Lucca 2013

Anteprima Planes

Scopriamo i personaggi del nuovo film Disney ambientato nell'universo narrativo di Cars

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Dai cieli sopra il mondo di Cars arriva Planes, il nuovo film d'animazione Disney diretto da Klay Hall con la produzione esecutiva di John Lasseter. La pellicola, nelle sale italiane da oggi, è stata oggetto di numerose iniziative speciali negli ultimi giorni, a cavallo tra Lucca Comics & Games (dove abbiamo potuto gustarci svariate preview relative ai personaggi) e il Festival del Film di Roma, che oggi ha ospitato, all’interno dell'Auditorium Parco della Musica, l'arrivo degli aeroplani più divertenti di sempre. L'Auditorium si è così trasformato in un magico gate aeroportuale e, dopo i controlli al coloratissimo check in e il passaggio al metal detector d’imbarco, i piccoli e grandi ospiti hanno potuto muovere i passi all’interno di un fantasioso allestimento che ricreava l’atmosfera del film ispirato al mondo di Cars Disney•Pixar.
Presso Lucca Comics & Games, invece, il film è stato protagonista, insieme a Frozen (al quale presto dedicheremo un'anteprima), di una speciale di una ventina di minuti, durante la quale sono stati mostrati il trailer, alcuni teaser e dei video di presentazione dei personaggi, oltre a tre specialissimi corti dedicati al mondo di Cars.

Nei corti ritroviamo Saetta, Carl Attrezzi e tutti gli altri protagonisti della saga alle prese con buffe avventure di vita quotidiana: un gustoso preludio che ci riporta all'atmosfera della saga di Cars proiettandoci, però, subito dopo nel contesto “aereo” di Planes, già parzialmente esplorato nel corto
Cricchetto Pilota con Brevetto, alla fine del quale, giustamente, il nostro caro Carl ammiccava esclamando “Hey, dovrebbero fare tutto un film sugli aerei!”.
Così è stato, ed eccoci ora a scoprire un mondo fantastico (quello di Planes) all'interno di un altro mondo fantastico: quello di Cars!
Il protagonista di questa nuova avventura è Dusty, un piccolo aereo agricolo dal cuore grande e con un unico sogno: partecipare alle gare ad alta quota come aereo da competizione. Ma Dusty non è stato esattamente progettato per gareggiare... e soffre di vertigini! Così si rivolge all’aviatore navale Skipper, che lo aiuta a prepararsi per sfidare Ripslinger, il campione in carica. Il coraggio di Dusty sarà messo a dura prova quando cercherà di raggiungere altezze a cui non aveva mai sognato di arrivare prima d’ora, dimostrando al mondo con grande prodezza di sapersi spingere oltre ogni record previsto.

Seguendo l'esempio di Cars 2, durante il quale abbiamo fatto la conoscenza con automobili provenienti da tutto il mondo, anche in Planes avremo modo di conoscere personaggi provenienti dai quattro angoli del globo, che ci sono stati presentati con delle divertentissime clip di presentazione. Nonostante fossero create con l'intento di divertire e appassionare il grande pubblico con canzoni, battute ad effetto, colori sgargianti e acrobazie, delineavano perfettamente, anche con una certa sagacia, l'indole dei personaggi presi in esame, decisamente meglio di quanto fatto nel secondo film della saga, dove i personaggi erano decisamente più macchiettistici.

Nella prima scopriamo Ripslinger, l'idolo delle folle, il campione imbattuto: in assoluto il nome più importante delle corse aeree... e lui ne è consapevole! Ma nonostante una ricchezza enorme e delle attrezzature d'avanguardia, il campione del mondo continua a gareggiare in modo sleale, soprattutto quando deve affrontare un aereo di provincia con un'esperienza nella corsa pari a zero. Dusty non appartiene allo sport di Ripslinger e la sua sola presenza fa ribollire il carburante del professionista. E se l’inesperienza di Dusty non è sufficiente a farlo uscire di gara, ci pensa Risplinger a far decollare i suoi due subdoli complici per mettere i bastoni tra le ali a Dusty.

Abbiamo poi, con il suo prorompente fascino sudamericano, El Chupacabra: una leggenda del Messico (almeno secondo i suoi racconti!). Alimentato dalla sua passione per le corse (per non parlare di quella per la sfuggente Azzurra, la bella “aeroplanina” italiana), questo Casanova mascherato mantiene tutt'altro che un basso profilo. La sua voce rimbombante e il suo carisma sono notevoli, tanto quanto la grandezza del suo motore fuori misura.
I suoi colleghi non sono mai certi del confine tra vero e falso quando hanno a che fare con El Chu ma una cosa è fuor di dubbio: corre con molto più entusiasmo e stile plateale di quanto sia consigliabile ad alta quota.

Infine, ecco la campionessa panasiatica in carica, proveniente dall'India: Ishani è tanto uno spettacolo per gli occhi quanto una furia nel cielo. Grazie al suo spirito competitivo per l'alta velocità e al suo notevole talento, ha raccolto intorno a sé oltre un miliardo di fan devoti tra cui un novellino che non fa altro che chiederle consigli. Esotica e misteriosa, Ishani è piena di sorprese, ma è sempre concentrata sul premio: ad un giornalista che, durante una conferenza stampa, osa mettere in dubbio le sue capacità, risponde “decisamente” per le rime, intonando una ipnotica canzone in stile Bollywood.

Che voto dai a: Planes

Media Voto Utenti
Voti totali: 11
6.6
nd