Rubrica Box Office Italia 13 - 15 Marzo

Il ciclone Cenerentola si abbatte anche sul box office italiano: la pellicola Disney in testa nella classifica degli incassi, davanti anche al divertente Ma che bella sorpresa di Alessandro Genovese

rubrica Box Office Italia 13 - 15 Marzo
Articolo a cura di

È trionfo anche in Italia: dopo i 70 milioni di dollari negli USA, lo sfarzoso Cenerentola firmato da Kenneth Branagh per la Walt Disney mette in cassa pure cinque milioni di euro - per la precisione 5,1 milioni - dal mercato italiano, aggiudicandosi senza difficoltà la testa della classifica del box-office. Distribuito in 622 sale, con un’ottima media di 8239 euro per cinema e quasi 800.000 spettatori nei primi quattro giorni di programmazione, il film con Lily James, Cate Blanchett, Richard Madden ed Helena Bonham Carter si conferma uno dei maggiori successi della stagione invernale, con ottime prospettive anche per le settimane a venire (e un passaparola che sembra piuttosto positivo). Al secondo posto apre la commedia italiana Ma che bella sorpresa di Alessandro Genovese, con un cast capitanato da Claudio Bisio, Frank Matano e Valentina Lodovini: l’esordio è di due milioni di euro in 437 sale, con una buona media di 4613 euro per sala, a testimonianza che Medusa continua a far presa sul pubblico degli affezionati delle commedie nostrane.

Oltre mezzo milione per Suite Francese

Scivola dal primo al terzo posto la commedia con Will Smith Focus - Niente è come sembra, che dopo l’ottimo esordio della settimana scorsa incassa 1.275.000 euro (un calo contenuto di appena il 30%) in 387 sale, raggiungendo un solido totale di 3,6 milioni di euro. Mantiene i due terzi degli incassi del debutto invece Nessuno si salva da solo di Sergio Castellitto: il melodramma con Riccardo Scamarcio e Jasmine Trinca scende dal secondo al quarto posto, con 878.000 euro e un totale di 2,6 milioni. Discreta tenuta al quinto posto per SpongeBob - Fuori dall’acqua, altro titolo targato Universal, che incassa 612.000 euro e si porta ad una cifra complessiva di 4,6 milioni di euro in tre settimane, mentre al sesto posto incontriamo un’altra new-entry: si tratta di Suite francese, storia d’amore a sfondo bellico tratta dall’omonimo romanzo di Irène Némirovsky, con Michelle Williams, Matthias Schoenaerts e Kristin Scott Thomas. Distribuito da Lucky Red, Suite francese debutta con 550.000 euro in 166 sale, con una discreta media di 3315 euro per sala (il film deve aver tratto giovamento anche dalla popolarità del libro). Scende al settimo posto Kingsman - Secret Service, con 261.000 euro e un totale di due milioni, seguito dalla commedia Noi e la Giulia, che dopo un mese raggiunge 3,6 milioni di euro.

Esordi modesti per i magnifici Blackhat e Foxcatcher

Questo week-end hanno debuttato nelle sale italiane anche due fra i titoli più interessanti e meritevoli non solo della stagione, ma dell’intera annata, i quali purtroppo non hanno registrato però cifre particolarmente alte. Al nono posto esordisce Blackhat, ritorno al cinema del grande Michael Mann con un cyber-thriller interpretato dall’attore Chris Hemsworth: 241.000 euro in 123 cinema, con una media di 1966 euro per sala. Numeri addirittura inferiori per Foxcatcher, il dramma sportivo diretto da Bennett Miller e candidato a cinque premi Oscar, con un terzetto di comprimari quali Channing Tatum, Steve Carell e Mark Ruffalo: 186.000 euro in 137 cinema, con una media di appena 1363 euro per sala (confidiamo negli effetti di un buon passaparola). Per il resto, continua a precipitare Cinquanta sfumature di grigio, fenomeno che ha bruciato in fretta, arrivando però a 19,5 milioni di euro di totale, mentre risale al diciottesimo posto l’apprezzato Selma - La strada per la libertà, che dopo cinque settimane si attesta ad oltre 1,7 milioni di euro. La Top 20 è chiusa, al ventesimo posto, da Whiplash, che dopo cinque settimane si appresta a toccare la soglia del mezzo milione di euro di incassi in Italia, a dispetto di una distribuzione estremamente ristretta.