Spider-Man

Intervista The Amazing Spider-Man: conferenza stampa col cast

Il cast, il regista e i produttori di The Amazing Spider-Man ci svelano i retroscena del film

intervista The Amazing Spider-Man: conferenza stampa col cast
Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Il cast di The Amazing Spider-Man, al culmine del suo tour europeo, tocca l'Italia arrivando a Roma. Noi di Movieye non potevamo mancare all'appuntamento, e abbiamo presenziato agli incontri con attori, regista e produttori presso il St. Regis Hotel di Roma. Ecco quanto ci hanno rivelato il regista Marc Webb, degli attori Andrew Garfield, Emma Stone e Rhys Ifans e dei produttori Matt Tolmach ed Avi Arad.

Marc, qual è stato il tuo approccio al personaggio di Spider-Man per realizzare il film?
Marc Webb: Io credo che Spider-Man sia un personaggio iconico e leggendario. Se consideriamo la sua storica tradizione nel mondo dei fumetti, la sua posizione è diversa rispetto a Harry Potter. Spider-Man ormai è in giro da cinquant’anni e offre tantissime storie da raccontare. La nostra è una storia diversa che ha attirato subito il mio interesse, per esempio spiega cosa è successo ai genitori di Peter Parker. Ho cercato di adottare un tono più naturalistico, ed è stato importante capire il personaggio in maniera realistica, partendo dalla perdita dei suoi genitori: questo mi ha consentito di esplorare temi nuovi e inediti.

Per The Amazing Spider-Man ti sei ispirato in particolare al fumetto Ultimate Spider-Man? Quali sono state le tue fonti?
Marc Webb: Credo che esista un aspetto iconico della figura di Spider-Man che deve essere rispettato, ma bisogna anche costruire dei nuovi aspetti della storia da offrire al pubblico. Ultimate Spider-Man ha costituito una grande ispirazione per diverse dinamiche: abbiamo parlato molto con Andrew Garfield del fumetto. Il film è stato complesso, volevamo realizzare un’opera indipendente. Per Gwen Stacy abbiamo preso diversi elementi della versione originale del personaggio. Insomma, il nostro film non è un adattamento filologico della serie Ultimate Spider-Man.

Avete avvertito la pressione di rispettare i vostri personaggi? Qual è il vostro rapporto con i fan?
Emma Stone: Ovviamente da parte nostra c’è una grandissima responsabilità nei confronti dei fan di Spider-Man, ed è qualcosa su cui ho riflettuto fin dall’inizio. Da bambina avevo letto i fumetti di Spider-Man ma non conoscevo Gwen Stacy, ho cominciato a scoprirla davvero grazie al film. The help mi ha permesso di imparare come svolgere il miglior lavoro possibile per dar vita ai miei personaggi. Non potevo soddisfare tutti i fan di Gwen, ma potevo solo fornire la mia personale versione del personaggio.
Andrew Garfield: Io credo che i fan di Spider-Man siano il pubblico più importante. Se riuscissimo a soddisfare innanzitutto loro avremmo già ottenuto un bel risultato, perché questo farebbe sì che il personaggio viva davvero. Ho sentito una fortissima pressione in questo costume, ma era una pressione fantastica. È stato positivo che fossi un fan di Spider-Man, perché provo una profonda empatia per i fan di Spider-Man.

Come avete sviluppato il tema del senso di responsabilità di Spider-Man?
Marc Webb: Mi piace l’idea del personaggio che si evolve lentamente, comprendendo pian piano i vari aspetti di se stesso. Ci sono varie parti della storia che permettono a Peter di imparare varie lezioni, e in alcuni casi si tratta di eventi importanti. Mi piace l’idea di lasciare al personaggio lo spazio per crescere nei prossimi film.

Rhys, come hai costruito il personaggio di Lizard? Sei d’accordo che misceli aspetti dei villain di Batman e di Shakespeare?
Rhys Ifans: Innanzitutto, Bat chi [ride]? Sia Mark che io volevamo presentare il dottor Connors non come un semplice scienziato pazzo: all’inizio infatti è una persona con un’etica, che vuole portare benefici all’umanità e conosceva molto bene la famiglia di Peter Parker. C’è una sorta di magia dietro la scrivania dello scienziato, come nel caso del dottor Jekyll e mister Hyde. Abbiamo voluto mostrare cosa accade dietro questa scrivania: abbiamo di fronte un uomo che guadagna il braccio ma perde la testa. C’è un topos shakespeariano in cui il villain si rivolge direttamente al pubblico, spiegando cosa prova e come agirà; questo elemento nel film è trasferito alla macchina da presa, e voi siete il pubblico. Il villain può così avere momenti di soliloquio per chiarire le sue scelte morali.
Marc Webb: È stato divertente seguire il percorso del personaggio, abbiamo compiuto una profonda introspezione su di lui. Connors non è solo un cattivo, ma è un personaggio in cui la parte malvagia emerge pian piano, mentre lui in realtà tenta di portare dei benefici all’umanità. È stato interessante esplorare la sua pazzia.

