Marvel

Spider-Man: Homecoming - l'Avvoltoio e Tony Stark dietro il successo del trailer

Citazioni, easter egg e azione: ecco cosa ci ha detto il trailer del film con Tom Holland, Robert Downey Jr. e Michael Keaton

speciale Spider-Man: Homecoming - l'Avvoltoio e Tony Stark dietro il successo del trailer
Articolo a cura di

Un montaggio serrato mostra lo skyline di New York e una sopraelevata del Queens percorsa a tutta velocità da un convoglio. Stacco. Dei malviventi fanno irruzione in una banca. Indossano delle maschere come la banda dei Presidenti americani di Bodhi (Patrick Swayze) in Point Break. Ad attendere i manigoldi sulla soglia dell'istituto di credito c'è Spider-Man (Tom Holland), che li stende dopo essersi divertito a prenderli in giro sul loro travestimento da falsi Avengers (accade anche nei fumetti, guardate QUI). L'incipit del trailer andato in onda durante il Jimmy Kimmel Live! si chiude con una doppia dissolvenza. Subito dopo appaiono i loghi di Sony Pictures e Marvel Studios, risuona Time to Pretend degli MGMT e Peter Parker viene mostrato come uno studente looser del liceo. Nel trailer italiano dello stand-alone dell'Uomo Ragno le cose vanno diversamente, sia in termini di immagini mostrate e di montaggio che di sottofondo musicale scelto per sottolineare le imprese dell'Arrampicamuri: é Confident di Demi Lovato il brano che accompagna le prime immagini del film con Robert Downey jr. e l'ex Batman, Michael Keaton. Ma in sintesi, cosa ha svelato il trailer di Spider-Man: Homecoming? Solo una commedia travestita da cinecomic? Niente affatto, vi spieghiamo perché.

Aspirante Avenger

"C'è una piccola zona grigia nel mezzo, è lì che tu operi". Tony Stark si rivolge così al giovane Peter Parker. Il personaggio di Downey Jr. è a tutti gli effetti il sostituto naturale dello storico zio Ben. L'alter ego di Iron Man è protettivo nei confronti del protagonista, generando quasi la stizza di Parker, che si sente trattato come un ragazzino. Lo è, gli ricorda l'amico impersonato da Jacob Batalon. Come tutt gli adolescenti , il giovane supereroe vuole dimostrare di sapersi guadagnare sul campo i gradi di "adulto". Stark rivela, però, al Bimbo Ragno che egli non deve considerarsi uno degli Avengers. Lo fa per esonerarlo da alcuni danni collaterali che il ruolo di supereroe comporta. Il trailer di Spider-Man: Homecoming mostra quindi un rapporto affettivo sincero (e velatamente conflittuale). Staremo a vedere la piega che il legame tra i due prenderà sia nel corso del film che nell'iter dell'Universo Cinematografico Marvel.

Villain mafia style

Convince sotto tutti i punti di vista l'Avvoltoio, il villain di Spider-Man: Homecoming impersonato da Michael Keaton. Per ironia della sorte, Keaton recentemente è stato un supereroe piumato anche nell'acclamato Birdman. Stavolta, però, l'ex Batman non sarà un attore in declino perseguitato dal proprio alter ego di celluloide. Tutt'altro. Le prime immagini mostrano un villain spietato, dinamitardo. Un terrorista che semina il panico e indirizza minacce degne di un mafioso de Il padrino all'indirizzo di Peter Parker: "non ci provare o ucciderò te e tutti quelli che ami". Vendette trasversali, che il giovane Spider-Man deve fronteggiare. Nel finale del trailer lo vediamo infatti impegnato in un tentativo disperato per tenere unita una nave squarciata in due dall'Avvoltoio. Impossibile non pensare ad una delle più celebri sequenze di Spider-Man 2 di Sam Raimi, con Tobey Maguire che sviene per lo sforzo dopo aver arrestato con le ragnatele la folle corsa di una metropolitana sopraelevata manomessa dal Dottor Octopus.

Che voto dai a: Spider-Man: Homecoming

Media Voto Utenti
Voti totali: 85
7.9
nd