Recensione True Lies

James Cameron dirige Arnold Schwarzenegger e Jamie Lee Curtis in un blockbuster narrativamente povero ma dannatamente divertente, sempre in costante equilibrio tra action e commedia.

recensione True Lies
INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

James Cameron, oltre ad essere il re Mida ed uomo dei record del panorama hollywoodiano, è anche uno dei pochissimi registi in grado di trasformare una storia flebile in un blockbuster di tutto rispetto: esempio più lampante è proprio True Lies. Sorta di remake del semi-sconosciuto francese La totale! (1991), è stato il film più costoso mai realizzato ai tempi della sua uscita (110 milioni di dollari il budget) ma ha recuperato ampiamente grazie allo strepitoso successo worldwide. Un successo annunciato, vista anche la presenza nei panni del protagonista maschile di Arnold Schwarzenegger, alla terza e ultima collaborazione col regista dopo il primo dittico di Terminator, accompagnato da un cast delle grandi occasioni che, oltre alla starring partner Jamie Lee Curtis (premiata con il Golden Globe) vantava addirittura la presenza della leggenda Charlton Heston in un piccolo ma gustoso ruolo secondario.

Innocenti bugie

Harry è un uomo dalla doppia vita: per la moglie Helen e la figlia Dana è un semplice rappresentante, quando nella realtà è una spia che lavora per la Omega Sector, una segreta agenzia di sicurezza del governo americano. Mentre è impegnato con la sua squadra in una missione atta a sventare un possibile attentato terroristico di matrice islamica, Harry scopre che la moglie potrebbe essergli infedele: decide così di spiarla per scoprire chi potrebbe essere l'amante della donna. Tutto questo darà però vita ad una serie di imprevisti che porterà l'insolita coppia ad essere l'ultimo baluardo tra gli Stati Uniti e un'imminente minaccia atomica.

Mr. & Mrs. Tasker

Non è sicuramente l'opera più riuscita di Cameron, ma True Lies rimane in ogni modo un perfetto giocattolone di puro entertainment. Sempre in costante bilico tra una vis comica e l'azione più classica degli action movie a stelle e strisce, il regista canadese apre, letteralmente, le danze col botto, in una lunga sequenza ambientata in Svizzera che alterna ad una sopraffina eleganza (Schwarzy che balla il tango non si vedeva certo tutti i giorni) una forsennata fuga tra le foreste innevate che richiama ai migliori modelli di genere elevandoli a raffinato esercizio stilistico. La narrazione si regge su un plot esilissimo che, soprattutto nella parte centrale, risente di una certa stanchezza nella risoluzione dei problemi coniugali di Harry ed Helen, con risvolti improbabili fortunatamente energizzati da una sferzante ironia pseudo-maschilista (e non a caso non sono mancate critiche a riguardo) che culmina nella torrida e sensuale lap-dance della scopritasi sex-bomb Jamie Lee Curtis. Da quel sussulto vagamente erotico in poi è di nuovo il ritmo a farla da padrone, con una mezzora finale nella quale dominano puri fremiti action che, sfruttando magistralmente i realistici effetti speciali, conducono ad un roboante tripudio dell'assurdo, tra salvataggi last minute e jet fuori controllo. Testosterone ed esplosioni all'ennesima potenza, colmi di battute divertenti, nelle quali ad emergere è sempre lui, un Arnold Schwarzenegger perfettamente a suo agio sia nelle scorribande atletiche che nei toni da commedia.

True Lies Già è difficile risolvere una crisi di coppia, ma diventa ancora più complicato se il lui è una spia all'insaputa della famiglia e terroristi islamici mettono a repentaglio la sicurezza della nazione. Da una trama ingenua e sgangherata ne esce un piccolo miracolo in un film formalmente imperfetto ma sempre in grado di coinvolgere nelle due ore (larghe) di visione. True Lies sfrutta al meglio il suo riuscito mix di gag e battute comiche e di azione esagerata, trovando un vero e proprio valore aggiunto nell'evidente alchimia tra Schwarzenegger e una sexy Jamie Lee Curtis. A tutto il resto ci pensa James Cameron.

7.5

Che voto dai a: True Lies

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
8.2
nd