Speciale Un Natale 2012 in alta definizione!

Per Natale... regalati un blu-ray!

Articolo a cura di

E anche questo Natale 2012... è arrivato!
Quindi, come ogni anno, la corsa ai regali è arrivata, le strade cittadine sembrano tutte più belle perché luccicanti e tempestate di colorati addobbi e, visto che siamo in Italia, non sono assenti cartelloni riportanti il faccione sorridente di Christian De Sica, nelle sale cinematografiche con l'ennesimo cinepanettone a firma di Neri Parenti.
Cinepanettone che, intitolato Colpi di fulmine, in verità, quest'anno ha deciso di cambiare vesti e di costituirsi di due episodi separati, uno dei quali con protagonisti Lillo e Greg.
Mentre la lotta per il maggiore incasso di fine Dicembre vede protagonisti anche Lo hobbit-Un viaggio inaspettato di Peter Jackson, ovvero il primo prequel della trilogia Il Signore degli Anelli, e Tutto tutto niente niente di Giulio Manfredonia, in cui Antonio Albanese torna a vestire i panni del poco raccomandabile Cetto La Qualunque... e non solo.
Titoli che si prospetta dovranno competere anche con i nuovi arrivati Vita di Pi di Ang Lee, Ralph spaccatutto, ovvero l'attesissimo nuovo cartoon Disney, e I 2 soliti idioti con Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, mirato a bissare il super successo riscosso dal primo I soliti idioti-Il film.
In tutto questo, però, cosa ci propone il sempre più dilagante mercato dell'home video in alta definizione per trascorrere le nostre serate (e giornate) natalizie davanti al piccolo schermo piatto?

Brian di Nazareth

E’ sempre Sony a proporre in edizione speciale il divertentissimo cult-movie che, diretto nel 1979 da Terry Jones, vede il gruppo comico inglese dei Monty Python impegnato ad affrontare in maniera molto personale la nascita e la morte di Cristo, nell’antichissima Giudea.
Sicuramente, il titolo adatto per trascorrere un esilarante Natale diverso dal solito, tanto più che il blu-ray non lascia affatto a desiderare per quanto riguarda i contenuti speciali.
Infatti, al di là di spot radiofonici, galleria fotografica e commento audio, offre cinque scene eliminate, un making of di cinquantanove minuti e la registrazione audio della lettura dello script da parte dei Monty Python. C’è da ridere non poco!

Snatch-Lo strappo

Una coppia di combina guai, uno zingaro picchiatore, un boss inferocito, un sicario dai denti d'oro, un trio di imbranati rapinatori, un giocatore con quattro dita, un russo e un americano con dei conti in sospeso.
Con un cane ed un diamante a infarcire il tutto, sono i bizzarri personaggi che, legati al mondo della malavita, si aggirano nei sobborghi di Londra nell'opera numero due del talento inglese Guy Ritchie, realizzata nel 2000, dopo il folgorante esordio Lock & stock-Pazzi scatenati (1998).
Riproposta in un blu-Ray in edizione speciale da Sony pictures Home Entertainment, rappresenta l'occasione per constatare nuovamente quanto, ai tempi della sua uscita in sala, fosse di moda il filone cinematografico dei gangster di strada, soprattutto in seguito al boom del tarantinismo.
Ma anche quella per apprendere come Ritchie fosse orientato verso una tipologia di spettacolo diversa rispetto ai due Sherlock Holmes con Robert Downey jr. cui ci ha abituati in seguito; pur sfoggiando già quella particolare tecnica schizofrenica tramite cui identifichiamo ancora oggi ogni suo lavoro.
Man mano che lo schermo si popola di attori distanti anni luce dalle loro carriere attuali: Jason Statham nel film è tutto fuorché l'eroe d'azione che conosciamo ora, mentre Brad Pitt e Benicio del Toro sono alla fase iniziale del loro successo.
Per quanto riguarda i contenuti extra del disco, di qualità audiovisiva impeccabile, abbiamo la Sala montaggio, adatta a chi desidera assaporare l'esperienza di rimontare il film a proprio piacimento, sei scene eliminate, una gallery e il trailer del film. Senza contare un corposo dietro le quinte di ventiquattro minuti e, infine, una serie di foto e confronti tra storyboard e scene filmate.