Marc, come hai gestito l’intreccio fra cinema e fumetto e come ti sei confrontato con la versione di Sam Raimi?
Marc Webb: Credo che Sam Raimi abbia fatto un bellissimo lavoro nel rimanere fedele alla versione originale di Stan Lee. C’è un linguaggio cinematografico nei fumetti, simile agli storyboard, e Sam ha fatto un ottimo lavoro, ma noi volevamo utilizzare un linguaggio diverso. Ci siamo ispirati ad alcune immagini dei fumetti per il linguaggio visivo, ma non ritengo possibile replicare in tutto i fumetti. Quello che ci vuole è trovare attori coscienti e spontanei, impegnati a fornire un ritratto realistico dei personaggi, e questo è il tono che abbiamo scelto. I fumetti invece tendono ad avere un altro approccio, sono dimostrativi da un punto di vista visivo, mentre noi volevamo avere più sfumature e abbiamo puntato soprattutto sulle interpretazioni degli attori.

Una domanda per i produttori: quanto è stato impegnativo un film come The Amazing Spider-Man?
Avi Arad: Siamo un team molto unito e l’impegno verso Spider-Man dura da dodici anni, coinvolgendo persone che hanno amore e rispetto per il fumetto. Ci ha fatto molto piacere avere un cast innamorato dal personaggio: abbiamo delle foto di Andrew con il costume di Spider-Man a tre anni di età, e anche Emma si è immersa nel suo personaggio. Se metti insieme tutti questi ingredienti, la lavorazione diventa facile.
Matt Tolmach: La scelta del 3D ha cambiato la natura della regia e della lavorazione: all’inizio è stato difficile perché il 3D è una tecnologia innovativa, ma è stato anche un processo affascinante. Il 3D è una nuova forma di narrazione, un modo per avvicinare il pubblico ai personaggi.

L'eroismo di Peter Parker sta anche nella sua capacità di rinunciare a qualcosa, come l'amore, per il bene della comunità. Cosa ne pensi? E cosa pensa il cast degli esperimenti genetici?
Andrew Garfield: Non avevo capito il mio amore per Spider-Man fino a quando non ho iniziato le riprese, è un leader, e spiega cosa vuol dire avere 16 anni. È stato importante capire che aveva un impulso eroico prima ancora dei suoi poteri, e questo è un elemento chiave del personaggio. La sua forza interiore non corrisponde a quella esteriore: questo mi ha ispirato moltissimo quando ero un ragazzino emaciato...in realtà sono ancora un ragazzino emaciato [ride]. Peter Parker mette da parte i propri bisogni per gli altri, ha una grande empatia per le vittime, derivante anche dalla sua esperienza personale relativa alla perdita dei propri genitori. In questo modo diventa il protettore di un’intera comunità, e questo destino è parte della sua storia. Il suo senso dell’umorismo gli è necessario per superare gli eventi tragici, lui mette da parte anche la propria vita privata. Per quanto riguarda gli esperimenti genetici, se è possibile fare le cose in modo umano per aiutare gli altri, senza far male agli animali, allora non ci vedo niente di male.

Rhys Ifans: Il dottor Connors ed il suo alter-ego Lizard hanno un profondo legame emotivo con Peter Parker e a lui come al pubblico danno un avvertimento: gli sviluppi della scienza a volte sono così rapidi che spesso non ci danno il tempo di comprenderne gli effetti in termini morali. Spesso ci sono elementi che fanno sì che questi sviluppi siano piegati a interessi di parte. È una forma di presunzione quella del dottor Connors quando diventa Lizard.
Emma Stone: La ricerca sulle cellule staminali produce risultati positivi, ma ci sono anche aspetti politici coinvolti in questo tema, e non avendo le idee ben chiare la mia opinione non dovrebbe essere resa pubblica [ride].

