Spider-Man

Speciale The Amazing Spider-Man: poteri e costumi del ragno

Poteri e costumi dell'Uomo Ragno, parte 1

speciale The Amazing Spider-Man: poteri e costumi del ragno
Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Esce domani nei cinema The Amazing Spider-Man, il nuovo, emozionante film che narra le origini del tessiragnatele come non le avete mai viste. Vi invitiamo, casomai non l'aveste già fatto, a leggere la nostra recensione, e scoprire i vari speciali, le news specifiche e tutti gli aggiornamenti su questo evento supereroistico tramite la nostra pagina dedicata.
Stiamo cercando di prepararvi nel migliore dei modi alla visione del film, introducendo ai neofiti gli elementi caratterizzanti della saga. Vi abbiamo parlato delle origini del personaggio e dei suoi amici e nemici, e di come verranno rappresentati nel nuovo film di Marc Webb con Andrew Garfield ed Emma Stone. Oggi parleremo più specificamente dei poteri di Spider-Man, e in seguito dell'enorme quantità di versioni e rivisitazioni che il personaggio ha avuto nel corso dei suoi cinquant'anni di vita.
Come sempre accade nelle lunghe serie statunitensi di comics, gli avvicendamenti di sceneggiatori e disegnatori portano ad un ricambio che permette al personaggio di essere sempre fresco e attuale, pur non tradendo mai le sue origini. E così, se ogni disegnatore, pur rimanendo fissi determinati punti fermi, disegna Peter Parker con un'acconciatura piuttosto che con un'altra, più o meno muscoloso e longilineo, spesso è proprio la foggia del costume a variare, portando con sé anche variazioni più o meno sensibili ai suoi poteri. Fino ad arrivare, naturalmente, alle versioni degli universi alternativi, di cui d'altronde fanno parte anche gli Spidey dei film.
Conosciamo tutti il look 'classico' di Spider-Man, fasciato di blu scuro con ampi spazi di rosso intarsiato in un motivo che ricorda una ragnatela: simbolo sul petto e grandi occhi bianchi cerchiati in nero. Per un certo periodo, Spidey ha vantato anche delle ragnatele lungo l'interno delle braccia, la cui funzione pratica era inficiata da quella meramente estetica: si decise, così, di eliminarle.

Spider-Sense is tingling

Uno dei primi (e importanti) poteri che Peter si accorge di aver acquisito dopo il morso del ragno è il mitico 'senso di ragno', che lo avverte, tramite un pizzicorino alla base del cranio, del possibile pericolo rappresentato da un evento imminente. Può trattarsi di qualcosa di effettivamente pericoloso come un sicario alle spalle o un qualcosa di minaccioso o pericolante nelle immediate vicinanze, così come qualcosa di più etereo o comune, come una buca nel terreno o un alimento guasto. Celebre, difatti, la frase “Spider-sense is tingling!” quando questo potere si attiva, automaticamente. Non funziona, difatti, a comando, come fosse uno scanner, né può indicare l'esatta natura del pericolo: tuttavia, con l'ausilio anche di intuito e riflessi, col senso di ragno Peter si è cavato di impaccio migliaia di volte.
Grazie anche alla combinazione con i suoi riflessi, acuiti in maniera sovrannaturale anch'essi. Seguendo l'istinto, Spider-Man è in grado di muoversi attraverso una pioggia di proiettili senza alcun pericolo, riuscendo addirittura a pensare a qualcosa di spiritoso da dire all'avversario di turno per destabilizzarlo (e vincere nel contempo lo stress e la paura del combattimento mortale).
Il geniale cosplayer che vedete a lato ha rappresentato perfettamente come si manifesta graficamente il potere nei fumetti classici: chiaramente l'effetto nei film non è così marcato.

