The Legend of Tarzan

Sono stati presentati in anteprima alla stampa romana venti minuti di The legend of Tarzan di David Yates, nuova rivisitazione dell'uomo scimmia più famoso della storia dell'intrattenimento.

first look The Legend of Tarzan
Articolo a cura di

Sul grande schermo, la prima volta è stato possibile vederlo nel lontano 1918, quando venne distribuito il muto Tarzan of the apes di Scott Sidney.
Ma, tra gli anni Trenta e la fine dei Sessanta, sono stati soprattutto Johnny Weissmuller, Lex Barker e Gordon Scott a rimanere nella memoria degli spettatori cinematografici per aver concesso anima e corpo su celluloide a Tarzan, immaginario personaggio inventato dallo scrittore statunitense Edgar Rice Burroughs.
Immaginario personaggio apparso per la prima volta nel romanzo Tarzan delle scimmie, originariamente pubblicato nell'Ottobre del 2012 sulla rivista The All-Story e, due anni più tardi, in volume.
Immaginario personaggio che ha avuto anche i volti di Miles O'Keefe e Christopher Lambert in Tarzan, l'uomo scimmia di John Derek e Greystoke - La leggenda di Tarzan di Hugh Hudson e che si appresta ad invadere le sale italiane a partire dal 14 Luglio 2016 tramite The legend of Tarzan, distribuito da Warner Bros e diretto dal David Yates responsabile degli ultimi quattro capitoli della saga fantasy Harry Potter.

Prime sfumature di Greystoke

Una rivisitazione che pone Alexander Skarsgard nei panni dell'uomo scimmia che, trascorsi molti anni da quando ha lasciato la giungla africana per andare a Londra con la moglie Jane, ormai noto con il nome di John Clayton III, Lord Greystoke, viene inviato in Congo come emissario del Parlamento; ignaro di far parte di un pericoloso complotto orchestrato dal capitano bela Leòn Rom interpretato da Christoph Waltz.
Mentre è Margot Robbie a ricoprire il ruolo della donna nel corso di quello che si preannuncia come uno dei titoli più spettacolari dell'anno, a giudicare dai venti minuti mostrati in anteprima alla stampa romana.
Venti minuti che hanno lasciato intuire toni decisamente dark fin dalla prima sequenza proiettata, con i genitori del protagonista accerchiati nella giungla da scimmie ricreate in digitale.
Scimmie che abbiamo ritrovato sia nel momento successivo, con Tarzan piccolo tra loro, che nella lotta attuata dallo stesso, adulto, insieme a Samuel L. Jackson.
Quest'ultimo nelle vesti di un cacciatore impegnato anche a lanciarsi con le liane durante un assalto a un treno in corsa che ci invita a pensare si rivelerà uno dei momenti più emozionanti dell'operazione.
Del resto, al di là di un inseguimento con il già citato Waltz, quest'ultimo preso a minacciare Jane a tavola per portarla dalla propria parte e, ovviamente, un immancabile bacio notturno tra i due personaggi principali, oltre a quanto raccontato ha provveduto soltanto il distruttivo intervento di una mandria inferocita di gnu in corsa (ma con un leone in mezzo) a regalare l'ultimo concentrato di adrenalina ed effetti speciali che, nonostante i quasi cento anni di vita della creatura letteraria burroughsiana nell'ambito della Settima arte, ci portano ad attenderne ancora una volta con trepidazione il suo ritorno nei cinema.