Recensione Underworld: Il risveglio

Torna Selene, sempre più sexy e letale...e in alta definizione!

Articolo a cura di

La guerriera Selene (Kate Beckinsale) ha servito con onore i clan dei vampiri, in lotta da sempre con quelli dei licantropi, sino all'arrivo di Michael (Scott Speedman), ibrido con geni di vampiro e licantropo, di cui la donna si innamora inimicandosi per questo gli 'anziani' della sua specie, eliminandoli.
Quando la razza umana si accorse dell'eterna guerra tra le creature della notte si scatenò una violenta epurazione, stanandole e distruggendole. Catturata sul punto di fuggire con Michael, Selene finisce in ibernazione per dodici anni, risvegliandosi all'interno di un laboratorio della Antigen, multinazionale dove il dottor Jacob (S. Rea) apparentemente sviluppa vaccini per eliminare vampiri e licantropi. In contatto celebrale con quello che pensa essere Michael, Selene fugge dal complesso e, mentre la polizia prova a indagare su nuovi misteriosi decessi avvenuti in città, scopre che nel periodo di stasi criogenica ha avuto una figlia, Eve (I. Eisley), altro soggetto ibrido che in realtà è impiegato dal dottor Jacob per tutt'altro scopo. Assieme alla bambina, Selene trova riparo presso una comunità di vampiri, ignara di avere condotto nello stesso luogo proprio i licantropi, accompagnati da una nuova, potente forma mutagena di uomo-lupo che più di tutto vuole rapire Eve.

Entertainment di grande livello per questo quarto episodio della saga Underworld, decisamente più robusto e avvincente dei precedenti due. Coinvolgente impianto scenografico, un horror con qualche momento splatter che non guasta, anche se questo Underworld - Il risveglio ha più connessioni con il secondo film della saga. Computer grafica a profusione, a tratti gli effetti risultano meno amalgamati con la parte reale di scenografia. Curioso vedere gli uffici del comando di polizia in cui lavora il detective Sebastian (l'ottimo Michael Ealy, distintosi nella serie tv Sleeper Cell) disseminati di monitor per pc a tubo catodico!

Il Blu-Ray 3D

Su di un unico blu-ray, doppio strato, codifica video MVC (Multiview Video Coding) è presente il film 3D visionabile anche in 2D per impianti home theater non compatibili. Formato immagine 2.40:1. La visione 2D è appagante, con eccellente livello di dettaglio, uno spettacolo specie se in presenza di schermi di grandi dimensioni. Il divertimento aumenta smodatamente passando al 3D, dal momento che il film è nativo stereoscopico, con ampio senso di profondità di campo e alcuni elementi che 'bucano' lo schermo. Colori con toni bluastri e freddi, grado di saturazione ampio e neri elevati. Le due tracce DTS-HD Master Audio 5.1 canali in italiano e inglese sono uno spettacolo per l'impianto home theater, da provare entrambe per gustarsi la diversa atmosfera generata dai dialoghi. Effetti roboanti, passaggi panning fronte retro, aggressività del subwoofer. Attenzione a misurare bene il volume per non arrivare a crepare gli altoparlanti!

Come extra, tutti in alta definizione, sono disponibili il commento degli autori per tutto il film, cinque approfondimenti sulla lavorazione con la selezione del cast, effetti in computer grafica, il make-up e le sequenze di stunt. Sei sequenze di previsualizzazione al computer per meglio studiare i passaggi chiave del film tra cui un inedito inizio, poco più di tre minuti di errori sul set, video musicale Heavy Prey di Lacey Sturm con Geno Leonardo, trailer di Starship Troopers Invasion. BD-Live.

Underworld: Il risveglio Giunti al quarto capitolo di una rispettabile saga horror che con i due precedenti film aveva mostrato più di una debolezza nella trama, non possiamo che augurarci che il prossimo possa essere se non superiore quantomeno eguale per caratura artistica e capacità di rinnovare un genere ancora tanto amato. Ai collezionisti segnaliamo che l'edizione Blu-ray 3D di “Underworld Il risveglio” è offerta da Sony Pictures HE anche in steel box a tiratura limitata.

9

Che voto dai a: Underworld: Il risveglio

Media Voto Utenti
Voti totali: 31
6.3
nd