Nudi e felici

Paul Rudd è il newyorkese George, che, ritrovatosi improvvisamente senza lavoro, vede l'unica possibilità di salvezza nell'andare a vivere con la compagna Linda alias Jennifer Aniston ad Atalanta, presso l'insopportabile fratello Rick, con le fattezze di Ken Marino... se non fosse per il fatto che, nel tragitto, la coppia incappa in Elysium, comunità idilliaca popolata di colorati e poco vestiti personaggi portati per l'affrontare la vita secondo una prospettiva diversa.
E, insieme al regista David Wain, autore di The ten-I dieci comandamenti come non li avete mai visti (2007) e Role models (2008), è lo stesso Marino a firmare la sceneggiatura di questa nuova commedia Universal datata 2012 e comprendente nel cast anche la Malin Akerman de L'isola della coppie (2009) e Justin Theroux, autore dello script di Iron man 2 (2010).
Commedia che, tra fumate d'erba, suonate di chitarra e discorsi riguardanti il cerchio della verità, da un lato vede qualcuno intento a privare del loro terreno i neo hippy, dall'altro provvede ad analizzare il diverso spirito di adattamento mostrato da George e Linda nei confronti del nuovo stile di vita.
Perché è l'importanza di vivere affiancati dalla persona amata, senza tenere conto di come e di dove lo si faccia che intende ribadire il lungometraggio, prodotto da Judd"Molto incinta"Apatow e la cui edizione in alta definizione ne propone anche una versione bizzarra (in lingua originale) costituita da inquadrature di scarto e fuori scena.
Oltre a cinque scene eliminate e cinque minuti di papere sul set a rappresentarne la sezione extra.

Lol-Pazza del mio migliore amico

Interpretata dalla Miley Cyrus nota al grande pubblico per aver concesso anima e corpo alla cantante adolescente Hannah Montana, Lola detta Lol è una ragazza romantica e ribelle che condivide con i suoi migliori amici le passioni e le problematiche dell'adolescenza; mentre porta avanti un rapporto non troppo tranquillo con la madre divorziata, nei cui panni troviamo Demi Moore.
Rifacimento 2012 del francese Lol-Il tempo dell'amore (2008), con Christa Theret e Sophie Marceau al posto delle due citate protagoniste, è la stessa Lisa Azuelos autrice della pellicola originale a curare la versione d'oltreoceano di quello che, in fin dei conti, non presentava altro che i connotati di tentativo di aggiornare al XXI secolo le tematiche affrontate nel dittico Il tempo delle mele (tramite il quale proprio la Marceau fece il suo ingresso nel mondo della Settima arte).
Con il Thomas Jane di The punisher (2004) e il Jay Hernandez di Quarantena (2008) rispettivamente nei ruoli dell'ex marito della Moore e del poliziotto con cui la donna inizia una nuova storia, un rifacimento piuttosto fedele al capostipite, tanto da riciclarne, addirittura, alcuni brani della colonna sonora.
Tra feste in casa, equivoci sentimentali, social network e innamoramenti per gli spettatori (e, soprattutto, le spettatrici) maggiormente in vena di romanticismo di stampo adolescenziale.
Il blu-ray Moviemax ce lo propone con trailer e circa dodici minute d'interviste - divise in tre mini-speciali - quali contenuti extra.

U-Boot 96

Nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, la giovane ciurma di un sommergibile s'imbarca in una missione top secret dalla quale pochi sono destinati a tornare.
Questa, in sintesi, la trama di un vero e proprio capolavoro bellico, datato 1981, che ha provveduto a lanciare nel firmamento hollywoodiano il regista tedesco Wolfgang Petersen, in seguito autore, tra gli altri, de La storia infinita (1984) e Troy (2004).
E, considerando il modo altamente professionale con cui la pellicola affronta la tematica della guerra e ciò che passava nella testa dei coinvolti in essa, oppressi ma abituati alla claustrofobia del sottomarino, è facile capire il motivo per cui il cinema americano abbia deciso di adottare il cineasta teutonico.
Sony Pictures Home Entertainment ne rispolvera tutto lo splendore tramite una imperdibile edizione blu-Ray che, costituita da due dischi, propone nel primo, con commento audio incluso, la versione director's cut del film (208 minuti di durata), fortemente voluta da Petersen alla fine degli anni Novanta, e nel secondo, come c'era da aspettarsi, una notevole quantità di contenuti speciali.
Si va da una chiacchierata tra il regista e la moglie, allora sua assistente, a un approfondimento sul come si è giunti al director's cut; proseguendo con L'ispezione del capitano, in cui il protagonista Jürgen Prochnow s'improvvisa guida speciale attraverso gli scompartimenti che hanno ospitato le riprese del lungometraggio, un dietro le quinte di un'ora, risalente al 1981, e La battaglia dell'Atlantico, del 1983, per apprendere anche nozioni sull'evento storico che ha ispirato il film.
Infine, il recente dietro le quinte Wolfgang Petersen-Ritorno al sommergibile, ovvero quarantaquattro minuti che vedono il regista e altri membri della troupe immergersi nei ricordi della lunga e tortuosa lavorazione di quello che, addirittura, ottenne sei candidature al premio Oscar (miglior regia, miglior sceneggiatura, miglior fotografia, miglior montaggio, miglior sonoro, migliori effetti sonori).