È stata dura preparasti fisicamente per questo ruolo?
Andrew Garfield: Avevo tre anni la prima volta che mi sono mascherato da Spider-Man, era un momento fantastico. Mettermi la tuta per questo film è stato molto diverso, avvertivo un’enorme pressione, tanti soldi che giravano, e volevo assicurarmi di fare la cosa migliore per il personaggio. Per me era importante recuperare la stessa emozione anche su un grande set, e per fortuna ho potuto sentirmi libero di sperimentare e divertirmi come quando ero bambino, perché questo fa parte del personaggio. L’ho preso molto seriamente, era una cosa importante e ce l’ho messa tutta. Ci sono stati anche momenti di leggerezza e di gioia, un cast incredibile, e sono stato orgoglioso di trovarmi con questi attori fantastici, soprattutto Sally Field, un’equipe strepitosa.

Quale rapporto avevi con il fumetto di Spider-Man da piccolo?
Rhys Ifans: Non ero uno dei più grandi fan dei fumetti, ma quando mi hanno dato il ruolo ho avuto un ricordo chiarissimo del mio incontro con Spider-Man da bambino, a sette anni: mi hanno dato un fumetto che sul retro aveva una maschera di Spider-Man di carta da tagliare e colorare che potevi indossare. Penso di aver indossato quella maschera prima ancora che nascesse Andrew, peccato che sia durata poco...

Nella scena in cui sei rincorsa da Lizard, il tuo volto esprime veramente terrore, anche se in realtà non c'era il vero Lizard, creato con la CGI. in quella specifica scena ed in generale quando reciti, da dove prende le emozioni?
Emma Stone: Ero nello stanzino, terrorizzata da Lizard, che doveva dirmi qualcosa del tipo "Sento l'odore della tua pelle", allora ho chiesto a Rhys di ripetere qualcosa e ha detto delle cose agghiaccianti, ha fatto una cosa sorprendente; è stato anche divertentissimo, tutti ricordano quel giorno sul set. Credo che la cosa fondamentale sia lavorare con attori che ti sostengono e ti aiutano, sono un’enorme fonte di ispirazione. Con dei partner sul set riesci a tirare fuori il meglio di te, proprio come succede nella vita. Ci sono attori invece che sono come delle isole lontane, non riesci a raggiungerli.

Rhys, sul set eri quello con più esperienza. Non ti sei sentito come una sorta di guida per i due attori più giovani?
Rhys Ifans: Non mi sono sentito come un faro, sono sempre stato colpito dalle performance di questi due giovani attori incredibili. È stato fantastico lavorare con loro, erano sempre molto impegnati dal punto di vista fisico ed emotivo.

Come mai avete dato molta importanza alla vicenda dei genitori di Peter Parker?
Marc Webb: Quando ho pensato all’abbandono dei genitori, mi sono reso conto che questo lo avrebbe spinto a non fidarsi del mondo; da qui viene fuori il suo sarcasmo, è un meccanismo di difesa. Questa è stata la base da cui sono partito. È la storia di un ragazzino alla ricerca del proprio padre, ma che alla fine trova se stesso: questi elementi sulla sua identità sono stati molto interessanti. La perdita dei genitori gli lascia un grande vuoto, così come il dottor Connors avverte un grande vuoto per l’assenza del suo braccio.
Andrew Garfield: Peter Parker è un orfano, essere abbandonato è la maggior ingiustizia che possa capitare ad un essere umano, specialmente un bambino. Lo stress post-traumatico accompagna il mio personaggio, e soprattutto nel periodo dell’adolescenza è una cosa difficile da gestire. La perdita dello zio, i problemi legati al primo amore, la lotta con Lizard sono esperienze molto impegnative, ma il fatto di essere un orfano dà a Peter la forza per affrontare tutto questo. Spider-Man è un eroe fallace che però tutti noi amiamo moltissimo.

In che modo il personaggio di Spider-Man è entrato a far parte della società americana?
Marc Webb: Stan Lee ha creato qualcosa di trascendentale con questo personaggio. In lui c’è una componente utopica: Spider-Man è il guardiano, l’amico del quartiere, ha un costume colorato, e i bambini avvertono un legame quasi primordiale nei suoi confronti. Non so perché sia così, ma Stan Lee ha toccato delle corde universali. Spider-Man è l’unico supereroe il cui costume copre tutto il corpo e non lascia vedere il colore della pelle; chiunque potrebbe immedesimarsi in Spider-Man e quindi a maggior ragione c’è un’universalità in questo personaggio, come dimostrano anche le attestazioni di affetto da tutti i paesi del mondo.

Che voto dai a: The Amazing Spider-Man

Media Voto Utenti
Voti totali: 70
7.6
nd