'Sony Hack': nuova pista, l'attacco non proviene dalla Nord Corea?

di

Se sarà confermato (e, stando agli ultimi report, potrebbe esserlo), l'FBI - ma anche la Casa Bianca - dovrà scusarsi pubblicamente con la Nord Corea. Perché? Stando alle ultime news, dietro l'attacco hacker ai danni della Sony Pictures non ci sarebbe la Nord Corea ma una ex dipendente della major.

Licenziata a marzo - dopo numerose lamentale riguardo lo stipendio basso che percepiva alla Sony rispetto ai suoi colleghi di sesso maschile -, la dipendente ancora senza nome avrebbe aiutato 'esternamente' alcuni hacker a lanciare l'attacco. Certamente, sfruttando un ottimo momento: l'uscita del contestatissimo The Interview e facendo ricadere, quasi automaticamente, i sospetti sulla Nord Corea che - ricordiamo - aveva sin da subito affermato di 'non essere coinvolta'. Per ora le indagini continuano.
FONTE: GotNews
Quanto è interessante?
0