essere così scadente la qualità del vestiario, e ci si augura che venga ritoccata in qualche maniera in fase di post produzione.
Vicino al meganome Fox, inoltre, ne compare uno particolarmente conosciuto e apprezzato: Stephen Chow. L'attore, regista e produttora cinese si è impegnato molto nella produzione del film, seguendone costantemente le riprese ed il montaggio (affidato a Chris G. Willingham ).
Se Dragonball evolution dovesse avere successo, sicuramente la fox si convincerebbe a produrne un seguito, magari ispirato alla serie Z, di cui circolavano al cuni rumor in seguito alla pubblicazione di locandine raffiguranti due navicelle spaziali che ricorderebbero, tutt'altro che vagamente, quelle di Vegeta e Nappa.

In trepidante attesa quindi, I fan di tutto il mondo stanno con il fiato sospeso, nel desiderio che l'ennesimo remake hollywoodiano non rovini la momoria dell'opera che li ha appassionati per tutta una vita e noi, appassionati o meno, aspettiamo, come sempre, speranzosi che ne esca almeno un buon film.

Che voto dai a: Dragonball Evolution

Media Voto Utenti
Voti: 97
3.4
nd