Intervista Ricomincio da tre - Incontro con Fulvio Lucisano e Lello Arena

Il produttore Fulvio Lucisano e l'attore Lello Arena hanno incontrato a Roma la stampa in occasione della ridistribuzione straordinaria di Ricomincio da tre, diretto nel 1981 da Massimo Troisi.

intervista Ricomincio da tre - Incontro con Fulvio Lucisano e Lello Arena
Articolo a cura di

"Un'operazione di questo tipo è importante per far conoscere il film alla gente trentacinque anni dopo la sua distribuzione al cinema, poi abbiamo visto che gli esercenti hanno accolto positivamente quest'uscita in duecento copie. All'epoca venne programmato al solo cinema Gioiello di Roma per due anni e mezzo ed ebbe un grande successo di pubblico perfino ad una proiezione a New York vicino City Hall. Per i film odierni il sistema è molto cambiato; noi, il più delle volte, siamo dipendenti dalle televisioni, perché, se non ci comprano il film, è difficile sopravvivere".
Fondatore della società di produzione cinematografica Italian International Film, Fulvio Lucisano ha sintetizzato così le motivazioni della scelta di riportare in sala - in versione restaurata - il 23 e il 24 Novembre 2015 Ricomincio da tre, cult della commedia nostrana diretto nel 1981 dal compianto attore napoletano Massimo Troisi, il quale lo interpretò al fianco di Lello Arena.
Il Lello Arena che, presente insieme a Lucisano all'incontro con la stampa presso la multisala romana Barberini, non solo ha colto l'occasione per ringraziare il produttore Mauro Berardi e il direttore della fotografia Sergio D'Offizi per il lavoro svolto all'epoca nel film, ma ha approfittato per ricordare: "L'atmosfera nel nostro gruppo di lavoro era molto creativa, curiosa e surreale; il mercato cinematografico chiedeva un film della Smorfia, ma la scommessa non era quella di utilizzare un marchio di successo".

Il Massimo della Smorfia

Poi, sempre a proposito della maniera di lavorare della Smorfia, gruppo cabarettistico che aveva con Troisi ed Enzo De Caro, ha precisato: "C'era una sceneggiatura, poi facevamo tutta una farcitura di occasioni comiche. Sul set non abbiamo mai improvvisato, nemmeno su Scusate il ritardo. Io, inoltre, portavo i caffè, andavo in giro e facevo assistenza psicologica a chi si perdeva sul set, ma con la Smorfia era normale".
E non è mancato un ricordo del recentemente scomparso Pino Daniele, autore della colonna sonora del film, con il quale si conobbero a Torino dopo che fecero il varietà televisivo Non stop ("Se questo mondo è un po' meglio, lo si deve anche a persone come Massimo e Pino" ha dichiarato il buon Lello); mentre Lucisano, che si convinse che sarebbe stato un grande film quando andò a vederli al Teatro Tenda, ha raccontato che all'epoca, a Messina li trattavano come parenti poveri e a Milano gli esercenti volevano dargli solo due settimane; ma la cosa che più lo fece ironicamente arrabbiare fu scoprire più tardi che il loro distributore, che aveva accusato il fatto che non si capisse molto ciò che il protagonista diceva in dialetto, era napoletano (!!!).
Fu anche il motivo per cui disse di ripetere alcune battute due volte a Troisi, che riteneva bravo come Eduardo De Filippo, ma più simpatico, e sul cui film ha osservato che la scena in cui il protagonista fa il giro del palazzo per incontrare la ragazza gli è stata copiata almeno in dieci film.
Ma, per concludere, le parole più giuste non possono essere che quelle areniane: "Ricomincio da tre credo sia rimasto nel cuore di tutti perché si capisce che è fatto con la grande poesia e il talento che Massimo aveva, ma anche perché andava controcorrente. Quest'idea di andare controcorrente è molto più vistosa oggi che abbiamo un mercato cinematografico omologato e propenso a fare cose tutte uguali tra loro. La mancanza di Massimo si sente in maniera devastante."

Che voto dai a: Ricomincio da tre

Media Voto Utenti
Voti totali: 0
ND.
nd