Wall-crawler

Un altro straordinario potere di Spider-Man è la sua volontaria aderenza a superfici e oggetti estranei, anche attraverso il costume. All'inizio Peter non capisce come mai riesca ad aderire con tale forza, spesso inconsapevolmente, agli oggetti, ma dopo aver metabolizzato la cosa è riuscita a sfruttarla a suo vantaggio, attivandola sempre e solo consapevolmente. La curiosità scientifica del ragazzo nei confronti di questo potere è sempre stata altissima, ma non è mai giunto ad una spiegazione definitiva. Peter ha più volte ipotizzato la presenza di un qualche potere bio-magnetico delle sue cellule in grado di aumentare l'attrazione tra le molecole del suo corpo e quelle delle superfici a cui aderisce: fatto sta comunque che una volta fissatosi, non c'è modo di staccarlo, neanche con la forza: è capitato più volte che veri e propri colossi lo volessero strappare da muri e pareti, con l'unica conseguenza di portarsi via Spidey, sì, ma con tutta la parete (o di quel che ne resta) attaccata ad esso!

Forza e agilità proporzionali a quelle di un ragno?

Dopo il morso del ragno, tutti i sensi e le potenzialità di Peter si sono sviluppate. Più resistente fisicamente allo sforzo e alle malattie, Peter migliora la vista e l'udito, rendendosi conto, con estremo stupore, di essere passato dall'essere gracile e goffo all'avere una forza e una agilità che lui dichiara essere pari a quelle proporzionali di un ragno.
In realtà, il suo potere va molto oltre: Spidey riesce a restare in equilibrio nelle condizioni più precarie e nelle pose più contorte, sfruttando un'agilità scattante che stordisce ogni avversario. In pochi possono davvero pensare di tentar di tenergli testa da questo punto di vista, limitandosi invece a menar fendenti all'aria mentre Spider-Man gli si avventa contro con destrezza, colpendoli decine di volte nell'arco di una manciata di secondi.
Per non parlare della possanza fisica: chiaramente inferiore a campioni come Hulk o la Cosa, Spider-Man ha sempre dimostrato comunque di essere un fascio di muscoli in grado di “suonarle” a chiunque.

Thwip!

Ed arriviamo ora al potere forse più distintivo e controverso di Spider-Man, ovvero i fasci di ragnatela. Peter, piccolo genio della chimica e con un discreto talento per la meccanica, decide di inventare un fluido colloso e resistente che imiti quello setoso naturale che secernono i ragni, da poter utilizzare in vari modi. Tramite un particolare congegno denominato (con poca fantasia, lo ammettiamo) lanciaragnatela, Spidey può lanciare la sua ragnatela sintetica in vari modi e per vari usi. Il più spettacolare è la creazione di liane a presa rapida, tramite le quali si lancia volteggiando tra i palazzi, afferra, traina o blocca oggetti e persone. A seconda della pressione sul tasto del web shooter Peter controlla il tipo di ragnatela desiderata, più sottile e duttile o più spesa e resistente, a seconda che voglia preparare una rete o sparare piccoli raggi collosi all'indirizzo dei malviventi.
Le applicazioni, in realtà, si sono rivelate infinite, ma non altrettanto infinite sono le scorte del composto chimico che da vita alle ragnatele artificiali: più di una volta Peter si è ritrovato in difficoltà dovendo cambiare le cartucce all'apparecchio durante situazioni critiche o rimanendo, addirittura, senza tela.
In certe occasioni o versioni, tuttavia, la ragnatela di Spider-Man è stata organica: ad esempio nel periodo del costume nero, quando conviveva col simbionte che diede poi origine a Venom, potere ripreso poi da Sam Raimi fin dall'inizio nei suoi celebri film. I lanciaragnatele sono letteralmente croce e delizia di Spider-Man e pongono tanti problemi quante possibilità narrative, che il regista decise di non sfruttare, a differenza dell'intraprendente Marc Webb che, per The Amazing Spider-Man, li ha recuperati e integrati perfettamente nella storia.

Che voto dai a: The Amazing Spider-Man

Media Voto Utenti
Voti totali: 70
7.6
nd