Speciale Lo Hobbit: Gandalf

Alla scoperta del più noto mago della Terra di Mezzo

speciale Lo Hobbit: Gandalf
Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Testi a cura di Stefano Lo Verme

Una delle figure più popolari dell’immaginario fantasy, e forse addirittura la più famosa in assoluto, è quella di Gandalf, il sapiente stregone nato dalla fantasia dello scrittore inglese John R.R. Tolkien, e protagonista delle sue opere più celebri: Lo Hobbit e la trilogia de Il signore degli anelli. Gandalf, esperto di arti magiche ma anche profondo conoscitore dell’animo umano, è uno dei personaggi-simbolo dell’universo tolkeniano, e presto lo ritroveremo al cinema ne Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato: il primo capitolo di una nuova trilogia cinematografica, diretta dal regista neozelandese Peter Jackson e tratta appunto dal romanzo Lo Hobbit.
Il film, che uscirà nelle sale italiane il 13 dicembre, racconta il viaggio dello hobbit Bilbo Baggins e di una compagnia di tredici nani, guidati da Thorin Scudodiquercia, alla volta della Montagna Solitaria. A coinvolgere Bilbo in questa avventurosa spedizione è proprio Gandalf il Grigio, interpretato sullo schermo dal grande attore inglese Ian McKellen, che aveva già impersonato questo ruolo, fra il 2001 e il 2003, nella trilogia cinematografica de Il signore degli anelli (ottenendo fra l’altro una candidatura all’Oscar).

Saggio e ironico, benevolo e all’occorrenza astuto, Gandalf è in effetti uno dei personaggi più affascinanti della Terra di Mezzo: membro dell’antichissimo ordine del Bianco Consiglio, è completamente al servizio delle forze del Bene ed è colui sul quale Bilbo e gli altri componenti della compagnia possono contare sempre e comunque, perfino nei momenti più disperati. Secondo quanto rivelato dallo stesso Tolkien, l’ispirazione per Gandalf gli sarebbe arrivata grazie ad una cartolina illustrata acquistata durante un viaggio in Svizzera, nell’estate del 1911, intitolata Lo spirito della montagna: tale cartolina raffigurava il quadro di un artista tedesco, Josef Madlener, in cui era rappresentato un vecchio con un ampio mantello e una lunga barba bianca.
Il nome Gandalf, invece, deriva da “Gondolf”, nome di un personaggio del romanzo fantasy La fonte ai confini del mondo, firmato da William Morris nel 1892. Sebbene non vi siano fonti precise al riguardo, in molti ritengono che la figura di Gandalf sia ripresa, almeno in parte, da quella del mago per antonomasia di un certo immaginario fantastico-medievale che presenta molti caratteri affini con il mondo descritto da Tolkien nei suoi romanzi: Mago Merlino, il mentore del giovane sovrano Artù nel ciclo bretone sui cavalieri di Camelot. La saggezza, il valore, i grandi poteri e la capacità di guidare e consigliare sono tratti che accomunano tanto Merlino, quanto Gandalf.

Ne la trilogia de Lo Hobbit avremo modo di conoscere ancora più da vicino la figura dello “stregone grigio” (destinato a diventare, ne Il signore degli anelli, Gandalf il Bianco). Il regista e sceneggiatore Peter Jackson, infatti, ha scelto di approfondire vari aspetti della storia della Terra di Mezzo, inclusa un’ellissi narrativa del romanzo di Tolkien: dopo aver resistito alle aggressioni da parte degli orchi e dei mannari, infatti, Gandalf abbandona la spedizione dei nani per portare a termine una misteriosa missione. Nel libro Tolkien non approfondisce questo aspetto del racconto (che sarà poi ripreso nelle opere successive), ma Peter Jackson ha scelto di inserirlo all’interno della trasposizione cinematografica, in modo da creare un legame diretto fra gli eventi de Lo Hobbit e le vicende narrate ne Il signore degli anelli. Ne Lo Hobbit, quindi, assisteremo alle indagini condotte da Gandalf con l’aiuto di Galadriel, signora degli elfi, a proposito di un oscuro potere che sta tornando nella Terra di Mezzo, e ad una tenebrosa figura, conosciuta come il Negromante, dietro la quale si cela il terribile Sauron...

Che voto dai a: Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato

Media Voto Utenti
Voti totali: 55
8.1
nd