Recensione John Carter

Barsoom in alta definizione

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

“Il mio ricordo del Capitano Carter risale all'epoca in cui per alcuni mesi fu ospite della casa di mio padre in Virginia, poco prima che scoppiasse la Guerra di Secessione. Ero un bambino di cinque anni, allora, ma ricordo perfettamente quell'uomo alto, atletico, il volto liscio e la pelle scura, che io chiamavo Zio Jack.”
Con queste parole, nella prefazione a Sotto le lune di Marte -primo libro del cosiddetto Ciclo di Barsoom, conosciuto anche col nome La principessa di Marte- Edgar Rice Burroughs ci presenta John Carter, indomito e misterioso cavalleggero dell'esercito sudista. Un personaggio presentato come se fosse realmente esistito, le cui stravaganze nella vita reale avevano un fondamento tanto segreto quanto incredibile, avendo origine sul suolo marziano, che Carter aveva calpestato in una serie di folli avventure. Bellissime e irrequiete principesse, creature senzienti dalla pelle verde e dalle quattro braccia, poteri arcani e una civiltà tutta da scoprire: Burroughs e il suo avatar fantastico John Carter hanno portato generazioni di lettori su Marte, codificando in gran parte non uno bensì due generi (il fantasy e la fantascienza) e finendo per essere l'ispirazione -più o meno accreditata- per alcuni dei più grandi maestri della fiction del ventesimo secolo, nonché per il senso comune. L'idea comune che i marziani siano verdi, ad esempio, deriva dalla figura dei minacciosi Thark.

E finalmente, dopo circa un secolo di attesa, ecco che Andrew Stanton, talentuoso regista di Alla ricerca di Nemo e WALL•E, ci porta su Marte (o, per meglio dire, su Barsoom) con il suo tanto atteso adattamento dell'epopea marziana di Burroughs, che pur con qualche (inevitabile) differenza rende giustamente omaggio all'originale, tenendo da conto anche i gusti del pubblico odierno e la funzionalità di vicende e personaggi in una storia per il cinema.
Come di consueto, all'uscita cinematografica segue quella in Home Video, che ci permette di rivedere e rivalutare quanto già visto in sala nella comodità del nostro salotto. E lo spettacolo offerto dal Blu-Ray(+ copia digitale) di John Carter è sicuramente di alto livello: l'alta definizione del supporto permette di calarsi ancora di più nei fantastici mondi creati dalla fantasia di ERB, con un livello di dettaglio (e un'attenzione alla fotografia tipica del film) maniacale.
Oltretutto, a farci comprendere meglio la portata dell'operazione concorrono tutta una serie di contenuti extra di valore, che vi descriviamo nel dettaglio:
Cento anni di preparazione: breve documentario sul lavoro di E.R. Burroughs e dell'approccio al suo lavoro da parte di registi come Andrew Stanton e Jon Favreau (10 minuti circa);
10 Scene eliminate (col commento opzionale del regista Andrew Stanton): 20 minuti circa di interessanti scene tagliate, tra cui un'inizio alternativo.
John Carter a 360 gradi: Backstage sulla lavorazione del film che offre un interessante spaccato su come si realizza un kolossal del genere, con riprese sul set in tutti i suoi dipartimenti, dai reparti di trucco, costumi ed effetti speciali al catering (35 minuti circa);
Errori di Barsoom: 2 minuti circa di errori e divertenti fuoriscena;
Commento opzionale al film del regista Andrew Stanton e dei produttori Jim Morris e Lindsay Collins;

John Carter John Carter arriva infine ad appassionare i suoi spettatori forte di un lavoro tecnico encomiabile, che non cerca a tutti i costi di impressionare lo spettatore, e un buon cast, che permette di affezionarsi ai personaggi e li rende credibili nel loro contesto. Non ci si deve aspettare nulla di 'nuovo' o particolarmente eccellente, ma lo spettacolo è garantito, anche grazie all'elevata qualità del Disney Blu-Ray, corredato inoltre da un discreto numero di interessanti extra.

8

Che voto dai a: John Carter

Media Voto Utenti
Voti totali: 44
7
nd