Fottute!, la recensione della commedia con Amy Schumer e Goldie Hawn

Madre e figlia in vacanza in Ecuador vengono sequestrate da una banda specializzata in rapimenti in Fottute!, buddy-comedy al femminile di Jonathan Levine.

recensione Fottute!, la recensione della commedia con Amy Schumer e Goldie Hawn
Articolo a cura di

Quindici anni lontani dal grande schermo non sono pochi per un'attrice iconica come Goldie Hawn che, dopo la sua ultima apparizione in Due amiche esplosive (2002), ha deciso di fare ritorno su un set cinematografico per la nuova commedia avventurosa con protagonista Amy Schumer, tra le più richieste interpreti a tema del momento. In Fottute! le due donne interpretano madre e figlia che, dopo mesi di lontananza e dissapori, decidono di partire insieme per una vacanza in Ecuador atta a rinsaldare il loro rapporto. Peccato che giunte nel Paese sudamericano la ragazza si infatui di un bell'abitante del luogo, in realtà in combutta con una banda specializzata nel rapimento di turisti americani. Rapimento che ha presto luogo e che vede le congiunte alle prese con una sequela di disavventure in serie nel disperato tentativo di sfuggire ai sequestratori.

Donne all'avventura

Buddy-movie al femminile che varia solo parzialmente le carte in tavola mettendo nei panni delle due protagoniste una madre e una figlia, scelta che permette di creare una manciata di situazioni originali nelle dinamiche interpersonali. Peccato che Fottute! si adagi ben presto nelle più ritrite banalità, a cominciare dalla sfighe che capitano alla più giovane delle due (lasciata dal fidanzato e licenziata dal lavoro nello stesso giorno), con gag e battute viste e riviste che si trascinano stancamente per i novanta minuti di visione, nonostante la gustosa alchimia vigente tra le due attrici: la Schumer e la Hawn sono infatti i due valori aggiunti del film e solo grazie alla loro verve comica la narrazione vive di qualche insperato guizzo. Il regista Jonathan Levine dirige col pilota automatico, alternando ad una prima parte più leggera e "da cartolina" (con riprese che mettono volutamente in mostra i bei paesaggi dello stato sudamericano) una seconda in cui non mancano sortite thriller e da cinema avventuroso, con tanto di improbabile simil-Indiana Jones interpretato da Christopher Meloni. Non si chiedeva certo un fine scavo psicologico a una produzione del genere, ma certo qualche sottigliezza in più di scrittura non avrebbe guastato nel donare maggiore personalità ad un titolo che, tra rimandi al contemporaneo sociale e televisivo (dai social network a continue citazioni a Game of Thrones ce n'è per tutti i gusti), strizza l'occhio al grande pubblico senza preoccuparsi troppo dell'omogeneità del racconto.

Fottute! A tratti ci si diverte anche, grazie soprattutto alle efficaci performance di Amy Schumer e Goldie Hawn, ma Fottute! opta per soluzioni da buddy-movie fin troppo facili e scontate per poter emergere dalla (bassa) media di produzioni del genere. Commedia e sottili istinti avventurosi si alternano nei novanta minuti di visione, incentrati per la maggior parte sull'improbabile tentativo di fuga delle due protagoniste dai loro sequestratori: le dinamiche da "straniero in terra straniera" sono legate saldamente agli stereotipi da cartolina e un paio di sequenze esilaranti non bastano a cancellare un fastidioso senso di déjà-vu.

5

Che voto dai a: Fottute!

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
5.8
nd