Recensione Sharknado 2: The Second One

Tornano gli 'squali volanti' nel secondo, scatenatissimo, episodio di Sharknado

recensione Sharknado 2: The Second One
Articolo a cura di

Annunciato praticamente a ridosso della trasmissione televisiva del primo episodio, capace l'estate scorsa di suscitare un clamore mediatico senza pari (e non certo per i suoi meriti artistici, anzi per l'esatto opposto) per una produzione di questo tipo, Sharknado 2: The second one ha bissato il "successo" del predecessore dando il via così all'annunciata produzione di un terzo capitolo. Seguendo la via del capostipite, definito un po' troppo grossolanamente da certa stampa sensazionalistica come "il film più brutto di sempre" (quando di pellicole qualitativamente simili ne escono a bizzeffe ogni anno), questo secondo tassello dell'ormai confermata trilogia (per ora) vede il ritorno di alcuni dei personaggi sopravvissuti alla terribile ed improbabile catastrofe naturale abbattutasi su Los Angeles, nella quale dei veri e propri tornadi impazziti trasportavano squali nel bel mezzo della Città degli angeli. Cambia l'ambientazione ma protagonista assoluto rimane il personaggio di Fin Shepard (interpretato nuovamente dal "redivivo" Ian Ziering di Beverly Hills 90210), accompagnato ancora una volta dalla ex-moglie April (sempre la Tara Reid di American Pie), Questa volta la coppietta, in procinto di riconciliazione sentimentale, è diretta verso New York dove la donna deve presentare il suo libro, tratto proprio dalle esperienze passate a Los Angeles da lei e Fin. Ma il loro aereo si trova nel bel mezzo di una tempesta nella quale vola anche un famelico gruppo di squali. Grazie al coraggio di Fin il velivolo riesce ad atterrare ma non senza perdite: anche la stessa April, durante uno scontro con uno dei pescecani, si è vista divorare la mano da uno dei pescioloni volanti. Giunto a terra l'uomo comprende come sia in arrivo un devastante sharknado, ma le autorità non sembrano dargli ascolto; inoltre Fin deve anche prodigarsi nel salvare la famiglia di sua sorella, residente nella Grande Mela, prossima ad essere devastata dalla furia dei tornado di squali.

Mondo (pesce)cane

Sembrava impossibile, eppure la Asylum ha superato nuovamente se stessa. Sharknado 2 - The second one esaspera oltre ogni limite la carica caturale del precedente, arrivando a saggiare il terreno con una sana dose di autoironia nella prima parte per poi osare l'inosabile nella mezzora finale. Anthony C. Ferrante, già regista del primo episodio, ha qui ancor più briglia sciolta e realizza almeno una decina di sequenze totalmente scult che strappano risate irresistibili per la loro consapevole stupidità. Vedere Ian Ziering che cavalca uno squalo all'interno di un tornado, con tanto di motosega ricorrente e discorso semi-epicheggiante prima della missione finale rende la visione inaspettatamente piacevole, in un film cui è difficile non concentrarsi sui palesi difetti tecnici e di sceneggiatura ma si viene rapiti dalla totale autoironia di cui sono permeati gli 85 minuti di visioni. Un sequel che, pur rimanendo ovviamente confinato nei canoni degli z-movie, supera l'originale raggiungendo vette trash di inusitata potenza in un racconto demenzialmente epico che centra, molto più del predecessore, il compitino di puro entertainment a cervello spento. E se tutto questo non bastasse va anche segnalata la partecipazione, in camei o piccoli ruoli, di improvvisate "guest star" come Vivica A. Fox (Kill Bill), Judd Hirsch (Independence Day), Billy Ray Cyrus (cantante country, padre di Miley, conosciuto per la serie televisiva Doc) e  del wrestler Kurt Angle, nonché la realizzazione di finti telegiornali / previsioni del tempo create ad hoc sulla falsariga dei veri programmi tv statunitensi. Tanto, forse troppo, ma incredibilmente divertente.

Sharknado 2: The Second One L'Asylum fa centro confezionando un sequel paradossalmente migliore dell'originale. Il secondo capitolo di Sharknado è un delirio continuo in cui gli aspetti tecnici e di trama vanno assolutamente in secondo piano rispetto al trash esasperato e contagioso che tocca vette altissime in alcune sequenze, con protagonista uno scatenatissimo Ian Ziering irresistibilmente fuori le righe. Certamente non un cinema intelligente, ma nel campo degli z-movie una vera e propria chicca da non perdere.

5.5

Quanto attendi: Sharknado 2: The Second One

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 0
ND.
nd

Altri contenuti per Sharknado 2: The Second One