Recensione G Movie: The ghostmaker

Distribuzione Indipendente e Laboratorio Bizzarro insieme per un progetto free press dalle grandi qualità

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Alla crisi dell'editoria tradizionale, negli ultimi dieci anni, ha fatto seguito il successo del free press più capace di veicolare informazioni utili per il lettore a costo zero: un prodotto piacevole, utile e gratuito, i cui costi vengono sostenuti dall'editore tramite la semplice inserzione di pubblicità tra le sue pagine. Dalle prime forme cartacee a mo' di quotidiano, la realtà del free press ha fatto strada e si è evoluta in molte forme. Una, particolarmente innovativa, è quella che ora Laboratorio Bizzarro Edizioni e Distribuzione Indipendente portano avanti col progetto G Movie.
Per comprendere le basi del progetto, in primis presentiamo, per chi ancora non le conoscesse, le due realtà che lo portano avanti: Laboratorio Bizzarro Edizioni si occupa di ideare e sviluppare prodotti editoriali innovativi, che possano funzionare sia come veicolo di diffusione culturale sia come strumento di promozione e marketing. Distribuzione Indipendente è invece la realtà distributiva per il cinema indipendente, d'autore e di genere, nata dalla volontà di promuovere e rilanciare una cinematografia "altra", creativa e vitale, molto spesso sconosciuta al pubblico.

Cos'è G Movie

G Movie è un'edizione home video di un prodotto cinematografico innovativa, che contiene un intero film e si comporta come una free press: il dvd è in uscita gratuita e i costi sono coperti esclusivamente con introiti pubblicitari. G Movie ha lo scopo di diffondere cultura libera attraverso un modello sostenibile economicamente.
Per il lancio del prodotto è prevista un'iniziale distribuzione in 20.000 copie su tutto il territorio nazionale, e in particolare nelle città di Roma e Bologna a partire dal 1 Marzo 2013. I canali di distribuzione sono cinema, librerie di settore e generaliste, ristoranti, teatri, locali pubblici, gallerie d'arte. Inoltre, grazie a un singolare ma azzeccato accordo stipulato con Miss Pizza ("big" della pizza a domicilio, con la rete di servizio più capillare del Lazio), sarà possibile richiedere in nove punti vendita la formula "Pizza&Film": insieme alla pizza verrà consegnato a domicilio un G Movie, senza spese aggiuntive e fino ad esaurimento scorte. Tutti i punti di distribuzione saranno elencati e aggiornati da fine febbraio 2013 sui siti www.distribuzioneindipendente.it e www.laboratoriobizzarro.com.

Free, ma di qualità  

L'idea, dunque, di per sé è originale e interessante. Spesso, però, i free press offrono in genere prodotti di qualità finale poco rilevante, quindi ci si chiede che tipo di contenuti possa offrire G Movie. Ebbene, l'apporto del catalogo di Distribuzione Indipendente è decisivo per sancire un punto fermo in quest'ottica: ad esempio, il primo film in uscita con G Movie è The Ghostmaker di Mauro Borrelli, fanta-horror dalle spiccate qualità del quale abbiamo parlato in una nostra precedente recensione. Si tratterà, dunque, di piccoli grandi cult spesso inediti ma da scoprire e riscoprire.
Il film all'interno del DVD, nello specifico, è in lingua originale, con dei sottotitoli a corredo ben realizzati e un'ottima qualità video: Distribuzione Indipendente e Laboratorio Bizzarro, evidentemente, non hanno risparmiato sulla qualità del supporto. Non vi sono tracce audio tracce audio aggiuntive o extra, perlomeno in questa prima uscita, ma sono presenti uno spot dell'Associazione Animalisti Italiani Onlus e il cartellone del Teatro Vascello di Roma. Per il futuro è prevista la possibilità di inserire e-book, tracce musicali e brevi filmati, oltre che materiale cartaceo come flyer e brochure. Il packaging, inoltre, seppur cartaceo è curato nel design e nella funzionalità, permettendo di conservare il DVD nella propria collezione personale senza che sfiguri rispetto ai classici amaray e senza che il disco possa rovinarsi, vista la doppia protezione assicurata dall'involucro cartonato e dalla bustina plastificata. La confezione, inoltre, vanta una pubblicità non invadente ed è anzi ricca di redazionali e foto del film in allegato.

The ghostmaker Insomma, trattandosi di un prodotto gratuito, il giudizio non può che essere più che positivo, e ci auguriamo che il format prenda largamente piede, dando la possibilità a bei film di circolare ed essere maggiormente conosciuti dal pubblico, ma in forma assolutamente legale. Con l'eventuale aggiunta di contenuti extra o multimediali un G Movie varrebbe anche un acquisto, a dirla tutta, quindi informatevi sui punti di distribuzione perché vale sicuramente la pena di collezionarli. E ancora complimenti a Distribuzione Indipendente per l'intraprendenza che assume nell'altrimenti sempre stantio mercato italiano.

Che voto dai a: The ghostmaker

Media Voto Utenti
Voti totali: 14
5.6
nd

Altri contenuti per The ghostmaker