Recensione Minuscule - La valle delle formiche perdute

Un delizioso e avventuroso viaggio in un mondo piccolissimo per (ri)scoprire i grandi valori della Vita

recensione Minuscule - La valle delle formiche perdute
Articolo a cura di

In una piccola e silenziosa radura, i resti di un pic-nic abbandonato in fretta e furia per un'urgenza diventeranno scorte di cibo e oggetto del desiderio da contendersi tra i piccoli ma numerosissimi insetti/abitanti del luogo. In particolare, sarà il prezioso bottino di una scatola di latta piena di zollette di zucchero ad attirare l'attenzione delle formiche nere, le quali dopo essersi enormemente adoperate per trasportare le provviste energetiche presso il loro formicaio, finiranno poi a ‘lottare' per il zuccheroso malloppo contro le organizzatissime e guerrafondaie rivali formiche rosse. Una lotta all'ultimo espediente che verrà vissuta in prima persona anche da una giovane coccinella che, dopo aver smarrito la famiglia per la sua personale curiosità e quasi imprudente voglia di scoperta, andrà a far squadra con le laboriose formiche nere per impedire che le rosse rivali si aggiudichino le tanto ambite zollette. Saranno infine l'ingegno e uno spiccato senso di solidarietà a trasformare le mille peripezie narrate da Minuscule - La valle delle formiche perdute in una splendida avventura di amicizia e resistenza.

In a small world?!

È proprio il caso di dirlo, l'animazione francese sembra aver fatto nuovamente centro. L'omonima serie animata francese Minuscule prende infatti vita in un film d'animazione di soli 89 minuti, ma oltremodo ricco di contenuti e raffinati spunti di riflessione. Alla base dell'avventura di una coccinella imprudente, che imparerà a proprie spese i propri limiti e a ignorare le provocazioni del mondo circostante, ci sono infatti numerose tematiche: come quella di un mondo umano che ‘imbratta' la natura del suo malsano consumismo, ma anche l'idea di tante e variegate realtà sociali che (proprio come nel nostro mondo) fanno fatica a fondersi insieme, creando il solito conflitto di interessi che qui assume il volto rivaleggiante di due gruppi di formiche (le ben più moderate formiche nere e le attaccabrighe formiche rosse). Il silenzio del mondo degli insetti animato solo da quei tanti suoni onomatopeici che sembrano avere quasi più sfumature del parlato, mostra una società che (seppur a una dimensione quasi invisibile all'occhio umano) rispecchia da vicino certe forme salienti dei nostri ecosistemi. La laboriosità di alcuni, la voglia di supremazia di altri, e ancora le forme di bullismo, le lotte fratricide, ma infine anche quel sano senso di solidarietà che comunque esiste e che basta saper sfruttare al momento giusto. Tutti elementi che colorano e animano il viaggio quasi epico (tra mille pericoli e nuove scoperte) di una coccinella ai confini del suo mondo, attraverso terra, aria, acqua. Un lavoro animato esemplare che fa della bellezza dei paesaggi utilizzati come fondali (le riprese sono state fatte sul massiccio dell'Ecris e nel Parco Nazionale di Mercantour) con il tratto delicato ma anche buffo (grandi occhi, variegate espressioni facciali) e colorito degli insetti realizzati in computer graphic 3D che sono poi stati inseriti in un secondo momento facendo realmente ‘decollare' la storia. Un'opera (quella diretta dai due registi francesi Thomas Szabo e Hèlène Giraud) che pur priva di ‘parole' ha un'espressività e una capacità narrativa e di coinvolgimento davvero notevoli, dove la struttura minimalista della storia riesce ad arricchirsi col passare dei minuti di quei tanti minuscoli dettagli che infine sanno fare la differenza. Piccole storie che in un attimo diventano grandi lezioni di vita. Il film, che uscirà nelle nostre sale il prossimo 22 gennaio distribuito da Academy2, era rientrato nella longlist degli Oscar 2015 come miglior Film d'Animazione.

Minuscule - La valle delle formiche perdute Film d’animazione che trae spunto dalla famosa serie d'animazione francese Minuscule - la vita segreta degli insetti, Minuscule - La valle delle formiche perdute è una gradevole favola ambientalista popolata di simpatici insetti e buoni sentimenti. Realizzata in 3D e coprodotta da Francia e Belgio, la pellicola di Hélène Giraud e Thomas Szabo è la candida rappresentazione di un mondo piccolo eppure incredibilmente operoso in cui la solidarietà di quelli apparentemente più pacifici (coccinelle e formiche) riuscirà a rimettere al proprio posto il mondo dei guerriglieri (mosche bulle e ridanciane e agguerrite formiche rosse). All’interno di uno scenario che ingrandisce e riporta al ruolo di protagonista la Natura delle creature più piccole e solitamente poco visibili all’occhio umano, Minuscule riesce a essere un racconto accattivante e divertente in grado di intrattenere grandi e piccini, e che riporta al centro dell’attenzione l’importante messaggio di un’unione che fa (quasi sempre) la forza.

8

Che voto dai a: Minuscule - La valle delle formiche perdute

Media Voto Utenti
Voti totali: 1
8
nd