La Bella e La Bestia: ecco i live-action Disney che vedremo

Da La Carica dei 101 ad Aladdin passando per l'atteso La Bella e La Bestia, ecco tutti i live-action che Disney ha prodotto e produrrà.

speciale La Bella e La Bestia: ecco i live-action Disney che vedremo
Articolo a cura di

Guardare indietro e non avanti è la nuova regola della settima arte: sono tantissimi, infatti, i remake di noti film ma anche di storiche serie tv che le varie case di produzione - Disney in primis - hanno prodotto o sono in procinto di produrre per avere la certezza che gli spettatori decidano di recarsi al cinema mossi da uno dei sentimenti più forti che l'essere umano possa provare: la nostalgia (il caso di T2 Trainspotting è emblematico a tal punto). La live-action mania è nata recentemente in seguito a una forte crisi che il cinema ha vissuto e che è diventata insostenibile nel secondo decennio degli anni '00. Non è un caso, infatti, che è proprio dal 2010 che la Casa di Topolino abbia deciso di puntare sulle versioni "in carne e ossa" di Classici che hanno fatto la sua storia continuando, in virtù del notevole successo al botteghino di questi remake, a riscrivere e rimodernare (il più delle volte) racconti ben noti al pubblico mai stanco di fiabe e sempre più bisognoso di recarsi al cinema investendo però i propri soldi quasi unicamente su un biglietto "sicuro". L'ultimo caso in ordine cronologico è rappresentato da La Bella e La Bestia, pellicola ora nelle sale italiane con protagonisti Emma Watson e Dan Stevens.

Da La Carica dei 101 a La Bella e La Bestia

Il primo live-action/remake che Disney ha portato sul grande schermo è stato La Carica dei 101, film che ha ricalcato quasi alla perfezione la trama del Classico del 1961 ambientando nel presente le (dis)avventure degli adorabili dalmata protagonisti. Ad oggi quello che la maggior parte del pubblico ricorda di quel primo rifacimento in carne ed ossa di uno dei più amati lungometraggi animati della major è l'eccellente interpretazione di Glenn Close nelle vesti bianche e nere di Crudelia De Mon e il malriuscito sequel della pellicola che arrivò sugli schermi nel 2000 La carica dei 102 - Un Nuovo Colpo di Coda. Dopo questo primo esperimento live-action per un decennio non si è sentito più parlare di questa tipologia di film, almeno in casa Disney, fino a quando nel 2010 Tim Burton ha diretto la sua Alice in Wonderland: è da allora, infatti, che almeno una volta all'anno un remake o un sequel di quel remake arriva, puntuale, nelle sale. Se con Alice in Wonderland, ma anche con Maleficent, quantomeno gli spettatori sono stati premiati con una versione molto diversa delle ben note storie della curiosa Alice di Lewiss Carroll e della romantica e dormiente Aurora, dal 2015 Disney ha deciso di "risparmiare" anche sulla riscrittura. Ed ecco che sono approdate nei cinema pellicole, splendide per fattura ma totalmente identiche alle "originali" versioni animate o a tecnica mista, quali Il Libro della Giungla, Pete's Dragon, Cinderella e la nuovissima La Bella e La Bestia. Nonostante tali lungometraggi risultino mere copie (al di là di qualche sporadico particolare) raramente in grado di aggiungere qualcosa di importante ai loro predecessori, il successo di queste operazioni è sempre notevolissimo tanto che la Walt Disney Company ha in cantiere molti altri remake.

Il futuro (non) è ieri

Ora che l'attesissimo live-action di Bill Condon è arrivato nelle sale tutta l'attenzione degli appassionati della Casa di Topolino è concentrata sul sequel di Mary Poppins in cui la tata dei sogni di generazioni di bambini sarà interpretata da Emily Blunt, già da qualche giorno sul set del film. Sarà infatti Mary Poppins Returns il prossimo live-action Disney al quale seguirà, quasi certamente, una versione non animata di Aladdin (le cui riprese inizieranno a luglio), de Il Re Leone, de La Sirenetta, il sequel di Maleficent, vari spin-off di Peter Pan e così via fino a quando il pubblico non si ricorderà che il futuro - anche quello della fantasia - è domani (e non ieri) e che il mantra di Walt Disney, motto che dovrebbe aver ereditato il suo impero, recita "se puoi sognarlo puoi farlo" e non "se puoi sognarlo puoi RIfarlo".