Rubrica Box Office Italia 10 - 13 settembre 2015

Anche questa settimana non ce n'è per nessuno, e Minions regna incontrastato in classifica con quasi altri 2 milioni e 700mila euro, con a inseguirlo Fantastic 4 - I Fantastici 4, che noncurante delle maldicenze guadagna quasi un milione in partenza.

rubrica Box Office Italia 10 - 13 settembre 2015
Articolo a cura di

I Minions straccianoI Fantastici 4: neppure il quartetto di supereoi protagonisti del film di Josh Trank sono riusciti ad arginare il pazzesco successo di Minions, che per la terza settimana consecutiva rimane saldamente al primo posto nella classifica del box-office italiano. La pellicola d'animazione targata Universal incassa infatti altri 2.668.000 euro (in calo del 45%) in 715 cinema, con una media di 3731 euro per sala e un lauto totale di 19,7 milioni: il traguardo dei 20 milioni è ormai raggiunto, e Minions può tranquillamente ambire al podio dei massimi campioni d'incassi dell'annata nel nostro paese. Cifre molto più modeste per Fantastic 4 - I Fantastici Quattro, blockbuster massacrato dalla critica e già uscito con le ossa rotte dal box-office statunitense: un esordio da 914.000 euro in 406 cinema, per una media di 2251 euro per sala e la prospettiva di un passaparola negativo che non dovrebbe certo giovare al film, reboot di un comic-movie di dieci anni fa a sua volta non troppo fortunato.

TANTE NEW-ENTRY IN TOP 10, DA DRAGON BALL Z A MERYL STREEP

Oltre a Fantastic 4, questa settimana la Fox è sul podio della classifica anche con il teen-drama Città di carta, che perde il 48% rispetto all'esordio scendendo al terzo posto con 644.000 euro in 410 cinema, per una media di 1571 euro per sala e un discreto totale di 2,4 milioni di euro nelle prime due settimane. Sono ben quattro, invece, le new-entry che si piazzano direttamente al centro della Top 10 di questo week-end: a partire dal film d'animazione Dragon Ball Z - La resurrezione di F, lanciato da Lucky Red in 238 cinema con un incasso di 519.000 euro e una media di 2183 euro per sala. Subito dietro Dragon Ball Z, al quinto posto troviamo Meryl Streep in un'inedita versione rockstar, deliziosa mattatrice della commedia familiare Dove eravamo rimasti: il film di Jonathan Demme, distribuito dalla Warner Bros, registra 365.00 euro in 223 cinema, con una media non esaltante di 1636 euro per sala. Meryl Streep in compenso supera Owen Wilson, protagonista dell'action-movie No Escape - Colpo di Stato: il thriller, distribuito da M2 Pictures in 197 cinema, deve accontentarsi di 332.000 euro, per una media di 1689 euro per sala. Mezza delusione infine per il film sci-fi Self/Less, con Ryan Reynolds e Ben Kingsley: Self/Less debutta al settimo posto con 311.000 euro in 204 cinema, facendo segnare a Eagle Pictures una deludente media di 1527 euro per sala.

IN ARRIVO DA VENEZIA SANGUE DEL MIO SANGUE E NON ESSERE CATTIVO

In fondo alla Top 10, dopo Mission: Impossible - Rogue Nation, all'ottavo posto con 311.000 euro (totale di 5,2 milioni), e il dramma pugilistico Southpaw - L'ultima sfida, in calo dal quarto al nono posto con 250.000 euro (poco più di un milione di totale), ecco comparire il primo film presentato al Festival di Venezia appena conclusosi: Sangue del mio sangue, il nuovo lavoro di Marco Bellocchio. Un'opera decisamente sperimentale che esordisce con 172.000 euro (195.000 tenendo conto del primo giorno di programmazione) in 94 cinema, per una discreta media di 1833 euro per sala. Nel frattempo precipitano fuori dalla Top 10 Sinister 2, all'undicesimo posto con 155.000 euro, e il deludente Operazione U.N.C.L.E., dodicesimo con 127.000 euro (uno dei maggiori flop dell'estate), seguiti a brevissima distanza da Taxi Teheran (109.000 euro e mezzo milione di totale) e Un'occasione da Dio (105.000 euro). Al quindicesimo posto, invece, ecco un'altra new-entry direttamente da Venezia: Non essere cattivo, l'apprezzato film postumo di Claudio Caligari. Distribuita da Good Films in 62 cinema, la pellicola di Caligari apre con 85.000 euro (106.000 euro considerando il primo giorno di programmazione) e una debole media di 1374 euro per sala, nella speranza che il passaparola possa favorire il film sulla distanza. Infine, dopo cinque settimane in classifica, Ant-Man si prepara ad abbandonare la Top 20 italiana, dopo aver raccolto 4,6 milioni di euro nel nostro paese, cifra tutt'altro che in linea con quelle provenienti dai mercati esteri.