X-Men, Daniel Cudmore ricorda il suo "Colosso"

di

In una nuova intervista, l'attore Daniel Cudmore ha ricordato il suo ruolo di Peter Rasputin alias Colosso nella saga degli X-Men, non nascondendo di essere amareggiato per esser stato messo da parte nel terzo film.

Daniel Cudmore è noto ai fan della Marvel per aver dato il volto (e il fisico) di Colosso nella saga degli X-Men. Inizialmente il personaggio è apparso in X-Men 2 in un breve cameo con la "promessa" di un ruolo più ampio nel terzo film della saga. Il cambio di regia (da Bryan Singer a Brett Ratner) ha però cambiato le carte in tavola e il personaggio è stato vittima di un ridimensionamento. "Non so veramente se il mio personaggio dovesse avere realmente più spazio" spiega Cudmore "Io so che quando girai X-Men 2 iniziarono a dire <<ora come procediamo? Gli diamo un ruolo più ampio?>>. Colosso ha un mucchio di storie, passato e cose che possono essere usate in un film. Ma veramente non prendo io le decisioni. Quando girammo X-Men - Conflitto finale pensavo di avere un ruolo più grande, ma fu ridimensionato...So che probabilmente doveva esserci più Colosso, ma fu tagliato. Io vorrei vedere più sul personaggio rispetto a dei brevi camei". Apparentemente anche il suo rapporto con Kitty Pryde fu tagliato, in favore di quello con l'Uomo Ghiaccio: "C'erano delle discussioni a riguardo ma in un certo senso la cosa è evoluta nel rapporto tra Uomo Ghiaccio e Kitty.". L'attore spiega che il suo ruolo era talmente piccolo di non essersi accorto effettivamente dei "problemi del film"; nonostante ciò il finale lasciava intendere che sarebbe nata una "nuova generazione" di X-Men, con tanto di Colosso: "Iniziai a pensare che probabilmente potessero continuare da lì. Credo invece abbiano deciso di procedere in una direzione opposta, purtroppo. Mi piacerebbe interpretarlo ancora ma...In quale film e come incastrarlo nella continuity?".