Speciale Fury: quando il cinema ci porta al fronte

In occasione dell'arrivo del drammatico e appassionante war movie di David Ayer in Home Video, riscopriamo alcune delle più interessanti pellicole di guerra ambientate durante la seconda guerra mondiale.

speciale Fury: quando il cinema ci porta al fronte
Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Brad Pitt è pronto a tornare negli impianti Home Video di tutti gli appassionati di cinema con l'intenso war movie Fury. Diretto da David Ayer -già sceneggiatore di Training Day e Fast & Furious e prossimo regista del nuovo, promettente progetto targato DC Comics Suicide Squad- il film è disponibile in DVD e Blu-ray dal 23 Settembre. Distribuito da Universal Pictures Italia, Fury vede tra i protagonisti anche Shia Labeouf (Transformers) e Logan Lerman (Noi siamo Infinito), in un film che fonde al meglio il dramma della guerra e le emozioni di coloro che l'hanno vissuta in prima persona.
Nel film Brad Pitt è Wardaddy, un agguerrito sergente che dovrà guidare il suo plotone di cinque uomini alle spalle delle linee nemiche, in una missione al limite dell'impossibile: la loro unica speranza sarà Fury, il carro armato Sherman che li accompagnerà in questo delicato compito.

Fury

Entrambe le versioni home video conterranno diversi contenuti speciali: in particolare, nella versione in Blu-ray, sarà presente più di un'ora di contenuti mai visti ed un esclusivo bonus disc ricco di imperdibili extra. Ambientato nel 1945, Fury ci porta negli ultimi attimi della seconda guerra mondiale, in una missione suicida in cui un gruppo di eroi è pronto a colpire al cuore la Germania Nazista. Tra scene cruente e toccanti, azione e adrenalina, Fury ripercorre il filone delle pellicole che ci hanno portato dentro al secondo conflitto mondiale facendoci rivivere la crudeltà di quei momenti e le gesta eroiche di coloro che nel clamore, così come nel silenzio, ne hanno segnato la storia, mostrando sia la crudeltà della guerra che il disperato tentativo dei soldati di conservare la propria umanità. In occasione di questa uscita abbiamo quindi deciso di ricordare alcuni dei film del genere che più di tutti hanno rappresentato la seconda guerra mondiale, ergendo ad eroi i loro protagonisti.

Bastardi senza gloria

Diretto da Quentin Tarantino, il primo film che vogliamo ricordare è Bastardi senza Gloria, il war movie che vede (anche qui) Brad Pitt nei panni del protagonista. Il film, valso a Christopher Waltz il Premio Oscar come miglior attore non protagonista, ci porta nel bel mezzo del secondo conflitto mondiale sulle tracce dei "Basterds", un gruppo di soldati ebrei incaricati di uccidere ogni soldato tedesco gli si pari davanti. Il film, covato per molto tempo da Tarantino, è un omaggio a Quel maledetto treno blindato, pellicola diretta da Enzo G. Castellari ed uscita negli States con il titolo Inglorious Bastards. Nel film Tarantino ha voluto fondere a modo suo la pellicola di Cavallari e un altro cult del genere, Quella sporca dozzina.

Quella sporca dozzina

Vincitore del Premio Oscar al montaggio sonoro, Quella sporca dozzina è una delle pellicole cult del genere e ci porta nel 1944, alla vigilia dello sbarco in Normandia delle truppe alleate. Il Maggiore John Reisman è incaricato di guidare la sua truppa di 12 uomini condannati alla pena capitale all'assalto di un castello occupato da diversi alti ufficiali tedeschi. Uscito nel 1968, il film riscosse un successo enorme ed ebbe ben tre sequel televisivi.

Pearl Harbour

Ad aggiudicarsi lo stesso Premio Oscar al montaggio sonoro a distanza di anni fu Pearl Harbour, la celebre pellicola diretta da Michael Bay ed interpretata da Ben Affleck. Mentre gli Stati Uniti ed il mondo intero sono sotto shock per l'attacco del 7 Dicembre 1941 alla base americana di Pearl Harbour, due giovani piloti si innamorano di una bella e sensibile infermiera in un cult che fonde il coraggio, l'amore e la drammaticità di un evento che ha segnato il mondo intero. Ricco di effetti speciali e scene immortali che hanno fatto la storia del cinema, la pellicola rappresenta forse uno dei momenti di maggiore ispirazione del re dell'action Michael Bay.

Flags of our Fathers e Lettere da Iwo Jima

Ma Bay è solo uno dei tanti registi di successo che ha voluto dedicare almeno una pellicola alla tragedia della seconda guerra mondiale. Tra questi ricordiamo sicuramente Clint Eastwood: il regista Premio Oscar ha voluto infatti più volte ricordare gli eventi del secondo conflitto mondiale e in particolare lo ha fatto in due storiche pellicole.
In particolare Eastwood ha voluto ricordare la celebre battaglia di Iwo jima, dedicando al sanguinoso conflitto ben due opere, Flags of our Fathers e Lettere da Iwo Jima. I due film raccontano entrambi la battaglia, ma ognuno lo fa da un fronte diverso. Se infatti la prima ci racconta lo scontro dal punto di vista dell'esercito statunitense, la seconda ci porta all'interno di un mal ridotto schieramento giapponese in piena crisi negli ultimi attimi di guerra. Produttore di entrambe le pellicole, anche Steven Spielberg ci ha regalato un indimenticabile affresco ambientato nel pieno del secondo conflitto mondiale.

Salvate il soldato Ryan

Parliamo ovviamente di Salvate il soldato Ryan, uno dei film cult del genere, che vede come protagonista Tom Hanks. Il film, vincitore di ben cinque Premi Oscar tra cui il riconoscimento come miglior regista a Spielberg, è ambientato nei cruciali giorni del D-Day, raccontati in maniera impeccabile nei primi, indimenticabili, ventiquattro minuti della pellicola. Pellicola in cui Tom Hanks interpreta il ruolo del Capitano John Miller, incaricato di guidare una squadra di sette uomini alla ricerca del soldato Ryan, unico sopravvissuto di quattro fratelli commilitoni. Proprio Tom Hanks, candidato all'Oscar per la sua interpretazione, affiancò Steven Spielberg nella produzione di ben due miniserie spin-off.

Band of Brothers - Fratelli al Fronte e The Pacific

Uscita nel 2001, Band of Brothers - Fratelli al Fronte fu la prima delle due serie ad uscire e segue le vicende di un reggimento di paracadutisti, dal periodo di addestramento fino agli avvenimenti bellici sul fronte europeo. Testimone invece del fronte Pacifico del conflitto, The Pacific uscì nel 2010 , e ci porta in un'America sconvolta dal bombardamento di Pearl Harbour e pronta a schierare tutte le sue forze contro un potente impero giapponese.

Che voto dai a: Fury

Media Voto Utenti
Voti totali: 13
8.5
nd