Berlinale 65

Speciale Berlinale 65: Day 03

Si arriva a quota tre giorni per il Festival di Berlino: in Concorso arriva Benoit Jacquot, ma pesa l'assenza di Léa Seydoux

speciale Berlinale 65: Day 03
Articolo a cura di
Serena Catalano Serena Catalano Figura mitologica metà umana e metà pellicola, ha sfidato e battuto record mondiali di film visti, anche se il successo non l'ha minimamente rallentata. Divora cortometraggi, mediometraggi, lungometraggi, film sperimentali, documentari, cartoni animati: è arrivata addirittura fino alla fine della proiezione di E La Chiamano Estate. Sogni nel cassetto? Una chiacchierata con Marion Cotillard ed un posto nei Tenenbaum.

Terzo giorno di eventi per il 65° Festival di Berlino, che chiude ieri in pompa magna accogliendo il film di Werner Herzog dal titolo Queen of the desert sul tappeto rosso, in compagnia dei grandi protagonisti James Franco e Nicole Kidman. Un finale di tutto rispetto, che rimanda a questa terza giornata intensa di eventi e dalle piccole delusioni per quanto riguarda gli ospiti: il film del giorno è infatti indubbiamente Diary of a Chambermaid del regista francese Benoit Jacquot, che arriva però in conferenza stampa privo della sua protagonista, Léa Seydoux. Presenti invece le interpreti del secondo film in concorso della giornata, ovvero Ixcanul Volcano, pellicola molto particolare che racconta la storia di una diciassettenne originaria di un antico villaggio Maya in Guatemala, e del suo rapporto con le tradizioni del proprio popolo. María Mercedes Coroy e María Telón hanno fatto compagnia al loro regista Jayro Bustamante e saranno presenti anche per per il red carpet.

Benoit Jacquot: “Lavorare con Léa Seydoux è ideale”

Non ci voleva proprio il set di 007: Spectre al povero Benoit Jacquot, costretto a presentare da solo il suo Diary of a Chambermaid a causa di un incidente sul set dell’ultimo film di James Bond in cui la sua protagonista, Léa Seydoux, è impegnata nel ruolo di Bond girl. L’agenda dell’attrice francese è infatti dovuta necessariamente cambiare a causa della slogatura al ginocchio di Daniel Craig sul set, impedendole di partecipare sia alla conferenza stampa che al red carpet di stasera. Jacquot però non si risparmia di parlare di lei in ogni caso: « È un peccato che non possa essere qui con noi, lavorare con lei è stato ideale, non potrei definirlo in altra maniera ». Il film è stato tuttavia accolto freddamente dalla stampa, con un gelido silenzio a fine proiezione. Non resta che aspettare la reazione del pubblico quando verrà presentato stasera, dove oltre al regista sarà presente il protagonista Vincent Lindon per il tappeto rosso.