Recensione Quel Momento Imbarazzante

Zac Efron, Imogen Poots e Michael B. Jordan in una commedia romantica molto attuale

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Tre amici di vecchia data, Jason (Zac Efron), Daniel (Miles Teller) e Mikey (Michael B. Jordan), sono giovani, carini e “ben piazzati”: i primi due sono grafici pubblicitari, mentre il terzo è medico in ospedale e, inoltre, è già sposato con l'insicura Vera (Jessica Lucas) che decide presto di prendersi un periodo di “riflessione” sul matrimonio, arrivato probabilmente troppo presto. Per aiutare l'amico a superare il distacco, Jason e Daniel lo invitano a prendere parte ad una promessa: restare fuori dalle relazioni 'serie' il più a lungo possibile e concentrarsi sull'amicizia, più che sull'amore. Inutile dire che al cuor non si comanda e ben presto i tre faranno parecchia “fatica” a mantenere il proposito per colpa del ritorno di Vera, del trasformarsi del rapporto tra Daniel e la bella Chelsea (Mackenzie Davis) e l'incontro di Jason con la romantica Ellie (Imogen Poots) con cui intrecceranno una complessa relazione che, però, non hanno idea di dove li porterà. Almeno fino all'arrivo di “Quel momento imbarazzante” in cui una relazione diventa seria e non sanno più cosa vogliono davvero...

That awkward moment

Quel momento imbarazzante segna l'esordio alla regia del giovane Tom Gormican, che realizza una commedia romantica dedicata al pubblico dei venti-trentenni, spesso in bilico tra l'esuberanza giovanile, la voglia di libertà e di scoperta e il senso di responsabilità e sicurezza che si potrebbe ricercare in una relazione di coppia stabile. Gormican si affida ad uno script abbastanza solido quanto prevedibile e alla verve di un gruppo di giovani attori di belle speranze, tra cui spiccano, naturalmente, Efron (attualmente in vena di commedie: vedasi anche il recentissimo Cattivi vicini), la Poots (singolare mix di dolcezza e determinazione in ogni suo ruolo: meriterebbe più spazio, speriamo che Hollywood se ne accorga presto) e Jordan, sempre a suo agio in diversi registri. Anche se è impossibile non notare la curiosa scelta di casting che vede insieme, ante litteram, due dei Fantastici 4 (lo stesso M.B. Jordan e Miles Teller, futuri Johnny Storm e Reed Richards). Ma, al di là del fun fact, il gruppetto di giovani interpreti funziona e vanta una discreta alchimia, soprattutto nelle parentesi più goliardiche.

Quel Momento Imbarazzante Quel momento imbarazzante parte lento e poco promettente, ma si rifà successivamente, quando gioca le sue carte migliori e un paio di belle scene in grado di soddisfare anche i più romanticoni, nonostante qualche spiritosaggine à la American Pie che potrebbe non risultare gradita a tutti. Non siamo certo dalle parti di (500) Giorni insieme, ma in finale risulta gradevole e ben costruito.

6

Che voto dai a: Quel Momento Imbarazzante

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
5.8
nd