Berlinale 66

Recensione Théo e Hugo dans le même bateau

Presentato nella sezione Panorama alla Berlinale 2016 e vincitore del Teddy Award, Théo e Hugo dans le même bateau dei registi Olivier Ducastel e Jacques Martineau traccia con precisione e trasporto il percorso di una passione che muta in sentimento.

recensione Théo e Hugo dans le même bateau
Articolo a cura di

Una notte come tante in una Parigi segreta, ‘sotterranea'. Un locale notturno dove i tanti corpi (di soli uomini) si prendono e si lasciano, si possiedono senza freni, inibizioni o riserve. Corpi fotografati nella penombra della loro passionalità, dei loro istinti, della loro sessualità. Un fiume di rapporti vissuti senza sentimenti, o complicazioni, nella solo gratificazione dello slancio carnale. Eppure, quando lo sguardo di Théo incontrerà quello di Hugo si consumeranno i momenti di un attimo speciale, unico, irripetibile. L'inizio di qualcosa. Un intenso rapporto sessuale sarà infatti l'ora X di una nottata votata all'amore ("stiamo facendo del bene all'umanità") e segnata dalla paura, quella di aver (forse) contratto una malattia indelebile, di quelle che non ti abbandonano più e diventano compagne sterili della vita. Quella notte parigina così comune e inusuale sarà dunque testimone della frenesia, della corsa in ospedale, così come degli attimi fondanti di un'attrazione inconfondibile, e - in qualche modo - irrinunciabile. Il limbo di un'attesa snervante che si accompagnerà agli attimi fugaci e impalpabili dello stato supremo dell'innamoramento. Quello sincero e universale, che arriva quando meno te l'aspetti, e travolge tutto. Théo e Hugo dans le même bateau, ovvero Théo e Hugo costretti (nel male ma soprattutto nel bene) sui sussulti della medesima imbarcazione.

Because the night belongs to lovers

Presentato nella sezione Panorama alla Berlinale 2016 e vincitore del Teddy Award (premio cinematografico internazionale per film con tematiche LGBT, presentato da una giuria indipendente come premio ufficiale del Festival di Berlino), Théo e Hugo dans le même bateau dei registi Olivier Ducastel e Jacques Martineau (compagni di lavoro e di vita) è un film poetico e viscerale che sfrutta l'estrema esplicitezza dell'incontro sessuale (venti minuti di orgia omosessuale ripresi con totale immersione e senza alcun tabù) per proiettare lo spettatore al centro di una dimensione reale, partecipata, del coinvolgimento sentimentale narrato. La scansione temporale di 97 minuti attraverso cui la passione dei primi istanti muta lentamente e dolorosamente in palpito sentimentale. Tra le strade deserte di una Parigi notturna, illuminata a intermittenza solo dai lampioni e dai semafori, i due registi francesi disegnano la geometria lineare, composta di uno scatto amoroso capace da subito di far fronte alle difficoltà, di resistere alle intemperie. La delicatezza e la lievità con cui l'opera scritta e diretta a quattro mani da Ducastel e Martineau fanno affiorare in superficie il tremolio emotivo dei due ottimi protagonisti (Geoffrey Couët e François Nambot) è d'impatto, ed estremamente funzionale al racconto. I tempi e gli spazi sono qui sottratti a tutto il resto per essere colmati solo dalla cronologia (scadenzata dalle indicazioni orarie sovrimpresse sulle immagini) di quest'incontro fortuito e insperato. In bici o a piedi, per le strade o sulla metro, tutto il resto sfila via lasciando a fuoco solo gli sguardi che si rincorrono e il timbro emotivo della nascita di un amore. Because the night belongs to lovers, Because the night belongs to us.

Théo e Hugo dans le même bateau Presentato nella sezione Panorama alla Berlinale 2016 e vincitore del Teddy Award, Théo e Hugo dans le même bateau dei registi Olivier Ducastel e Jacques Martineau traccia con precisione e trasporto assoluti il percorso di una passione che muta in sentimento, all’interno di una notte parigina di amore e paura. Sessualmente esplicito e per questo destinato a restare prodotto sotterraneo, di nicchia, il film dei registi francesi è un elogio scanzonato e impavido all’attrazione e all’amore. A quei momenti che all’interno di spazi e tempi definiti assumono il profilo dell’infinito.

7

Quanto attendi: Théo e Hugo dans le même bateau

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 0
ND.
nd