The Void: online il trailer dell'horror cosmico di Kostanski e Gillespie

di
È stato diffuso online il trailer vietato ai minori di The Void, horror indipendente ispirato ai lavori di John Carpenter e dal sapore lovecraftiano. Il film è diretto da Steven Kostanski e Jeremy Gillespie, che hanno fatto affidamento anche ai finanziamenti dei fan tramite la piattaforma di crowfunding Indiegogo.

Nel mezzo di un pattugliamento di routine in una cittadina rurale, l’agente Daniel Carter si imbatte in una figura ricoperta di sangue che zoppica lungo una strada deserta. Il giovane si precipita in un ospedale vicino gestito da pochi medici, ma scoprirà con orrore che i pazienti e il personale si stanno lentamente trasformando in qualcosa di inumano. Mentre l'orrore aumenta ad ogni nuova inquietante scoperta, Carter conduce i pochi sopravvissuti in un viaggio infernale nelle profondità sotterranee dell'ospedale, nel disperato tentativo di dare un senso a quello che sta vedendo e porre fine all'incubo prima che sia troppo tardi.

The Void è un film horror originale della coppia di sceneggiatori e registi Steven Kostanski e Jeremy Gillespie. Meglio conosciuti per il loro lavoro come parte del collettivo Astron-6 (Manborg, Father's Day), sono anche veterani degli effetti FX di grandi produzioni hollywoodiane, come Pacific Rim, Robocop e Hannibal della NBC.

Sul sito ufficiale del film troviamo questa loro dichiarazione: "Con questo progetto stiamo mettendo insieme più di dieci anni di esperienza per creare un film terrificante che combinerà l'estetica del cinema horror moderno come fosse emersa nel 1970 con lo splatter e i sofisticati effetti speciali pratici che hanno portato alla gloria le creature degli anni ‘80 e dei primi anni '90. Ma non saltate subito alla conclusioni, a differenza di Manborg e Father's Day, questa volta faremo sul serio. Ci siamo impegnati a introdurre il pubblico ad una nuova mitologia horror."

Il cast di The Void è compost da Ellen Wong, Kathleen Munroe e Kenneth Welsh, ed uscirà nelle sale cinematografiche statunitensi il 31 marzo 2017.