Marvel

Verso Avengers: Infinity War - le Gemme dell'Infinito nei film Marvel

In attesa della fine della terza fase del MCU, proponiamo una panoramica degli oggetti che avranno un ruolo importante nella lotta contro Thanos.

speciale Verso Avengers: Infinity War - le Gemme dell'Infinito nei film Marvel
Articolo a cura di

Il prossimo anno, con l'uscita di Avengers: Infinity War, assisteremo all'inizio della fine di una storyline che ha attraversato, in modo più o meno esplicito a seconda dei casi, le prime tre fasi del Marvel Cinematic Universe: quella legata alle Gemme dell'Infinito, oggetti cosmici che, nelle mani sbagliate, potrebbero alterare irreversibilmente la realtà. Cosa che potrebbe accadere grazie al folle dittatore alieno Thanos (a cui presterà il volto Josh Brolin), al quale si contrapporranno i Vendicatori e, presumibilmente, i Guardiani della Galassia guidati dallo Star-Lord di Chris Pratt. Lo scontro si annuncia epocale e, nell'attesa, abbiamo deciso di passare in rassegna le diverse Gemme già viste nel MCU, con qualche ipotesi su dove e quando vedremo l'ultima. N.B. Questo articolo contiene spoiler per (quasi) tutti i film della Marvel Studios da Thor in poi.

Quarant'anni di Infinito

Le Gemme dell'Anima (questo il loro nome originale) sono state create dallo sceneggiatore Roy Thomas e dal disegnatore Gil Kane nel 1972, in una miniserie dedicata alle gesta di Adam Warlock, eroe cosmico a cui viene fatta allusione al cinema in Guardiani della Galassia (nel museo del Collezionista appare il suo bozzolo). Successivamente, dal 1977 in poi, sono associate principalmente ai piani di Thanos, dotato di un guanto che gli consente di usare tutte e sei le Gemme insieme, in particolare nella lunga storyline, costituita da quattro miniserie consecutive (The Thanos Quest, The Infinity Gauntlet, Infinity War e Infinity Crusade), pubblicata dal 1990 al 1993. Vengono identificate per la prima volta nel 1987, nella terza incarnazione del mensile personale di Silver Surfer, quando gli Antichi dell'Universo cercano di usarle per distruggere Galactus (l'unico superstite della realtà che esisteva prima del Big Bang).

Gemma dello Spazio

La prima pietra ad apparire nel Marvel Cinematic Universe è capace di manipolare lo spazio, creando portali tra mondi diversi e/o trasportando persone ed oggetti da un universo all'altro. Sullo schermo è stato combinato con un altro artefatto dei fumetti, il Tesseract o Cubo Cosmico, e solo l'ultima dicitura è usata nelle prime tre apparizioni della Gemma, nella scena post-credits di Thor (dove scopriamo che è un oggetto di studio per gli scienziati dello S.H.I.E.L.D.), in Captain America - Il Primo Vendicatore (dove viene svelato che Odino la nascose sulla Terra e i poteri del Tesseract portano alla scomparsa - provvisoria? - del Teschio Rosso), e in The Avengers (dove Loki, assoldato da Thanos, sfrutta la Gemma per permettere ai Chitauri di invadere il nostro pianeta). Solo in Thor: The Dark World, per l'esattezza nella scena mid-credits dove appare per la prima volta il Collezionista, viene apertamente identificata come una delle Gemme dell'Infinito (il produttore Kevin Feige ha successivamente confermato in un'intervista che si tratta della Gemma dello Spazio). È attualmente custodita su Asgard.

Gemma della Mente

Anche questa Gemma è inizialmente presentata sotto mentite spoglie, sebbene i fan abbiano speculato sin dal principio sulla sua natura. In The Avengers fa parte dello scettro di cui Loki si serve per manipolare le persone, costringendole ad ubbidirgli (ma un minimo di libero arbitrio rimane, come dimostrano le azioni di Occhio di Falco ed Erik Selvig). Dopo la sconfitta del malvagio asgardiano lo scettro viene trafugato dal Barone Strucker in seguito alla caduta dello S.H.I.E.L.D. e usato per esperimenti ai quali sopravvivono solo i gemelli Maximoff (vedi la scena mid-credits di Captain America - The Winter Soldier). Viene confermato in Avengers: Age of Ultron che lo scettro contiene una Gemma, usata per attivare sia Ultron che la Visione (attuale "custode" della Gemma).

Gemma della Realtà

Nota anche come Etere e presente in forma liquida, questa Gemma ha il potere di manipolare la realtà stessa, ed è a tale scopo che il perfido Malekith ne entra in possesso in Thor: The Dark World, per distruggere i Nove Regni e ricreare l'universo com'era prima del Big Bang. Al termine del film Sif e Volstagg la affidano al Collezionista, poiché ritengono poco saggio custodire nello stesso posto due Gemme. La sua ubicazione attuale non è stata confermata, dopo la distruzione del museo in Guardiani della Galassia.

Gemma del Potere

Capace di distruggere intere civiltà, questa Gemma appare in Guardiani della Galassia di James Gunn - dove viene svelato dal Collezionista (Benicio Del Toro) che le sei pietre sono ciò che resta dell'universo che ha preceduto il nostro - e viene usata dal villain Ronan, alleato (mica tanto) di Thanos, per radere al suolo Xandar, sede dei Nova Corps e artefice di un trattato che, secondo lo stesso Ronan, è stato umiliante nei confronti del suo popolo, i Kree. Il perfido alieno viene sconfitto dalla sua stessa arma, usata contro di lui dai Guardiani in un modo davvero originale (distraendolo cioè, con un improbabile balletto ad opera di Star-Lord). La Gemma è attualmente custodita dai Nova Corps. Staremo quindi a vedere se in Guardiani della Galassia Vol. 2 tornerà a ricoprire un ruolo cruciale.

Gemma del Tempo

Anche in questo caso la Gemma è abbinata ad un oggetto preesistente dell'universo Marvel, nella fattispecie l'Occhio di Agamotto, che nella sua incarnazione cinematografica può essere usato dal Maestro delle Arti Mistiche per manipolare il tempo. Questo uso entra in gioco nel finale di Doctor Strange , quando l'omonimo neo-stregone impersonato da Benedict Cumberbatch si serve dell'Occhio per sconfiggere il villain Dormammu. Attualmente, in attesa che Strange diventi il nuovo Stregone Supremo, l'Occhio - identificato come una Gemma dal bibliotecario Wong - rimane custodito a Kamar-Taj, sede ufficiale dei maghi sulla Terra.

Gemma dell'Anima

Questa Gemma consente a chi la possiede di alterare e controllare le anime dei vivi e dei morti, e al massimo della sua potenzialità di controllare ogni forma di vita nell'universo. È l'unica delle pietre a non essere ancora apparsa sullo schermo, e stando alle parole di James Gunn non la vedremo in Guardiani della Galassia Vol. 2<. Altrettanto improbabile che faccia capolino in Spider-Man: Homecoming, mentre è possibile che faccia parte della storyline di Thor: Ragnarok, in congiunzione con la versione asgardiana della fine del mondo (ricordiamo inoltre che Thor ha deciso di tornare a casa proprio per indagare sull'apparizione delle Gemme). Un'alta possibilità, partendo dal presupposto che la vedremo prima di Infinity War, è che appaia in Black Panther, dove potrebbe dare luogo ad una conversazione fra T'Challa e il defunto padre, ucciso da Helmut Zemo in Captain America: Civil War.