Recensione Ti Stimo Fratello

'Essiamonoi' anche in DVD

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Jonny e Giovanni (Giovanni Vernia) sono fratelli gemelli, monozigoti, e anche se identici nell'aspetto differiscono tantissimo per atteggiamento, comportamento e intelligenza. Mentre Giovanni è posato e diligente Jonny, per colpa di un 'incidente musicale' avvenuto quando era ancora in fasce, è cresciuto letteralmente con la musica nelle orecchie, che è parte integrante delle sue spensierate giornate all'insegna della house. Tonto e profondamente ingenuo, è considerato la pecora nera della famiglia, anche se profondamente amato da tutti i familiari, tra cui il severo e furbo padre Michele (Maurizio Micheli), ufficiale della Guardia di Finanza, e la petulante zia Vittoria (Carmela Vincenti), tipici esemplari 'terroni' trapiantati al nord. Giovanni, dopo la laurea, insegue un sogno da ingegnere a Milano, finendo tuttavia a fare il pubblicitario più per amore della fidanzata Federica (Susy Laude) che per vocazione. Quando, però, Jonny verrà letteralmente catapultato dal padre nella vita del fratello (per via di un concorso pubblico da affrontare nella capitale lombarda), Giovanni stravolgerà la sua routine tra serate 'tunz-tunz' appresso al fratello, bizzarri scambi di persona e un nuovo amore condiviso dai due gemelli per la bella cameriera Alice (Stella Egitto)...

Essiamonoi

Il cinema italiano d'intrattenimento ha sempre visto con un certo riguardo i comici televisivi, capaci di calamitare facilmente l'attenzione degli spettatori e solitamente recanti in dote una buona fetta di pubblico assicurata, che volentieri paga il biglietto per vedere la versione cinematografica del proprio personaggio televisivo preferito. Negli ultimi anni, inoltre, il 'genere' ha avuto un vero e proprio boom, grazie al quale abbiamo visto trasportati in sala i bizzarri personaggi originariamente ideati per spettacoli teatrali o di cabaret in seguito riportati in tv in trasmissioni come Zelig o Colorado Cafè. E proprio da questa fucina di talenti arriva Giovanni Vernia, in arte Jonny Groove, con un film che ricalca negli intenti le peripezie cinematografiche di Checco Zalone. Di tutto un po', ma senza guizzi. Vernia è un bravo caratterista, ma non riesce a reggere un film da attore in doppia veste: nonostante l'impegno (oltre che da interprete, anche da co-sceneggiatore e co-regista) ha ancora tanta strada davanti a sé da percorrere, prima di poter aspirare a un vero successo.
Il film arriva in versione home video con l'usuale cura che Warner riserva ai propri prodotti, anche a quelli che meno necessitano di grandi perizie tecniche, come le commedie; ottima la resa audio/video, difatti, con un DD 5.1 che si fa sentire in profondità nelle numerose scene "discotecare".
Extra poveri, con l'unica presenza di un divertente (e lungo: circa venti minuti!) backstage.

Ti Stimo Fratello Fondamentalmente innocuo e discretamente vacuo, Ti stimo fratello è l'ennesimo viaggio disimpegnato nella comicità televisiva al cinema, seguendo sentieri già rodati e con un cast in parte ma poco graffiante. Buona l'edizione in DVD, con un bel backstage come unico contenuto speciale.

6

Che voto dai a: Ti Stimo Fratello

Media Voto Utenti
Voti totali: 30
3.1
nd