Mad Max: Fury Road, Kick-Ass 2, The Chronicles of Riddick: film in tv

Cosa propone la serata di oggi, venerdì 3 marzo? The Chronicles of Riddick e le prime tv Mad Max: Fury Road e Kick-Ass 2.

speciale Mad Max: Fury Road, Kick-Ass 2, The Chronicles of Riddick: film in tv
INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

Una serata ad alto tasso ludico ed adrenalinico quella di oggi, venerdì 3 marzo, che ci offre ben due prime visioni tv. Su ITALIA 2 alle 21.10 Aaron Taylor-Johnson e Chloë Grace Moretz tornano a vestire i ruoli di supereroi mascherati in Kick-Ass 2, trovando nuove guest star di lusso come Jim Carrey e John Leguizamo. Il titolo forte del giorno in prima tv, con inizio alla stessa ora su ITALIA1, è però indubbiamente Mad Max: Fury Road, capolavoro action firmato dal grande George Miller vedenti per protagonisti Tom Hardy e una tostissima Charlize Theron. A seguire, sempre sullo stesso canale (alle 23.35, minuto più minuto meno), è invece il turno di The Chronicles of Riddick, controverso secondo capitolo sul personaggio interpretato da Vin Diesel.

Mad Max: Fury Road

Tormentato dai tragici eventi del suo passato, Max si aggira in solitudine per le Terre desertiche: catturato dagli uomini del signore della guerra Immortan Joe e riuscito a scappare si ritrova in fuga con l'Imperatrice Furiosa e un gruppo di giovani concubine destinate a generare la stirpe del tiranno. Esaltante macchina action a cui tutto è concesso in favore del più straripante e coinvolgente spettacolo: su una sceneggiatura accattivante ma fragile, strutturata su una sorta di improbabile avanti e indietro, George Miller riporta la saga di Mad Max al suo massimo splendore ludico, settando nuovi standard nei blockbuster di genere. Visivamente incontenibile, .Mad Max: Fury Road vive su una continua escalation di soluzioni e situazioni in cui l'esagerazione assurge nuove ed inesplorate forme di istintiva magia, elevando il lavoro degli stunt-man a vera e propria arte esplosiva e coreografica che non lascia indifferenti. Un film destinato ad influenzare l'intero filone a venire, così come la solida action-woman interpretata da Charlize Theron, vero e proprio cuore pulsante e magnetico della visione.

Kick-Ass 2

Le imprese di Kick-ass hanno dato il via a diverse emulazioni tali da costituire una vera e propria squadra di super-eroi improvvisati. Nel frattempo Hit-Girl è alle prese con la vita scolastica e con le rivalità tipiche della sua giovane età. Ma quando Red Mist torna in scena per vendicare la morte del padre i due ragazzi dovranno unire di nuovo le forze. Il primo Kick-Ass, pur con tutti i suoi limiti, era un'interessante esperimento cinecomic che provava a variare le coordinate base di un genere allora in vera e propria espansione; in questo sequel il subentrato regista/sceneggiatore Jeff Wadlow sceglie di non cambiare troppo le coordinate stilistiche generando un capitolo due ideale successore dell'originale, pur con meno (come ovvio) novità al seguito. Azione e istinti comico-grotteschi, non privi di una dosa di divertita violenza, caratterizzano così anche i cento minuti di visione di Kick-Ass 2, con personaggi secondari di primo piano (su tutti il colonnello Stars di uno scatenato Jim Carrey) a speziare una narrazione a tratti più monotona del previsto.

The Chronicles of Riddick

«Erano un esercito diverso dagli altri, avanzavano fra le stelle verso un posto chiamato Oltreverso, la loro terra promessa, una costellazione di nuovi oscuri mondi. Necromonger, li chiamano. E se non riescono a convertirti, ti uccideranno. [...] Per poter sopravvivere, va trovato un nuovo equilibrio. In tempi normali, il male si sarebbe combattuto con il bene. Ma in tempi come questi, si deve combattere con un altro tipo di male.» Fin dalla tonitruante intro recitata all'inizio del film si palesa l'ambizione celata dietro The Chronicles of Riddick, seguito di un puro cult di genere quale Pitch Black (2000). Ambientato cinque anni dopo il capostipite, il film vede Riddick sul pianeta Hellion ritrovarsi al centro di una profezia quale possibile salvatore dell'umanità. Operazione barocca che punta tutto sull'apparenza senza badare alla sostanza, non priva di suggestivi istinti visionari che però si sciolgono ben presto in una narrazione inutilmente complessa e forzata in cui lo stesso Vin Diesel pare essere un pesce fuor d'acqua. E la componente di pura azione, che aveva fatto le fortuna dell'originale, scema qui inspiegabilmente in secondo piano.

Quanto attendi: Film in Tv

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 9
74%
nd