James Cameron fa il punto sui prossimi film della saga di Avatar!

di
INFORMAZIONI FILM
Intervistato dal The Daily Beast, James Cameron ha svelato come procedono i lavori per i prossimi sequel della saga di Avatar, che lo hanno tenuto impegnato costantemente in questi ultimi anni nel processo di scrittura, e che presto lo porteranno a cimentarsi con la produzione vera e propria delle pellicole.

Alla domanda del giornalista sullo stato dei lavori per Avatar 2, James Cameron ha fatto capire che non intende lavorare solamente a una singola pellicola per volta, ma tratterà tutti i film della saga come un unico grande affresco narrativo, unificando quindi produzione e riprese di tutti i sequel: “Il punto è che il mio obiettivo non è concentrato solo su Avatar 2. Sono concentrato su Avatar 2, 3, 4, e 5 allo stesso tempo. Questo è esattamente l’approccio che ho scelto. Sono stati tutti sviluppati allo stesso modo. Ho appena terminato lo script di Avatar 5, e ora sto iniziando il processo di preparazione attiva. Lavorerò con gli attori in motion capture nel mese di agosto, quindi ho prenotato tutti i giorni della produzione tra oggi e allora. Le nostre apparecchiature sono installate e funzionanti, e tutto è stato progettato, così stiamo per diventare totalmente operativi in questo momento. Mi sento come se fossi uscito di prigione, perché sono stato in una grotta a scrivere negli ultimi due anni. In realtà mi sto godendo la vita. Non mi diverte scrivere.”

Nel tentativo di rubare qualche anticipazione sulla trama, è stato poi chiesto a James Cameron se il tema naturalista di Avatar, rispecchiato nel film da un ecosistema fortemente interconnesso e cosciente, avrebbe assunto un significato ancora maggiore, ora che la nuova amministrazione di Donald Trump minaccia di vanificare ogni traguardo raggiunto da Obama con grande sforzo: “Un sacco del mio lavoro, non specificamente sui film di Avatar, il mio attivismo, riguarda il clima e la sostenibilità, l'uso sostenibile del territorio, l'agricoltura sostenibile, ma il clima è il mio interesse numero uno. Anni fa, abbiamo individuato una sorta di iceberg davanti a noi, e abbiamo cercato di fare dietrofront, e lentamente, lentamente, lentamente stiamo cercando di non colpire l'iceberg con la nostra enorme nave, ma poi Trump ha afferrato il timone e ha puntato dritto al centro dell’iceberg. Così sono preoccupato? Ovviamente. Lo sono come chiunque di buona coscienza e ragionevole intelligenza. Penso che siamo la civiltà più idiota nella storia in questo momento, e probabilmente parleranno di noi tra 4.000 anni grattandosi la testa, come facciamo noi ora con Atlantide.”

FONTE: TDB Quanto è interessante?
0
Segnala Notizia Segnala Errori Vai ai commenti