Box Office: ecco i film campioni d'incasso nel 2017

Andiamo a scoprire quali sono i dieci film che hanno incassato di più al botteghino worldwide in questa prima parte dell'anno.

speciale Box Office: ecco i film campioni d'incasso nel 2017
Articolo a cura di

Siamo quasi giunti a metà dell'anno solare in corso ed è tempo di bilanci per la stagione cinematografica, anche questa volta ricca di straripanti successi al box-office mondiale. Per l'occasione abbiamo deciso di dare uno sguardo ai maggiori incassi di questa prima parte del 2017, dominata come di consueto dai blockbuster americani. A guidare la classifica, appaiati a distanza di poco più di una decina di milioni, sono La bella e la bestia e Fast & Furious 8 con oltre un miliardo di dollari di guadagni, potenzialmente insidiati, vista la più recente uscita, da Guardiani della Galassia vol. 2 cui segue a stretto giro un altro cinecomic, Logan - The Wolverine. Nella top ten sono poi presenti anche il nipponico capolavoro d'animazione Your name (all'ottavo posto) e la co-produzione fra Hollywood e Cina The Great Wall (che chiude al decimo).

La bella e la bestia ($1,206.5)

Tra i più attesi titoli della nuova ondata di live-action della Walt Disney, ormai prossima a trasportare in carne e ossa tutti i suoi classici animati, La bella e la bestia (pur con qualche riserva) non ha deluso le aspettative. Tralasciando le velleitarie polemiche sulla presenza di un personaggio dalle tendenze omosessuali all'interno del racconto, la trasposizione di Bill Condon segue pedissequamente l'originale da cui riprende a piene mani inquadrature e canzoni in un'operazione che si rivela sorprendentemente frizzante, merito anche dell'innocente fascino della protagonista Emma Watson. Una modernizzazione politicamente corretta e adatta ad un pubblico di tutte le età messa in scena con raffinati effetti speciali e in un'ambientazione ispirata in cui per l'ennesima volta la storia di quest'amore impossibile ha modo di prendere vita.

Fast & Furious 8 ($1,193.4)

Non c'è pace per Dominic Toretto e la sua banda, diretti in questo nuovo capitolo della saga dal guru dei videoclip rap e r'n'b F. Gary Gray e con la new entry di una villain d'eccezione interpretata da Charlize Theron. E' proprio quest'ultima a sedurre e ricattare il personaggio di Vin Diesel dando il via ad uno scontro tra l'uomo e i suoi vecchi amici che ha luogo in due abbondanti ore di visione sorrette nuovamente da un'escalation d'azione, su quattro ruote e non, letteralmente senza freni. Il più classico esempio di blockbuster fracassone pensato ad uso e consumo per il grande pubblico che, senza troppe pretese, otterrà uno spy-movie 2.0 in cui il puro e gratuito spettacolo prende ben presto il sopravvento soddisfacendo pienamente gli obiettivi di partenza.

I Guardiani della Galassia Vol. 2 ($632.3)

Il primo Guardiani della Galassia aveva portato una ventata di freschezza nel mondo dei cinecomic, sia per la regia di un autore fuori dagli schermi quale James Gunn, sia per l'essenza da space opera già insita nel fumetto originario. Con questo nuovo capitolo il franchise ripercorre le linee guida del predecessore seguendo la classica ricetta del "squadra che vince non si cambia": tornano perciò l'iconico cast, umano e non, e l'onnipresente colonna sonora in un tripudio di atmosfere anni '80 ancora più spettacolare e divertente. Divisi in due gruppi dagli eventi, i Nostri vivranno nuovamente incredibili avventure spaziali e lo Star Lord di Chris Pratt si troverà faccia a faccia con suo padre Ego, interpretato da Kurt Russell.

Logan The Wolverine ($606.8)

L'ultima volta per Hugh Jackman nei panni di Wolverine coincide anche con il film più riuscito di quelli dedicati al mutante di casa Marvel, qui al centro di una violenta ballata noir che si pone come ulteriore stadio evolutivo dell'intero genere supereroistico. Una sorta di western moderno, ambientato in un 2029 dove non nascono più mutanti, con Logan che lavora come autista e un anziano Xavier impossibilitato ad usare i suoi poteri. Un'opera dannatamente umana quella messa in scena da James Mangold, la cui netta scelta di campo dà vita ad una visione fresca ed emozionale che si rivela degno canto di commiato ad uno dei personaggi più iconici di tutto il filone.

Kong: Skull Island ($564.6)

Rinnovare il franchise di King Kong non era certo un'impresa semplice ma il film di Jordan Vogt-Roberts è riuscito, almeno negli incassi, a centrare l'obiettivo. Con un prologo ambientato nel 1944 e citante in ottica monster movie un grande classico quale Duello nel Pacifico (1968), ci spostiamo temporalmente negli anni '70, all'indomani del ritiro delle truppe statunitensi dal Vietnam. Due scienziati sono a capo di una spedizione atta a scoprire un'isola nel sud del Pacifico e che si troverà a testimoniare l'esistenza del gigantesco gorilla. Volutamente eccessivo e non privo di istinti da b-movie, Kong: Skull Island è un titolo senza infamia e senza lode che però, complice l'affiatato cast e un senso dello spettacolo sparato a tutto volume, si pone come divertente aggiornamento del Mito.

Top Ten (6°-10° classificato)

Baby Boss ($456.4): ci sono neonati confusi e incapaci di capire il mondo e poi c'è lui, Baby Boss (ultimo personaggio di casa Dreamworks), che sa perfettamente qual è il suo ruolo: farci divertire... e riflettere.

Cinquanta sfumature di nero ($378.8): Christian Grey e Anastasia Steele tornano al cinema grazie a Jamie Dornan e Dakota Johnson nel nuovo capitolo della saga "erotica".

Your Name. ($354.2): una storia d'amore pronta a sfidare il destino e le distanze fisiche e temporali nell'ultimo capolavoro animato di Makoto Shinkai.

xXx - Il ritorno di Xander Cage ($346.1): Vin Diesel torna a concedere anima e corpo allo spericolato Xander Cage nel terzo capitolo della serie d'azione.

The Great Wall ($332.0): c'è un temibile nemico alle porte della muraglia cinese nel wuxiapian diretto da Zhang Yimou con protagonisti Matt Damon, Andy Lau e Pedro Pascal.