Netflix

Netflix: 5 film sugli alieni da rivedere, da Edge of tomorrow a X-Files

Andiamo alla scoperta di alcuni titoli a tematica aliena presenti su Netflix, che non possono passare inosservati agli occhi degli appassionati.

speciale Netflix: 5 film sugli alieni da rivedere, da Edge of tomorrow a X-Files
Articolo a cura di

Con la recentissima uscita, proprio su Netflix, dell'attesissima Star Trek: Discovery la voglia di alieni e spazio profondo è pronta a ritornare alla ribalta. Per l'occasione il nostro speciale settimanale si concentra su cinque titoli a tematica extaterrestre, siano i film ambientati direttamente nella vastità del cosmo o su astronavi oppure sul nostro Pianeta, invaso o colpito da un mistero originario di un altro mondo. Una lista molto diversificata che include titoli ad alto tasso adrenalinico come il recente Senza domani - Edge of tomorrow con Tom Cruise, lo "sparatutto" tratto dall'omonimo videogioco di culto Doom e l'ultimo episodio delle avventure di Riddick. Voce anche ad un titolo originale Netflix quale il romantico Lo spazio che ci unisce, in cui "l'alieno" è in realtà un giovane umano nato su Marte, e alla seconda incursione sul grande schermo dell'iconica coppia formata da Fox Mulder e Dana Scully in X-Files - Voglio crederci.

Lo spazio che ci unisce

Gardner è un adolescente che è nato sul Pianeta Rosso dove la madre, morta dopo il parto, era un'astronauta a capo della prima missione umana su Marte. Il ragazzo soffre dell'assenza di propri coetanei ed il suo unico rapporto d'affetto, quasi materno, è quello con l'astronauta Kendra. Gardner ha iniziato tramite video-chat anche una corrispondenza con la ribelle Tulsa, una studentessa terrestre ignara del luogo da cui lui sta comunicando. L'ente spaziale, visto che la forzata reclusione nelle basi marziane ne sta mettendo a repentaglio la salute mentale, decide così di far venire Gardner sul nostro mondo: la permanenza sulla Terra però potrebbe causare gravi complicazioni al fisico del giovane, non preparato a subire il peso della gravità terrestre. Gradevole, seppur ingenua, love-story a tematica fantascientifica, Lo spazio che ci unisce soffre di una sceneggiatura risaputa e prevedibile (guardante parzialmente ad atmosfere anni '80) ma concede ad ogni modo un buon numero di emozioni grazie alla calibrata regia e all'intensità dei due protagonisti, con Gary Oldman in un ruolo di supporto di fondamentale importanza.

Senza domani - Edge of tomorrow

In un prossimo futuro il nostro Pianeta è nel bel mezzo di una vera e propria guerra contro i Mimic, una razza aliena supertecnologica. Per cercare di sconfiggere il nemico le superpotenze mondiali hanno unito le forze dando forma ad un esercito di soldati dotati di esoscheletro; tra questi viene arruolato forzatamente anche il maggiore Cage, addetto all'ufficio stampa e totalmente a digiuno di combattimenti sul campo. Non a caso l'uomo muore in battaglia salvo poi risvegliarsi come nulla fosse accaduto e cominciando a rivivere ogni volta lo stesso giorno che si conclude, continuamente, nello stesso identico modo con la propria morte. Almeno fino a quando Cage non cercherà di sfruttare a suo vantaggio i ricordi ottenuti prima di ogni sua dipartita... Un Ricomincio da capo(1993) in salsa sci-fi, avvincente adattamento della light novel All You Need Is Kill, in cui Tom Cruise è assoluto protagonista, affiancato da un altrettanto convincente Emily Blunt. Ottimi effetti speciali, una sceneggiatura ben calibrata (epilogo escluso) e una massiccia dose d'azione rendono Senza domani - Edge of tomorrow uno spettacolare blockbuster fantascientifico.

Riddick

Antieroe tra i più iconici del nuovo millennio, già protagonista di Pitch Black (2000) e The chronicles of Riddick (2004), il personaggio dai massicci panni di Vin Diesel torna per la terza volta su grande schermo in Riddick, film che segna il ritorno dietro la macchina da presa di David Twohy, già in cabina di regia per i succitati primi due capitoli. Dopo il parziale flop del secondo episodio si è qui scelto di tornare su una strada sicura, riprendendo le atmosfere della pellicola originale: quindi largo spazio a sequenze notturne, azione senza freni in un progressivo percorso di kill or be killed, per un risultato da western sci-fi che va dritto al punto. Quasi un vero e proprio remake autoctono, esaltazione di un cinema di genere con che compie il suo compito di secco e ludico intrattenimento con divertita efficacia, magnetizzata dal carisma di un Diesel senza freni.

Doom

Nel 2026 un gruppo di archeologi rinviene nel deserto un portale capace di condurre ad un'antica città marziana, ribattezzata in seguito Arca. Vent'anni dopo un gruppo di scienziati stanziati sulla base spaziale Olduvai lì costruita subisce l'attacco di un nemico di origine sconosciuta; il dottor Carmack, tra i superstiti, riesce ad inviare una richiesta di aiuto sulla Terra. Sul luogo viene inviata la squadra di marine facente capo al comandante Sarge e comprendente, tra gli altri, il soldato John "Reaper" Grimm, tormentato da una tragedia nel proprio passato. Il team ha il compito di scoprire e neutralizzare la minaccia e di proteggere a qualsiasi costo il portale affinché il pericolo non arrivi sul nostro pianeta. Nonostante sia tutto fuorché un film perfetto, Doom rimane ad oggi uno delle più riuscite trasposizioni per il grande schermo di un videogioco. Un'operazione ricca di citazioni e con discrete atmosfere da b-movie, con ottimi effetti speciali nella realizzazione delle creature mostruose, ma che si perde per via di una sceneggiatura lineare e priva di scossoni. Comunque memorabile la sequenza girata in soggettiva in stile FPS.

X-Files - Voglio crederci

Quando un'agente dell'FBI scompare in circostanze misteriose Padre Joseph, ex prete condannato per pedofilia, sostiene di avere delle visioni riguardanti l'accaduto. I piani alti del Bureau contattano Dana Scully, ormai dedita all'attività di medico, affinché rintracci il suo ex-collega Fox Mulder, che vive ormai da eremita da anni. Nel frattempo altre donne scompaiono per poi venire ritrovate letteralmente fatte a pezzi. Con la collaborazione dell'agente Dakota Whitney, Mulder e Scully cominciano le indagini, ma molte cose sono cambiate in loro rispetto al passato. Dana infatti è stanca di correre dietro a fantasmi, e il suo unico obiettivo è ora quello di salvare un bambino considerato incurabile; Mulder ritrova invece la sua vera ragione di vita, indagare nel mistero più oscuro. Ritorno della saga a molti anni dalla conclusione della storica serie tv, X-Files voglio crederci è in realtà un thriller dalla venature orrorifiche che ha poco in comune con l'originale. Una sceneggiatura debole e confusa regala un film non all'altezza, salvato solo dall'iconico carisma della coppia formata da David Duchovny e Gillian Anderson.