Korea Film Fest 2013

Recensione Between the Knees

Dagli anni '80 un dramma erotico che rispecchia le trasformazioni sociali coreane

recensione Between the Knees
Articolo a cura di

Ja-young è una giovane musicista che ha una difficile vita familiare. Cresciuta con la madre, con la quale ha un rapporto contrastato, ha un padre praticamente assente e un fratello mezzo ritardato che sogna di ballare come Michael Jackson. La giovane inoltre, cresciuta nella convinzione che il sesso equivalga al peccato, ha delle turbe dovute a un trauma subito nella pre-adolescenza, quando venne violentata dal suo maestro di musica. Ora quando un uomo le sfiora le ginocchia, Ja-young perde ogni inibizione e si concede anima e corpo. Questo mette in seria crisi il rapporto con uno dei suoi più cari amici, segretamente innamorato di lei, con cui la ragazza deciderà di troncare i rapporti in seguito alla vergogna provata dopo il suo primo rapporto sessuale.Datato 1984, Between the Knees è considerato tra i classici dell'erotismo made in Korea. E non a caso è toccato proprio al film di Lee Jang-ho (A Wanderer Never Stops on the Road) il compito di inaugurare la sezione K-Eros, retrospettiva dedicata ai film di genere.

Tra le ginocchia

Quasi trent'anni dunque per questo vero e proprio cult, che però a conti fatti sembra risentire del peso del tempo. Between the Knees infatti, nonostante si proponga intelligentemente come specchio della società coreana in un periodo di grosse trasformazioni sociali, appare oggi come un titolo "antico". I motivi risiedono perlopiù proprio nella sua componente soft-core che, visti anche i tempi, latita di quella fascinosa sensualità che una pellicola del genere dovrebbe garantire, nonostante l'indubbia bellezza e bravura della sua protagonista. La narrazione infatti, che pur caratterizza con particolari ricercati il personaggio di Ja-young, si risolve in un susseguirsi di rapporti nei quali la ragazza si trova sua malgrado costretta, alternando queste sequenze di carattere sessuale al sempre più incerto leit-motiv familiare, complicato anche dall'imminente nuovo matrimonio della madre. Interessante invece proprio il rapporto tra la genitrice e la giovane, che mettono in contrasto una mentalità più aperta alle rigide convenzioni di un tempo per le quali il sesso veniva visto come il male, in una vera e propria collisione coi tabù radicati nelle vecchie generazioni. Between the Knees funziona perciò più dal punto di vista drammatico, ma lascia invece insoddisfatti i puristi dell'erotismo, per di più accompagnando le, fin caste, scene più esplicite con una colonna sonora naif ed irritante.

Between the Knees Non privo di spunti interessanti soprattutto nella caratterizzazione dei personaggi e dal dramma vissuto dalla protagonista, Between the Knees risente invece dell'età dal punto di vista prettamente di genere, con sequenze erotiche ad oggi incapaci di rivaleggiare con i classici del genere. Interessante perché offre comunque uno spaccato sui cambiamenti sociali della Corea del Sud a metà degli anni '80, è perlopiù consigliato ai soli cultori del Paese asiatico.

6

Quanto attendi: Between the Knees

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 0
ND.
nd