Walt Disney, l'addio di Tom Staggs complica la successione a Bob Iger

di
Si dia il via alle speculazioni. Il COO, il direttore operativo, di Walt Disney Pictures, Tom Staggs ha annunciato che il prossimo 6 maggio lascerà per sempre la propria carica all'interno degli studios americani, facendo saltare quella che doveva essere la linea di successione che lo avrebbe portato a essere il prossimo CEO dopo Bob Iger.

Staggs, infatti, sarebbe dovuto succedere a Bob Iger, una volta che l'attuale CEO avesse deciso di lasciare il proprio ruolo o di occuparsi di altro, ma così non sarà. Staggs rimarrà come consulente fino a settembre, quando sarà il momento di chiudere l'anno fiscale, ma dal prossimo mese non sarà più il COO dell'azienda. Ora Walt Street si agita e chiunque vorrebbe prendere il suo posto per entrare nella linea di successione che porta dritti a diventare CEO di Walt Disney Pictures.

«Nel 2011 Iger aveva pianificato di lasciare il proprio ruolo nell'aprile del 2015, salvo poi decidere di estendere il proprio accordo fino al 2018 dopo il grande successo ottenuto nell'acquisizione della Lucasfilm e l'apertura dei nuovi parchi divertimento in China - ha detto Anthony DiClemente di Nomura Securities - prendendo in prestito una frase, quindi, direi che Bob Iger è il miglior successore di Bob Iger». Attualmente l'imprenditore di New York ha superato i 65 anni e pensare che possa estendere ulteriormente il proprio accordo con Walt Disney oltre il 2018, quando i 70 anni saranno oramai vicini, è abbastanza complesso: la soluzione, per l'azienda americana, è quella di trattenere il più possibile Iger, che con l'acquisizione di Pixar, Marvel e Lucasfilm ha fatto le fortune di Walt Disney Pictures nel recente passato. Guardare avanti non è mai stato così semplice.