Recensione Ralph Spaccatutto - The Art of Wreck-It Ralph

Un artbook meraviglioso per un film altrettanto meraviglioso!

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

“Quando Rich Moore ci ha proposto per la prima volta l'idea alla base di Ralph Spaccatutto, la cosa mi ha galvanizzato perché c'era qualcosa di mai visto prima in quell'idea. Rich ci porta in sala giochi a incontrare Ralph, un cattivone dei videogiochi anni '80 così desideroso di diventare un eroe da imbarcarsi in un'avventura pazzesca attraverso due mondi di gioco moderni. Le sue azioni fanno collidere le vite degli altri personaggi in maniera assolutamente originale, e il miscuglio di universi narrativi rendono il tutto divertente e unico. E poi, Rich e il suo team artistico hanno creato tre mondi diversi per il film, completamente originali ma ampiamente basati su concept ben noti al pubblico...”
È così che John Lasseter, attuale guru della Disney e, probabilmente, dell'animazione americana moderna, comincia la sua introduzione a The Art of Wreck-It Ralph, stupendo volume a metà tra l'artbook e il saggio.
Vi avevamo già mostrato la bellezza e l'esclusività degli artbook della Chronicle dedicati ai film Disney con quello di Ribelle - The Brave: oggi rincariamo la dose con il meraviglioso libro di Ralph Spaccatutto edito nella stessa collana e già in attesa di una terza ristampa, visto il grande successo. The Art of Wreck-It Ralph si impegna nel restituire tutta la passione, l'estro e l'esperienza degli animatori del film, facendovi respirare non solo le atmosfere della pellicola ma anche tutto il dietro le quinte e lo straordinario lavoro creativo che lo caratterizza.

Il libro consta di 160 pagine e, oltre alla prefazione di Lasseter, presenta un'interessante introduzione da parte del regista Rich Moore, nella quale racconta, tra l'altro, il primo incontro tra Moore e lo stesso Lasseter. Curato da Jennifer Lee (co-sceneggiatrice del film) e Maggie Malone (Director of Development presso Disney Animation Studios), il volume prende in esame le cinque ambientazioni del film e non solo, come vedremo più avanti nella descrizione.
Si parte, naturalmente, da Fix-it Felix Jr. (Felix Aggiustatutto Felix), il gioco che Ralph può chiamare, nel bene e nel male, casa. In questa sezione scopriamo i primi concept del film, nonché le numerose fonti di ispirazione e i cambiamenti che hanno subito i personaggi originali del film. In questo caso scoprire il dietro le quinte è ancora più interessante che in altri libri simili, perché ci dà un'idea di come evolve l'ispirazione a partire da videogiochi reali per arrivare al prodotto finito.
Di Ralph, ad esempio, possiamo notare le mille idee originali, in cui arrivava ad assomigliare anche ad una sorta di Donkey Kong vestito anni '20 o ad uno Yeti, fino ad arrivare ai prototipi del gigante che è divenuto effettivamente. Altrettanto straordinari i dettagli su Felix e sugli inquilini di Belposto, e i vari concept di Belposto stesso, visti come fossero elementi di gameplay: all'inizio si pensava anche a far distruggere il palazzo dal basso, e non dall'alto! Immancabili, naturalmente, gli storyboard e le varie versioni a 8-bit dei personaggi.

Passiamo dunque alla Game Station e ai suoi mille passanti, più o meno noti. Anche qui possiamo notare il lavoro di ricerca e sviluppo assolutamente notevole realizzato su personaggi che, magari, si vedono solo di striscio, sullo sfondo, ma sono comunque altamente caratterizzanti.
Viene tutto spiegato nel dettaglio in ampie colonne esplicative, che tuttavia non sacrificano mai la grafica ma, anzi, la esaltano. Come accade nella sezione dedicata a Hero's Duty, piena di illustrazioni assolutamente magnifiche che sembrano prese di peso da Halo o Mass Effect. È incredibile quanto dettagliatamente sia stato prefigurato il mondo di provenienza del sergente Calhoun rispetto a quanto, poi, effettivamente i personaggi del film ci passino del tempo. E, proprio a proposito della bella e glaciale soldatessa, è immancabile scorgere tutti i design preparatori (in uno è decisamente ispirata a Samus Aran di Metroid!).
Arrivati a metà libro possiamo perderci nella zuccherosità di Sugar Rush, dove ogni cosa è irresistibilmente dolce e color pastello! Anche qui, gli studi preliminari hanno dato vita a tanti fantasiosi e dettagliatissimi paesaggi e personaggi meritevoli di una visione più dettagliata.
Divertentissima la sezione fotografica in cui vediamo gli animatori alle prese con dolci, pasticcini e torte vere da cui prendere ispirazione... addirittura abbiamo il reperto fotografico del “lancio delle action figure nella glassa” per poter poi efficacemente simulare interazioni simili nel film!
Qui, naturalmente, possiamo fare la conoscenza di Vanellope e delle sue versioni preliminari, nonché conoscere nel dettaglio tutti gli altri protagonisti del mondo di gioco, tra cui i piloti di kart che concorrono nella Sugar Rush.

I mondi del film si esauriscono con quello della sala giochi, ricca di videogiochi “veri” (ecco le illustrazioni dedicate a Pac-Man, Tapper, etc.) e di ragazzi intenti a giocare. Infine, abbiamo il cosiddetto “Bonus level”: Lost Characters, la sezione dedicata a personaggi e situazioni originariamente pensati per essere inseriti nel film ma che, alla fine, sono stati scartati... ma non si sa mai, potrebbero essere recuperati per qualche progetto futuro!
Tra questi ritroviamo diversi personaggi destinati ad arricchire il mondo di Hero's Duty e l'unicorno caramelloso Skittles: ma nelle intenzioni c'era addirittura quella di inserire un altro mondo di gioco, quello di Extreme Ez Livin' 2, sorta di The Sims in cui, sicuramente, Ralph ne avrebbe combinate di cotte e di crude.

Ralph Spaccatutto Un volume assolutamente imperdibile per tutti coloro che amano (o ameranno) Ralph Spaccatutto, perché coniuga alla splendide illustrazioni retroscena esclusivi e, soprattutto, permette di scoprire l'evoluzione del concept e delle ispirazioni alla base del film. Gli artisti presenti nel libro? Bill Schwab, Jin Kim, Mike Gabriel, Daniel Arriaga e tanti, tanti altri.

Che voto dai a: Ralph Spaccatutto

Media Voto Utenti
Voti totali: 74
8.4
nd