Paramount dice addio a Universal in Italia: sarà Fox a distribuire i film

Fox distribuirà i titoli Paramount in Italia, finora gestiti da Universal, un caso unico nel panorama mondiale: cosa cambia nel nostro paese?

speciale Paramount dice addio a Universal in Italia: sarà Fox a distribuire i film
Articolo a cura di

Quello della distribuzione cinematografica è un settore solitamente molto particolare, difficile da comprendere per i non addetti ai lavori. Non sempre infatti gli studi che producono i film, grandi e piccoli che siano, poi li portano effettivamente in sala; per la fase finale di un prodotto cinematografico, o meglio semifinale se calcoliamo il mercato Home Video, spesso subentrano nuove società e aziende, incaricate unicamente di produrre le varie copie e distribuirle fisicamente cinema per cinema. Ogni Paese del mondo poi ha regole tutte sue, dinamiche sempre diverse, sono dunque pochi gli studi che curano tutto il ciclo vitale di un film, dalla sua pre-produzione all'uscita su grande schermo. In Italia ad esempio Medusa Film distribuisce in sala artisti del calibro di Roberto Benigni, Leonardo Pieraccioni, Massimo Boldi, Paolo Virzì nonostante vengano prodotti da altri, 01 Distribution porta al cinema soprattutto film Rai, i titoli Paramount Pictures invece sono sempre arrivati in sala grazie al supporto di Universal, così come accade anche in altre nazioni. A breve invece tutto cambierà: la Paramount ha stretto un accordo con Fox Italia, che a partire da settembre curerà la distribuzione dei titoli del marchio dalle cime innevate.

Matrimonio Fox Italia-Paramount

L'accordo è arrivato come un fulmine a ciel sereno, con l'Italia primo paese al mondo ad avviare questa partnership. Tutto è dovuto probabilmente all'arrivo in Paramount del nuovo CEO Jim Gianopulos, precedentemente alla guida proprio di 20th Century Fox, Fox Searchlight, Fox 2000, Fox Animation/Blue Sky Studios, Fox International Productions e Fox Home Entertainment. Durante la sua esperienza alla Fox Gianopulos ha stretto un rapporto particolare con Osvaldo De Santis, a capo di Fox Italia, l'uomo che ha creato una macchina distributiva super efficiente nel nostro Paese. De Santis è rimasto alla guida della divisione italiana per trent'anni, per lasciare il posto solo lo scorso novembre a Paul Zonderland, che ha continuato gli ottimi rapporti pregressi con Gianopulos. È dunque facile fare due più due, i due uomini d'affari si sono scelti e hanno siglato un accordo milionario.

Cosa cambia

La notizia è stata ufficializzata dallo stesso Zonderland, che in un comunicato ha scritto: "Siamo davvero felici che Paramount Pictures abbia scelto noi come partner in Italia". Questo probabilmente sarà solo il primo tassello di un puzzle più ampio, ad esempio è quasi certo che Universal - ormai orfana di Paramount nel nostro Paese - diventi distributore ufficiale della DreamWorks nelle nostre sale.

Tornando alla Paramount, per Fox si tratta di un accordo davvero importante, se pensiamo che lo studio delle cime innevate ha intenzione di rilasciare - in autunno negli USA, poi sicuramente anche in Italia - titoli come il nuovo capitolo di Cloverfield prodotto da J.J. Abrams, Downsizing di Alexander Payne con Matt Damon, Kristen Wiig, Christoph Waltz e Alec Baldwin e la commedia Suburbicon di George Clooney. Cosa cambia per noi spettatori? Probabilmente molto poco dall'esterno, alcuni film potrebbero guadagnare una copertura migliore rispetto al passato, arrivare dunque in più sale o avere edizioni Home Video più curate, così alcune campagne pubblicitarie potrebbero essere più massicce, ma vedremo i primi risultati soltanto dopo il primo settembre - del resto è una partnership inedita, a cui potrebbero farne seguito altre in giro per il mondo.

Quanto attendi: Paramount Pictures

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 9
59%
nd