Anteprima Tartarughe Ninja - Fuori dall'ombra

A sorpresa ecco sbucare 'fuori dall'ombra' il trailer del secondo film della saga reboot sulle Tartarughe Ninja: è in arrivo un interessante outsider nel genere dei cinefumetti? Scopriamolo insieme!

anteprima Tartarughe Ninja - Fuori dall'ombra
Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

"Fuori dall'ombra": il sottotitolo per il secondo capitolo del reboot delle mitiche Teenage Mutant Ninja Turtles non è nuovo per i fan del franchise (deriva dallo sfortunato videogioco omonimo uscito nel 2013, pur non avendo niente a che farci) ma sembra, alla luce del primo trailer, quantomeno perfetto. Il primo episodio della nuova serie, uscito nel 2014 senza grossi clamori, non è difatti riuscito a riportare l'attenzione sulle quattro tartarughe ninja come i produttori si aspettavano: colpa probabilmente di un mercato cinematografico quasi saturo di pellicole simili, in un anno che ha visto uscire nelle sale hit enormi come Captain America: Winter Soldier, Guardiani della Galassia, X-Men: Giorni di un futuro passato e The Amazing Spider-Man 2 (solo per citarne quattro!): nonostante la popolarità ininterrotta delle varie serie animate dedicate loro, Leonardo, Michelangelo, Donatello e Raffaello non hanno brillato come potevano, complice anche una sceneggiatura un po' raffazzonata e decisamente banale. Il divertimento e la spettacolarità, tuttavia, non mancavano, oltre ad un approccio piuttosto intelligente al tono della pellicola e al feeling dei personaggi. E i risultati al botteghino non erano da buttar via: quasi 500 i milioni di dollari solo negli USA, a fronte di un investimento di 125. La speranza è dunque sempre stata riposta, dal momento della nostra visione in anteprima, nei confronti di un sequel che potesse aggiustare il tiro e darci quello che chiedevamo: un film sulle TMNT che non ci facesse rimpiangere serie e film degli anni '90. Forse è arrivato: Tartarughe Ninja - Fuori dall'ombra è in dirittura d'arrivo. E il trailer, uscito quasi in sordina dopo delle riprese effettuate anch'esse senza grossi strombazzamenti mediatici, promette molto bene.


Shell shocked

Mettiamo subito le cose in chiaro, come anche Nickelodeon Movies e Paramount sembrano voler fare con questo primo trailer: non c'è alcuna ambizione nei confronti del tono "dark" che sembra quasi diventato un must per molte pellicole post-nolaniane del genere, né i toni sono quelli da commedia (più o meno) epica di alcuni dei maggior successi degli ultimi anni. Tartarughe Ninja - Fuori dall'ombra è un enorme giocattolone, è il playtime dei nati negli anni '80 -cresciuti con gli adorabili pupazzetti della Playmate Toys- portato sul grande schermo da un produttore Re Mida quando si parla di progetti simili: Michael Bay. Definitivamente archiviati i pregiudizi pre-visione del primo film, Bay lascia ora campo libero a un nuovo regista (il Dave Green della piccola e gradita sorpresa Earth to Echo, che sostituisce il collega Jonathan Liebesman) che -naturalmente- si professa grande appassionato della materia e si mette al lavoro al grido di 'bigger is better'. A giudicare da questo primo trailer sembra aver imbroccato la strada giusta, ovvero quella di un cinefumetto che non si vergogna di essere quel che è: la trasposizione cinematografica di una serie che nasce ridanciana, parodistica ed esagerata. TMNT-OotS non gioca a fare il Daredevil serio perché... semplicemente non ne ha bisogno, dato che il fumetto originale nasce come parodia dello stesso (contaminata da molti altri aspetti pop dei fumetti anni '80).

Spegnete il cervello e tornate bambini: cose come il Tartafurgone o il mezzo anfibio che dà la caccia ai nostri beniamini in mezzo alle rapide non fanno che confermare il mood dell'operazione, che sembra voler recuperare molti personaggi e temi della serie, prendendo a piene mani da incarnazioni diverse (da quella del 2003 a quella dei fumetti e del cartoon odierno).
Ma di cosa parla questo nuovo episodio? Nel trailer la prima minaccia è chiara: Shredder è tornato e con lui il famigerato Clan del Piede, pronto a reclamare vendetta verso le odiate tartarughe. Assistiamo a un cambio di interprete, neanche molto dissimulato: Brian Tee prende il posto del più anziano Tohoru Masamune, e viene da chiedersi come l'Eric Sacks di William Fichtner possa essere suo allievo, ma sono "dettagli" per un film di questo genere, che sembra in un certo qual modo seguire la scia di sequel come G.I. Joe - La vendetta, che divergono leggermente dal precedente pur prendendo per buono il setting del primo episodio.

Le vere star comunque sono i personaggi nuovi introdotti nel sequel, tutte vecchie conoscenze degli amanti della saga: da Baxter Stockman (artefice dei nuovi esperimenti sull'Ooze e gli umani) ai suoi due "prodotti" Rocksteady e Bebop (resi con un character design a dir poco eccelso) fino ad arrivare a Casey Jones, che abbiamo già visto anche nei vecchi film anni '90... solo che questa volta è interpretato da Stephen Amell, già protagonista del serial supereroistico Arrow. Tornano, naturalmente, il maestro Splinter e Megan Fox nei panni di April O'Neil; il suo ruolo, tuttavia, sembrerebbe ridimensionato rispetto al primo film: alla pari con quello di Will Arnett/Vernon, insomma.
Tuttavia, se si presta attenzione soprattutto all'inizio del trailer si nota che qualcos'altro minaccia New York... e forse non solo quella: nubi oscure paventano una qualche invasione aliena. Be', sì, non proprio un'idea originale, ma potrebbe essere un'ottima occasione per introdurre le razze degli Utrom (e quindi, collateralmente, anche Krang magari, unendo due concept simili) o magari i Triceratons. Ma, probabilmente, sarà materiale per il terzo film. Staremo a vedere. Intanto godiamoci questo secondo episodio, previsto nelle sale statunitensi per il 3 giugno: la data ufficiale italiana non è invece ancora stata rivelata. Potrebbe essere contemporanea, come in UK, o potrebbe essere posticipata a luglio o agosto come in Francia e Germania. Ma, data la resilienza dei distributori italiani nel portare film in sala d'estate, potremmo dover attendere settembre. Lo scopriremo quanto prima. Per ora, Cowabunga fratelli!